BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Siamo andati avanti per garantire i motociclisti”

Questo il commento dell'organizzatore Raffaele Ghilardi dopo l'incidente mortale avvenuto durante la manifestazione.

Più informazioni su

Erano circa 2500 i motociclisti che si sono radunati questa mattina per la Cavalcata delle Valli Orobiche, giunta al 49° anniversario. I centauri sono arrivati soprattutto dalla Bergamasca e, in generale, dalla Lombardia, ma anche dalle regioni vicine e dalla Svizzera, in sella a moto da strada, moto d’epoca o ciclomotori. La regina delle non competitive, nelle sue versione "solo asfalto", è partita alle 10,00 da via Carducci. Gli appassionati delle due ruote si sono radunati al consueto punto di partenza, davanti alla concessionaria Honda Dall’Ara e alla Saiga Gomme, e da lì sono partiti per attraversare la città e uscire verso la Valle Brembana.
L’arrivo è avvenuto poi al Centro commerciale Le Due Torri di Stezzano, che ha offerto ai partecipanti un menù completo da consumare al primo piano della struttura in undici diversi locali, tra ristoranti tradizionali, etnici e fast food. Il punto di arrivo è stato particolarmente scenografico: oltre 2000 moto radunate nel parcheggio del centro che si affaccia sull’autostrada.
Tre in totale i punti di ristoro lungo il percorso: a Sant Omobono Terme, voluto dall’associazione dei commercianti, a Serina e a Lovere, per volere di entrambe le Amministrazioni locali che hanno un forte spirito sportivo.
“Nonostante il tragico incidente avvenuto in mattinata, abbiamo continuato a lavorare per garantire a tutti i motociclisti la migliore corsa e accoglienza possibile – ha commentato Raffaele Ghilardi, vicepresidente Mc Bergamo e organizzatore della Cavalcata –. Le presenze sono state davvero significative, segno di una grande passione che accompagna i nostri centauri in questa manifestazione da quasi cinquant’anni”.
Boom di presenze al centro commerciale Le Due Torri di Stezzano, arrivo della manifestazione: “In questa giornata oltre 20mila persone hanno visitato il centro, approfittando della manifestazione. Siamo felici di aver contribuito all’organizzazione dell’evento, garantendo un ottimo servizio, tempestivo e di qualità. Abbiamo lasciato ai partecipanti la scelta del menù e siamo riusciti a soddisfare l’alta affluenza di pubblico in tempi rapidi”, ha commentato Roberto Speri, direttore del centro commerciale.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da grumel

    Fra BG e BS non passa weekend senza che non ci scappi il morto o l’invalido a vita fra i motociclisti…passatempo infantile e pericoloso….

  2. Scritto da marilena

    ringrazio il signor salvi per la sua testimonianza, però sarebbe stato più credibile se si fosse ritirato subito oggi, non la prossima volta. Ha vinto ancora l’interesse, lo spettacolo doveva continuare…

  3. Scritto da Flaminio

    Mi sembra che Marilena viva in un altro mondo ed abbia seri problòmi: ogni suo intervento é critico, censorio, senza che conosca a fondo la realtà dele cose; quale interesse? Le quote di iscrizione erano già state versate; quale spettacolo? Gli attori erano i motociclisti, non c’é pubblico pagante!

  4. Scritto da francesco

    Scusi signora a Ponte Nossa me ne sono andato via, ma mi eviti i fervorini per favore, e poi di quale interesse parla? non la metta in politica per piacere ( vizio italianissimo) che c’è un morto per terra!!!!! Non per questo smettero’ di andare in moto, dico solo che oggettivamente cosi’ non puo’ andare avanti.E poi guardi che in italia abbonda il moralismo che non è la moralità!

  5. Scritto da Entradec

    Premetto che sono dispiaciuto per il ragazzo che è mancato durante la manifestazione. Però mi sembra che a questa organizzazione (ed ai motociclisti in genere) sia permesso di fare ciò che a noi comuni mortali non è permesso. Ieri mi sono trovato in bici in mezzo a questi emuli di Valentino ed ho pensato come sia possibile autorizzare una cosa simile. E’ vero molti erano i biker rispettosi del codice della strada ma moltissimi nemmeno rispettavano le carreggiate.

  6. Scritto da Il Naggio

    Prima e ultima volta che partecipo a questa cavalcata.
    troppi idioti, sorpassi molte volte azzardati, gente con le targhe coperte da sacchetti della spesa……
    Dovrebbe essere una passeggiata, per molti lo è, ma probabilmente una piccola minoranza ne approffitta per correre e dimostrare chissà cosa, rovinando il sano divertimento agli altri.
    io di controlli non ne ho visti….

  7. Scritto da Vins60s

    … Innanzitutto condoglianze alla famiglia del Biker deceduto!!!… è veramente un peccato che in manifestazioni cosi, ci sia sempre una consistente fetta di partecipanti che nonostante tutto si comportano in modo scorretto!!! questo poi finisce per ledere l’immagine di tutti gli altri che invece si comportano correttamente, finendo per rovinare a volte irrimediabilmente manifestazioni uniche, cosi come è già successo!!!… ci vorrebbero, in questi casi più controlli delle Forze dell’Ordine!!!

  8. Scritto da Vins60s

    … segue dalla precedente…. ricordo in passato quando la Mitica Cavalcata si svolgeva su più percorsi, compreso (quello forse da dove è cominciato il tutto) il percorso fuoristrada!!! … via via eliminato per i soliti problemi!!!!…. speriamo che i Biker si facciano un bell’esamino di coscienza e imparino a comportarsi correttamente e trasmettano anche ad altri questo principio!!!…… poi le polemiche sterili lasciamole ad altri…. ciao a tutti!!!

  9. Scritto da jack

    ok finire la manifestazione per la “garanzia” dei motociclisti, ma la festa finale alle Due Torri………….

  10. Scritto da sergio

    @ grumel
    dal mio punto di vista anche il calcio è pericoloso .mi ricordo dell’ Eysel e non solo….
    ol balù è anch’esso un passatempo infantile e pericoloso : rimbambisce il popolo ,facendogli dimenticare i reali problemi del paese,ma chissenefrega,basta che il campionato vada avanti .
    io con la moto ho fatto un brutto incidente anni fa, e ho rischiato la pellaccia,peccato che il colpevole fosse uno in auto che mi ha tagliato la strada per andare a 300 mt. di distanza.
    quindi……….

  11. Scritto da sergio

    per prima cosa , un saluto a chi non c’è più.
    anch’io negli anni scorsi partecipavo alla manifestazione , anche se da “portoghese” , mettendomi tra gli ultimi partenti.
    non conosco la dinamica dell’incidente , ma purtroppo però ho sempre notato che oltre alla massa dei bikers che per strada vanno con la testa sulle spalle c’è sempre qualche emulo dei piloti del Mondiale .
    finchè va bene tutto ok, poi però il destino ti presenta il conto….
    è da anni che ho smesso di andarci , troppo pericolo

  12. Scritto da marilena

    per francesco e flaminio. non ho parlato di politica, voi l’avete pensato, chissa perchè. Come si può trovare divertente vedere 2000 moto sfrecciare sulla strada con rumore assordante, scarichi inquinanti ecc.ecc.? Io proprio non lo capisco.

  13. Scritto da Il Naggio

    Sig.ra Marilena, il mondo è bello perchè vario. C’è a chi piaciono le moto e a chi no. 2500 moto che sfrecciano sono un bello spettacolo per chi sa apprezzare…

  14. Scritto da Paolo

    Non ricordo l’ultima volta che ho letto tanti stucchevoli commenti contro le varie categorie di utenti della starda.
    La mamma dei cretini è sempre incinta sia che vadano a piedi, in bici, in moto (scooter compresi) od in auto, non escludo altri mezzi di locomozione meno diffusi. Ad ogni incidente sempre i soliti commenti, moralisti del c…. e vari personaggi con le idee confuse. La soluzione è semplice, anche se non rapida: educare e non proibire.
    Paolo

  15. Scritto da salvi francesco

    Ho partecipato alla cavalcata, ho visto il motociclista a terra mentre tentavano di rianimarlo, come lo visto io lo hanno visto tutti gli altri, bene nonostante questo , da Oltre il Colle a Ponte Nossa è stata per una parte dei partecipanti una folle gara di velocità, ed io non sono uno che in moto fa colonna!!!a mio avviso , preciso senze colpe per il motoclub Bergamo,se è cosi’ è meglio non farla piu’,cosi’ è troppo pericoloso.per me è l’ultima.