BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fiom: incontriamoci. Fim: prima chiarezza

Il segretario Fiom Borella chiede a Fim e Uil un incontro e parla di episodi "sbagliati di intolleranza". Il leader Fim Uliano: ma serve chiarimento profondo.

Più informazioni su

Botta risposta tra Eugenio Borella, segretario della Fiom Cgil di Bergamo che chiede ai colleghi di Fim Cisl e Uil Uilm un incontro dopo le tensioni forti delle scorse settimane, sfociate con la contestazione a suon di uova e petardi alla sede della Cisl di Treviglio, e il leader della Fim di Bergamo Ferdinando Uliano.

Ecco le due lettere.

Sulla base della presa di posizione assunta dalla Segreteria nazionale
della FIOM-CGIL, in riferimento agli episodi sbagliati di intolleranza
assunti verso le sedi della CISL
ed al valore della pratica democratica
nel rapporto con le lavoratrici ed i lavoratori, a nome della FIOM-CGIL di
Bergamo sono a formularvi la richiesta di una riunione congiunta per
concordare la definizione di un piano di assemblee unitarie in tutti i
luoghi di lavoro
in cui discutere e confrontare le posizioni sindacali in
campo a partire dalle vicende relative al Ccnl.
Rimango in attesa di un vostro riscontro.
Il segretario generale FIOM–CGIL Bergamo
Eugenio Borella

Come ti ho già comunicato telefonicamente, mi risulta già definita una riunione tra i segretari generali di Cisl Cgil e Uil nella giornata di lunedì 11.10 alle ore14,30, con la presenza dei segretari di categoria per chiarire e prendere una posizione comune rispetto ai fatti accaduti alla sede di Cisl di Treviglio. E potremmo vederci in quell’occasione per aprire il confronto necessario tra le nostri organizzazioni.
 A
l riguardo ti preciso che ritengo indispensabile in quella riunione prima di tutto un chiarimento profondo rispetto ai fatti, ai rapporti tra le nostre organizzazione e i nostri operatori e militanti. Credo che ci sia una sottovalutazione della grave iniziativa da voi organizzata, della leggerezza irresponsabile con cui oggi non comprendiate la pericolosità dei fattori di odio e settarismo da voi seminati. E’ necessario e utile per i lavoratori che rappresentiamo, costruire le condizioni per una convivenza civile e democratica nell’esercizio dell’attività sindacale sul nostro territorio.
La FIM-CISL di Bergamo non si è mai sottratta da un confronto nelle assemblee con i lavoratori,
cercando di costruire un clima di rispetto democratico tra le organizzazioni sindacali.
Riscontro invece atteggiamenti da parte tua che vanno in altra direzione, altrimenti non mi spiegherei la
grave forzatura attuata oggi dalla tua RSU Fiom in Lovato di convocare un assemblea senza concordarla con il nostro responsabile FIM. Caso purtroppo non isolato come mi segnalano i miei operatori in tante altre aziende della provincia.
Ritengo che la responsabilità che rivesti ti debba portare a comportamenti diversi, se si vuole realmente
intrapprendere un vero percorso democratico e civile nell’azione unitaria, che siamo chiamati ad
assumere per rispondere agli interessi dei lavoratori che rappresentiamo.
Il segretario generale FIM-CISL Bergamo
Ferdinando Uliano

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da libera

    al n.8 mi chiamo manuela e sono libera di pensiero,,,caro ex lettore. sono delle uilm e fiera di esserlo perchè in azienda è la uilm che mi permette di fare sindacato, non certo la fiom. ho idee politiche talmente a sinistra da non sentirmi rappresentata da nessuno, ecco perchè non sopporto chi fa sindacato e USA i lavoratori per fare opposizione o appoggiare i governi a seconda dei colori. sacconi e company possono dire quel che vogliono ma chi manifesta lo fa perchè crede nelle idee

  2. Scritto da CAPITANIO

    Strano concetto della democrazia ha il segretario della Fim. Il sistema di regole per i CCNL non lo fanno votare, Il CCNL non lo fanno votare, le deroghe non le fanno votare, ALLA LOVATO SONO COSI’ CREDIBILI NELLE LORO IDEE CHE NON TROVANO NEPPURE UN LAVORATORE CHE ABBIA IL CORAGGIO DI CANDIDARSI ALLA RSU PER LORO, LA RSU LOVATO E’ TUTTA FIOM E LI INVITANO IN ASSEMBLEA E VOGLIONO DECIDERE LORO LA DATA. In Italia pensavo che solo Berlusconi avesse un concetto democrazia così “da terzo mondo”!!!!

  3. Scritto da Pino

    la manifestazione di sabato che ha fatto piacere a Sacconi e al Governo, una buffonata che offende le persone che lavorano.

  4. Scritto da Militante Rifondazione Comunista 1

    Ieri Cisl e Uil hanno manifestato a Roma
    Dicono che fossero in 100mila.. benissimo!
    Anche xche’ la proposta di ridurre drasticamente le aliquote sulle buste paga dei lavoratori dipendenti, e’ una richiesta che la CGIL avanza da tempo, visto che dipendenti e pensionati sono gli unici o quasi a tenere in piedi le casse disastrate di questo Paese
    Ma 2 questioni mi sono sembrate molto strane rispetto alle Manifestazioni cui siamo abituati…

  5. Scritto da ISCRITTO ALLA FIOM

    Cisl Uil e Sacconi sono diventati cosi’ buoni amici che nel parlare l’uno degli altri, si dimenticano addirittura il nocciolo della questione..
    Si accettano scommesse su quali saranno i commenti del Ministro Sacconi dopo la NOSTRA manifestazione di sabato16 ottobre a Roma
    La Fiom non e’ amica ne’ degli industriali ne’ dei Ministri quando si tratta di DIRITTI e DIGNITA’ degli operai sul posto di lavoro

  6. Scritto da UNIONE SINDACALE di BASE (USB) di BERGAMO

    Mentre la UNIONE SINDACALE di BASE sabato 9 ottobre era a Torino a dire NO AL MODELLO FIAT che partendo da POMIGLIANO si vuole estendere in tutti i posti di lavoro,Bonanni da ROMA grida: 10 100 1000 POMIGLIANO!…..ora la FIOM è davanti ad un bivio:o “tornare al ovile” e fare pace con la CISL,oppure respingere l’accordo separato,nella consapevolezza che questo attacco può essere respinto NON DA SOLI ma da tutte le categorie del mondo del lavoro!
    ALLA FIOM DECIDERE E SCEGLIERE IN MODO CHIARO!

  7. Scritto da Militante Rifondazione Comunista 2

    1) stranamente non si e’ sentito in alcun TG nazionale il numero dei manifestanti dato dalla Questura (che solitamente ridimensiona le stime degli organizzatori a meno della meta’)
    2) sono suonati strano gli elogi del Ministro del Lavoro Sacconi.. del tipo “Piazza straordinaria” “Le parole dei manifestanti sono le stesse di Tremonti”
    Forse il Ministro (abbagliato dalla mancanza di Bandiere Rosse) non si e’ accorto che i manifestanti chiedevano risposte al Governo (SORDO)

  8. Scritto da Marzio

    Cisl smettila di danneggiare chinlavora con le firme di accordi separati che dvidono chi lavora.

  9. Scritto da ex elettore

    Alla 5 sei talmente libera che non scrivi nemmeno il tuo nome….
    La democrazia della fim cisl invece è quella di far votare solo i propri iscritti gli accordi firmati con i padroni, vedi contratto nazionale.

  10. Scritto da Beppe

    In 100.000 ieri quelli di CISL e UIL hanno manifestato contro il fisco del governo……ma non se ne è accorto NESSUNO…..questo la dice lunga sulla credibilità di questi due sindacatucci…….

    L’unica notizia di rilievo e che ha fatto rumore, era la mancanza della CGIL……

  11. Scritto da Militante Rifondazione Comunista

    La Fim-Cisl rinfaccia termini come “Sottovalutazione” e “Leggerezza irresponsabile” alla FIOM-Cgil ???
    Rispedirei immediatamente questi termini al mittente!!
    sono Cisl e Uil che firmano ogni porcheria con Confindustria e Governo con una “Leggerezza irresponsabile” e con una “Sottovalutazione” dei rischi e dei problemi che queste porcherie provocano ai Lavoratori in termini di Diritti e Dignita’ sul posto di lavoro
    Cisl e Uil basta vittimismo, prendete atto che gli operai non sono con voi

  12. Scritto da il 16 Tutti a Roma!!

    il 16 Ottobre tutti a Roma a fianco della FIOM-CGIL l’unico sindacato che non si piega e che non firma contro i Lavoratori
    DIRITTI DIGNITA’ e DEMOCRAZIA sul posto di lavoro
    Ogni contratto o accordo deve essere approvato da un Referendum Libero tra i lavoratori
    non solo quando lo impone la Fiat con lo sporco ricatto “o voti SI o lascio la produzione e i finanziamenti in Polonia” (questo e’ “terrorismo”.. non 4 uova contro i muri della Cisl)
    Tutti a Roma!! Viva la FIOM!!

  13. Scritto da Viva la FIOM CGIL

    il CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) non e’ altro che un contratto (tra industriali e Sindacati) che definisce parte normativa ed economica.. praticamente regole e salario..
    Se Cisl Uil ed Industriali vogliono Deroghe al CCNL significa che vogliono cambiare le regole del CCNL, che essendo un insieme di regole e normative precedentemente definite e concordate, non avrebbe + motivo di esistere
    Cisl e Uil hanno chiesto un parere agli operai prima di buttare al macero il loro CCNL ??

  14. Scritto da kaci

    Je t’aime moi non plus! Ma non é il caso di rimettere i mandati nelle mani di chi lavora? Oggi se devo scegliere il mio rappresentante: senza dubbio e’ meglio Marcegaglia! Non era Bertinotti a dire tra la fotocopia e l’originale sia meglio quest’ultima?!

  15. Scritto da libera

    Mi chiedo se chi commenta con leggerezza atti di intolleranza e appoggia incondizionatamente la Fiom conosca realmente l’argomento e temo di no. Da 15 anni sono delegata di fabbrica e la democrazia della Fiom è tatuata sulla mia pelle, così come la presunzione che siano gli unici a tutelare i diritti dei lavoratori…mi verrebbe da ridere se non fosse che viverlo mi indigna. I lavoratori non sono lo strumento di un sindacato, svegli iscritti Fiom!!