BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Colantuono: “Voglio una squadra pi?? cinica”

I nerazzurri cercano il successo casalingo che manca dalla prima giornata: "Massima attenzione ai loro attaccanti. Nessuna vendetta personale"

Più informazioni su

Nel big-match di domenica sera contro il Torino al Comunale l’Atalanta cercherà quel successo casalingo che manca dalla prima giornata contro il Vicenza. Non sarà facile però, perché anche la squadra granata può contare su una rosa ben assortita. Ne è consapevole Stefano Colantuono, che nella conferenza stampa della vigilia mette in guardia i suoi ragazzi: “Il Torino è senza dubbio una squadra, che come noi, è stata costruita per cercare la promozione diretta –analizza il tecnico romano- Dobbiamo pensare a fare la nostra partita, cercando di confermare le ultime due prestazioni in cui abbiamo creato almeno una quindicina di azioni da gol. Anzi, preferirei crearne meno ma essere più concreto sotto porta. Il nostro stadio deve diventare un fortino inespugnabile”. Oltre a cercare la rete, bisognerà fare attenzione al temibile reparto offensivo del Toro. Primo fra tutti Bianchi, che in settimana ha speso parole al miele per Colantuono: “Mi fa  piacere rincontrare Rolando perché come tutti i bergamaschi è prima di tutto una gran bella persona. In campo dovremo fare molta attenzione alle sue zampate. In settimana ci abbiamo lavorato molto, e non solo su di lui. Loro hanno là davanti sono molto temibili quest’anno, non dimentichiamoci infatti anche di Iunco e Sgrigna”. E pensare che Colantuno quest’anno avrebbe potuto essere in Serie A con il Torino, se solo la scorsa stagione si fosse conclusa in modo diverso: “Il passato preferisco lasciarlo alle spalle. E’ stata una stagione piuttosto tribolata quella sulla panchina granata. Il più grosso rammarico sono quelle cinque giornate in cui non ho potuto guidare la squadra, perché forse alla fine non sarebbe andata così. Comunque sia conservo un buon ricordo di quell’esperienza, e sono rimasto legato alla città. Non sono in cerca di vendette -conclude l’allenatore atalantino- voglio solo che l’Atalanta vinca per continuare il suo cammino verso la promozione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il giudice

    Ultima spiaggia per il portodanzese ?
    Direi proprio di si.