BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Su internet il curriculum degli insegnanti

Genitori e studenti lo potranno consultare direttamente su internet, per vedere dove ha studiato la loro maestra o il loro professore di matematica.

Più informazioni su

dal Corriere della Sera

Il curriculum degli insegnanti diventerà pubblico. Genitori e studenti lo potranno consultare direttamente su internet, per vedere dove ha studiato la loro maestra o il loro professore di matematica, dove ha insegnato prima di arrivare nel liceo dove lavora adesso, se conosce l’inglese o sa usare il computer. Una specie di «etichetta degli ingredienti» che, almeno nelle intenzioni, dovrebbe aiutare famiglie e studenti a scegliere in modo trasparente la scuola più adatta alle proprie esigenze.
«L’anagrafe nazionale telematica dei docenti», questo il nome ufficiale, è prevista da un regolamento firmato dal ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini. Un lungo documento che due giorni fa, dopo una serie di rinvii, ha superato l’esame del Consiglio nazionale della pubblica istruzione e che in realtà riguarda un’altra questione, le nuove classi di concorso per i docenti. Ma in quel testo, all’ultimo momento, il consigliere del ministro Max Bruschi ha infilato il passaggio sui curriculum.
Dice il nuovo articolo 4 del regolamento che l’anagrafe dei docenti sarà pubblicata direttamente sul sito internet del ministero dell’Istruzione. Per ogni insegnante—oltre ai «dati anagrafici» e quindi al luogo e alla data di nascita — saranno elencate una serie di voci standard: il titolo di studio, cioè laurea o diploma; le abilitazioni, cioè le materie che può insegnare; la scuola dove insegna e quelle dove ha lavorato prima; le eventuali pubblicazioni di libri o articoli; le eventuali specializzazioni, cioè i corsi seguiti dopo la laurea o il diploma; le certificazioni «con particolare riferimento alla lingue straniere e alle competenze informatiche». Sul sito del ministero finirà il curriculum di tutti gli insegnanti, dalle materne alle superiori, sia di ruolo che precari se inseriti nella graduatorie permanenti, quelle dove si pesca per le supplenze annuali. In tutto quasi un milione di persone.
Chi riempirà le voci dell’anagrafe? Con ogni probabilità toccherà agli uffici scolastici regionali e provinciali occuparsi della pratica, con il controllo successivo dei diretti interessati. Ma per sapere come funzionerà nel dettaglio la procedura bisogna aspettare ancora qualche settimana. Dopo il via libera del Consiglio superiore della pubblica istruzione di due giorni fa adesso il parere sarà trasmesso al Parlamento per il parere delle commissioni (obbligatorio ma non vincolante) per poi passare in consiglio dei ministri. I tecnici del ministero dell’Istruzione dicono che il sistema potrebbe andare a regime a partire dall’inizio del 2011, comunque in tempo per il prossimo anno scolastico. E assicurano che l’obiettivo è aiutare famiglie e studenti a capire in che scuola stanno per entrare, in modo da valutare le alternative possibili. Solo pochi mesi fa il ministero dell’Istruzione aveva messo a punto un’altra anagrafe, quella degli studenti, suscitando la protesta dell’opposizione che aveva parlato di schedatura. Proprio ieri una circolare ha fissato i termini di quest’altra operazione: i dati degli studenti saranno raccolti in tutte le scuole, pubbliche e private, a partire dalla prossima settimana ed entro la fine di ottobre. Oggi studenti in piazza contro i tagli del governo e un’ora di sciopero in tutte le scuole per la protesta proclamata dalla Cgil.

Lorenzo Salvia

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da 81

    Buongiorno,
    non è giusto pubblicare un documento privato, e mostralo così a tutti.
    Dove è la legge sulla privacy?
    Piuttosto investiamo più denaro nell’istruzione e diamo il posto fisso agli insegnanti che veramente se lo meritano e non ai soliti furbi che conoscono tutte le “scorciatoie” per accaparrarsi i posti fissi, a discapito di chi se li merita veramente!!!!!

  2. Scritto da alba

    Benissimo, così potremo conoscere le “cime” dei nostri docenti!!!

  3. Scritto da rf

    Il solito fumo propagandistico negli occhi. Vendere una qualità a buon mercato. davvero pensate sia possibile capire se uno è un bravo insegnante dal suo curriculum? Illusi…

  4. Scritto da per cosa?

    …friggiamo l’aria?
    Istruzioni per l’uso