BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sindaco, basta bonus bebè solo per gli italiani”

Un lettore di Palazzago invia una lettera al proprio sindaco leghista, Umberto Bosc, sostenitore del bonus bebè solo per i nati da almeno un genitore italiano.

Più informazioni su

Un lettore di Palazzago, tramite Bergamonews invia una lettera al proprio sindaco leghista sostenitore del bonus bebè solo per i nati da almeno un genitore italiano.

Caro Bosc, sindaco del felice comune leghista di Palazzago
La tua amministrazione ha introdotto il bonus bebè a Palazzago, purché almeno uno dei due genitori sia italiano.
Il tribunale di Bergamo ha già bocciato questo provvedimento
discriminatorio.
Ma tu hai già annunciato anche su bergamonews.it che il Comune avrebbe ricorso in appello.
Ti prego: sei in scadenza di mandato, non lasciarci in eredità inutili e perdenti spese legali.
In questi giorni il tribunale del Lavoro di Milano ha bocciato un analogo ricorso del comune di Tradate (Varese) e gli ha intimato l’obbligo a erogare il contributo a tutti i nati dal 2007 ad oggi. Non solo ai figli di italiani.
“Il Collegio – si legge nell’ordinanza – ordina al comune di offrire l’erogazione del bonus bebé ai neonati iscritti all’anagrafe del comune stesso dal 2007 in poi”, con il solo vincolo che uno dei genitori sia residente a Tradate da almeno cinque anni. Spazzata via dunque la restrizione contenuta nella delibera originaria del comune, che stabiliva come requisito per l’erogazione di 500 euro (contributo alla natalità) “la cittadinanza italiana di entrambi i genitori”.
La sentenza non lascia spazio a dubbi: “Non è possibile individuare – si legge – alcun valido motivo di differente trattamento tra cittadini e stranieri, che non sia quello di escludere dal beneficio previsto gli stranieri solo perché tali”.
Caro sindaco Bosc, diteci, tu e la tua Amministrazione, che vi siete sbagliati, che avete introdotto una pessima discriminazione razziale
Lasciaci un ricordo di vera umanità, prima di ritirarti dalla carica pubblica.
Carmelo tuo compaesano

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Terrone

    Semplifichiamo. Il provvedimento è RazzistA! ..punto…tutti i leghisti sono razzisti e tendenzialmente un pò ignorantotti…credono che il loro quartiere, a volte il condominio, a volte la loro stanzetta, potrebbe vivere con un bel muro che li circonda, isolati. la loro è una filosofia di vita perdente, semplicemente perchè non è di vita, ma di morte. Anticristiani, antimussulmani, anti italiani, anti vita…la storia ripulirà anche loro!

  2. Scritto da Bepo Palazzago

    Il comune di Palazzago è ora che la smetta di fare padre e padrone del comune. Devovo sapere che sono eletti dai cittadini, per un servizio agli stessi. Devono attenersi alle Leggi Regionale e Italiane, non legiferare leggi proprie dell’ amministrazione. Non mi risulta che il comune possa fare le leggi proprie.

  3. Scritto da 035

    gente che da ” una vita lavora e paga le tasse sul tuo territorio”. ah ah
    mi piacerebbe vedere la dichiarazione dei redditi dei tanti bravi leghisti che qui sostengono il sindaco!

  4. Scritto da carmelo

    @1 @4 @8 parlate di beneficenza, prima gli italiani, licenziateli… Per me avete scritto con mal di pancia.
    Non è la pancia, è il cervello che deve ragionare: se il Comune dà la residenza a una persona deve garantire pari diritti e pari doveri. Uguaglianza è un principio abbastanza nuovo… che comunque risale alla rivoluzione francese. Se no reintroduciamo le differenze: italiani e stranieri, intelligenti e ignoranti, nobili e plebei. Basta ragionamenti col mal di pancia.

  5. Scritto da Coccolone

    Per 21. E scommetto che sei vestito da capo a piedi di cineserie e complaint vari fatti da stranieri x risparmiare… Il lavoro agli italiani…

  6. Scritto da Emilio Colicchio

    Solidarietà a Carmelo, l’intervento di “cervello” è davvero inutilmente offensivo!

  7. Scritto da Emilio Colicchio

    Seguiamo per un attimo (senza condividerlo) il ragionamento di A.Z. BG. Forse non ha capito che il provvedimento del sindaco di Palazzago riserva agli italiani il bonus escludendo gli stranieri residenti. Questo vuol dire che un italiano che si trasferisce da Curno, Cuneo o Caserta e a va ad abitare a Palazzago dopo 5 minuti che abita lì ha diritto al bonus. Uno straniero che magari abita lì da 15 anni, e che ha sempre pagato le tasse, non ne ha diritto.

  8. Scritto da cervello

    @ 23 il nome dice tutto. Padania Libera!!!

  9. Scritto da Emilio Colicchio

    Un appunto a Carmelo. Vero che l’uguaglianza è proclamata nel 1989 dalla Rivoluzione francese ma non è un concetto così nuovo. Trae origine dal cristianesimo che prevede l’uguaglianza degli uomini davanti a Dio (che è l’unico a essere diverso) e teorizzata già dal XV secolo da Hobbes e Locke, primi autori del contrattualismo.

  10. Scritto da carmelo

    @23 caro cervello, mi chiamo Carmelo, il nome dice tutto: ha origini orientali e significa giardino di Dio, infatti mi piacciono i fiori e il giardino. Se invece intendi dire che sono terrone ti sbagli di grosso: vai al cimitero del mio paese dove trovi il loculo del nonno nato nel 1896 a San Pietro d’Orzio che allora era un comune DELLA VAL BREMBANA. Se non sei un padano codardo ti propongo una sfida pubblica parlando in bergamasco dove vuoi tu. Son sicuro di vincere

  11. Scritto da A.Z. BG

    Caro sindaco hai fatto benissimo,prima gli abitanti del tuo comune,poi gli altri bergamaschi e infine gli italiani.Prima chi da una vita lavora e paga le tasse sul tuo territorio di chi arriva da un giorno e pretende più diritti dei residenti da generazioni.Gente che non ha mai pegato tasse sul territorio ma ha sempre preso aiutati da sindacatri e ass.religiose pro loro e contro noi.Un consiglio dato l’invito che ti fanno:Togli i contributi anche ai tuoi abitanti così la sx darà pari diritti.

  12. Scritto da findus

    @banda collotti, Basta che lei aiuti i Bergamaschi poveri! Cosa che non fà anche essendo al governo!

  13. Scritto da Banda Collotti

    Sono inutili le spese legali per difendere un provvedimento sacrosanto oppure sono inutili, anzi dannose, spese a carico della comunità per foraggiare gente che vive qui da ieri e che quei soldi che riceverà li spedirà al paese d’origine causando danni economici a tutti noi? Di beneficenza se ne fa già abbastanza…

  14. Scritto da mario palazzago

    su questo argomento era intervenuto anche Rossi del Pd denunciando questa e altre sconcerie leghiste. Bravo compaesano!

  15. Scritto da verita'

    Ha ragione il sindaco,prima gli italiani,poi gli stranieri.Certo che vogliono l’Italia,qui hanno trovato l’America

  16. Scritto da me

    @ 1 che dire …hai perfettamente ragione

  17. Scritto da Basta leghisti

    Commenti impressionanti: “causando danni economici a tutti noi”. Andate a informarvi invece di sparare boiate e almeno vi rendete conto, tra le altre cose, di chi paga le vostre pensioni…
    Ha ragione il signore dell’articolo: decine di questi provvedimenti sono stati bocciati e sempre lo saranno. I leghisti stanno buttando via un sacco di soldi inseguendo le loro baracconate. Ci vorrebbero i CIE per loro…

  18. Scritto da buono per chi se le beve

    Pensate a far pagare le tasse dovute ai padani che non le pagano. Questo anche per giustizia verso quegli altri padani che invece le pagano.

  19. Scritto da basta beneficenza

    pieno sostegno al sindaco, prima gli italiani. signori, se andiamo avanti cosi, accogliendo tutti gli stranierei che fanno molti piu figli di noi italiani e in piu gli si da anche soldi dove andremo a finire? la chiameremo ancora italia?

    @banda condotti: ben detto!

  20. Scritto da Stecchetti

    Rispondete a questa domanda: Che mi porta avere la cittadinanza italiana se poi ho gli stessi diritti di uno straniero?

  21. Scritto da Emilio Colicchio

    Il ragionamento di Banda Collotti contiene una contraddizione perché sostiene che sono inutili le spese per pagare i bonus agli stranieri perché queste spese poi ricadono sulla comunità. Ma nella comunità dei residenti (cioè di coloro che pagano le tasse, parliamo di stranieri con permesso di soggiorno iscritti all’anagrafe) rientrano anche gli stranieri. Dunque secondo quale criterio escluderli dal bonus?

  22. Scritto da Emilio Colicchio

    Banda Collotti sostiene che il provvedimento è sacrosanto. Ma quel provvedimento introduce un principio di ineguaglianza. Propone infatti di distribuire delle risorse (soldi che provengono dal pagamento delle tasse pagate da residenti, italiani e stranieri) solo a una parte della popolazione. Insomma si propone che gli stranieri paghino le tasse ma nel momento in cui si redistribuiscono in parte di quei soldi, sotto forma di bonus, si discrimini una parte della comunità.

  23. Scritto da luciano015

    Se uno è sottoposto al dovere di pagare le tasse, ha poi il diritto di partecipare all’uso dei soldi raccolti anche con il suo contributo.
    Sembra che però spesso non vogliano distribuire i soldi a tutti in modo particolare quelli che fanno il possibile e l’impossibile per evadere la fase in cui si partecipa al versamento.

  24. Scritto da Emilio Colicchio

    @Stecchetti. Avere la cittadinanza significa godere dei diritti politici, ossia il diritto di votare e di essere eletti. I diritti economico sociali invece devono essere garantiti alla comunità dei residenti (è lo Stato dando il permesso di soggiorno o togliendolo a decidere chi sta dentro e chi fuori). Per esempio un cittadino italiano residente all’estero può votare, ma non facendo parte della comunità dei residenti non ha diritto al bonus bebè.

  25. Scritto da osservatore esterno

    Ho l’impressione che i cittadini,contribuenti e non,di palazzago ,abbiano le idee piuttosto confuse in fatto di diritti e doveri.!.?.
    E, magari ,se il sindaco organizzasse qualche incontro x chiarire le idee ai suoi concittadini non farebbe opera meritoria.?.

  26. Scritto da FUFFE

    @Colicchio )
    sig/a Colicchio lei è mai stato all’estero per lavoro?
    in primis noi eravamo lavoratori stagionali 9 mesi e poi a casa propia
    2)aver passato tutte le visite che l’azienda chiedeva recarsi “inps”e denunciare il propio arrivo
    3)prendersi una casa in affitto
    4)andare in questura e denunciare il propio arrivo e domicilio,dove si lavorava e per quante ore per reperibilità
    5) rispetto del territorio e del paese che mi ospita e nessuno ti regala
    niente
    in italia tutto è dovuto mah

  27. Scritto da LICENZIATELI TUTTI

    @9 STECCHETTI)
    siamo messi peggio noi italiani degli STRANIERI a loro tutto è dovuto
    noi ci dobbiamo arrangiare e loro non pagano nulla ne tichet ne utenze ma basta.

  28. Scritto da Emilio Colicchio

    @16 Sicuro che tutti gli italiani emigrati in Francia, Germania, Svizzera, Stati uniti… dopo i 9 mesi siano ritornati in Italia? Sicuro che gli italiani che hanno addirittura esportato la mafia negli Stati uniti abbiano rispettato il territorio che li ospitava?

  29. Scritto da che noiosi!

    Non riuscite mai ad essere un po costruttivi! Purtroppo vedo che il 90% di ciò che viene scritto sono slogan ormai inculcati nella testa di tutti i leghisti, se magari provaste anche solo per una volta a ragionare con la vostra testa non sarebbe male!
    Non vogliono darli questi contributi perchè non hanno abbastanza soldi? NON LI DIANO A NESSUNO… SEMPLICE NO?

  30. Scritto da Fuffe fuffologiche

    “Fuffe” stai bene attento: ammettiamo che anche sia corretto quello che dici. Se cosi’, significa che quello che elenchi accadeva in base alla legge. Qui in base alla legge dovrebbe accadere una certa cosa, ma il sindaco dice che invece no, non va applicata la legge per queste categorie che la rispettano a loro volta. In quei paesi li’ che ami citare, prima si cambia eventualmente la legge poi la si applica, mica che i sindaci diventano dei fuorilegge per farla piacere a voi.

  31. Scritto da fuffe fuffologiche

    Bene attenti pero’: se si cambia la legge almeno non si faccia il solito pataracchio anticostituzionale solo per farla paicere a voi, e per farvi poi strillate che qui “tutto e’ dovuto e non si puo’ fare quel che ci pare”. Il problema non sono questi che prendono i sussidi in base alla legge, ma i fuorilegge che hanno strade, ospedali, servizi, scuole gratis, etc etc etc come me, pero’ io le pago con le tasse e loro no.

  32. Scritto da wka

    basta rimandare a casa loro TUTTI gli extracomunitari (quelli non italiani e quelli fatti diventare italiani) ,cosi che si possa dare soldi casa lavoro agli italiani.