BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Dannose le contestazioni dentro il sindacato”

Luigi Mastropasqua del Comitato Italia unita chiede l'unità sindacale per combattere contro la precarietà

Più informazioni su

Luigi Mastropasqua del Comitato Italia unita chiede l’unità sindacale per combattere contro la precarietà dei lavoratori.

I rappresentanti dei lavoratori della Same di Treviglio come quelli della Fiat e di altre grandi aziende grazie alla loro notorietà fanno più notizia e focalizzano conseguentemente più attenzione nel tentativo/azione di far rispettare giustamente i diritti dei lavoratori, a questi va aggiunta una marea di piccole e medie imprese (artigiane ) che da un giorno all’altro scompaiono e i dipendenti restano a “spasso”.
Quelli che cercano lavoro oggi sono tanti, troppi. In ogni famiglia il problema del lavoro che non c’è si fa sempre più sentire considerando che già siamo penalizzati con il costo della vita in continuo aumento e non proporzionato con il salario o la pensione ed a questo, purtroppo, dobbiamo anche assistere alla contestazione interna tra lo stesso sindacato.
La mia esperienza come già rappresentante sindacale dei lavoratori nella SAME mi spinge nell’essere ripetitivo nel dire che il sindacato deve essere Unito (diviso indebolisce tutti i lavoratori ) e non schierato con questo o quel Governo, gli accordi separati danneggiano i lavoratori e quei diritti che abbiamo ottenuto grazie alle lotte unitarie ed agli accordi Nazionali che tutelano, e che hanno tutelato, tutti e non solo una parte.
I lavoratori hanno già dato tanto ed ora chiedono: Dov’ è finito lo Statuto dei lavoratori?
L’articolo 1 della Costituzione dice l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro […] e non sul precariato!
come invece avviene oggi, cerchiamo assieme di fare ripristinare la democrazia partendo dal proprio posto di lavoro e difendendo assieme il diritto al lavoro ed alla dignità che ciascuno di noi ha.
Luigi Mastropasqua
per il Comitato Italia Unita

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da poldo

    Greatguy sei il nostro eroe: salvaci tu

  2. Scritto da UNIONE SINDACALE di BASE (USB) di BERGAMO

    Contro l’attacco ai diritti dei lavoratori lanciato da MARCHIONNE nessuna deroga ma MOBILITAZIONE DI TUTTI I LAVORATORI!
    SABATO 9 OTTOBRE MANIFESTAZIONE NAZIONALE A TORINO DAVANTI ALLA FIAT!
    Da BERGAMO PULLMAN in partenza il 9-10 ore 8 da P.le della Malpensata organizza USB-BERGAMO per info tel 366 3489118 roberto..348 3148629 fiorangela Costo A/R 15 euro
    APRIAMO A TORINO L’AUTUNNO CALDO,non lasciamo soli i metalmeccanici in questa battaglia ,mobilitiamo tutto il mondo del lavoro! PARTECIPA!!!

  3. Scritto da sergio

    Perché non furono uniti quand la sinistra ha dato il via alla precarietà? Al contrario, meglio desuniti perché ci sia una sana concorrenza starà al popolo giudicare ogni organizzazione per i fatti concreti che realizza. Mentre finora i responsabili sono tutti quindi nessuno!

  4. Scritto da corti-novis

    Quando ti siedi allla contrattazione non sai se la tua controparte è quello che sta seduto accanto a te o quello dall’altra parte. Siamo oramai ha questo livello ed è giusto che si chiarisca e si contesti il “crumiro” un lavoratore e sindacalista che non aderisce allo sciopero e continua la sua attività lavorativa . La Confindustria ha designato i non scioperanti cisl e uil non certo i lavoratori che vogliono difendere i loro diritti e nessuna deroga a questi

  5. Scritto da lavoratore

    Le assiociazioni sindacali sono diventate unicamente “a scopo di lucro”.
    Loro Vi dicono di lottare, bla bla bla, nel frattempo non rendono pubblici i bilanci (quelli veri).
    Il fatto che esistano tutte ste sigle sindacali è espressione che ci sono un sacco di soldi da magnare……
    I sindacati sono una casta intoccabile, che si nasconde dietro i lavoratori.
    Il sindacato per essere tale, dovrebbe essere unico.

  6. Scritto da greatguy

    i sindacati sono un covo di imboscati e fannulloni,dannosi per i lavoratori e per le aziende tantopiu che sono ultrapoliticizzati e faziosi. l’unica via è costruire il rapporto tra i lavoratori (di quell’azienda) con i dirigenti di quell’azienda. L’ho provato in prima persona e funziona (mica dal fruttivendolo ma in una multinazionale da 40000 collaboratori)

  7. Scritto da sergio

    @greatguy Non volevo dirlo menomale che ci sei tu!