BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta-AlbinoLeffe, botta e risposta sullo stadio

L???AlbinoLeffe alza voce nei confronti dell???Atalanta per il Comunale: "Noi non contiamo pi?? nulla". La risposta da Zingonia: "Abbiamo pagato tutto noi".

Più informazioni su

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata una serratura. Un vaso che negli ultimi mesi si è riempito molto velocemente. L’AlbinoLeffe ha deciso di alzare voce nei confronti dell’Atalanta attraverso il suo presidente. Dopo che la squadra nerazzurra ha modificato la serratura della sala Vip del Comunale, i dirigenti della squadra seriana che avevano organizzato una conferenza stampa per presentare “Il terzo tempo”, si sono trovati chiusi fuori: «Non ci hanno nemmeno fornito le chiavi nuove –ha tuonato Gianfranco Andreoletti – Ormai a Bergamo, nel calcio, noi non contiamo più nulla e nulla conta anche il Comune: c’è chi si crede il padrone del vapore e fa quello che vuole»
Non si è fatta attendere la risposta della società nerazzurra, che in un comunicato pubblicato sul suo sito ha voluto far valere le sue ragioni “È curioso – si legge – che il presidente dell’AlbinoLeffe si ricordi dello stadio (di proprietà del Comune) solo quando si tratta di dover entrare in polemica con l’Atalanta, ma se ne dimentichi in tutti gli altri casi. Lo dimostra il fatto che la scorsa estate nessuno della società biancazzurra si sia mosso nel momento in cui l’Atalanta, in tempi strettissimi, si è attivata per apportare al Comunale tutte quelle minime migliorie necessarie, e alcune obbligatorie, per rendere più accogliente una struttura che nell’opinione di tutti è vecchia e superata. A tutt’oggi non ci risulta che l’AlbinoLeffe abbia chiesto di compartecipare alle spese sostenute per i lavori e riteniamo quantomeno strano che una società che milita nella nostra stessa categoria usufruisca dal Comune di un trattamento sensibilmente più vantaggioso rispetto a quello applicato all’Atalanta. Visto che è l’Atalanta a pagare, mentre anche altri ne beneficiano, evidentemente i padroni dello stadio non siamo noi».
Altrettanto immediata la controreplica seriana: «L’AlbinoLeffe, in riferimento al comunicato stampa odierno dell’Atalanta, rileva con dispiacere come la correttezza di comportamento e la signorilità d’approccio, che hanno sempre contraddistinto la società nerazzurra, stiano venendo meno, nei fatti e nelle parole. Riteniamo che nessuno meglio dell’Amministrazione comunale sia a conoscenza di come si siano svolte le recenti opere di ristrutturazione e ammodernamento dello stadio Atleti Azzurri d’Italia e che quindi nessuno meglio della stessa Amministrazione possa dare agli sportivi bergamaschi chiarimento sull’interessamento delle parti relativamente ai lavori di cui sopra e sugli ovvi perché di una convenzione che comunque è stata discussa, approvata e liberamente sottoscritta dalla società che oggi la contesta».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da capitano

    la rispostaccia dell’atalanta sa proprio di paesanotto arricchito che pretende di comandare il mondo..

  2. Scritto da Francesco

    Lo stadio è comunale e quindi utilizzable da chi ne ha concordato il diritto col comune. Atalanta e AlbinoLeffe vanno messi sullo stesso piano. Se poi si considerano i disagi generati per la città da una partita dei neroazzurri, allora ritengo che l’Atalanta debba pagare molto di più.
    Si vergogni chi augura la C alla celeste: dovrebbe essere un orgoglio per tutti i bergamaschi. Forse alcuni Atalantini non sanno cosa sia il Fair play.

  3. Scritto da soloatalanta

    Quindi Percassi pretendeva pure che l’Albinoleffe pagasse i seggiolini neroazzurri. Immagino che tra un po’ chiederà alla squadra di Andreoletti di tirare piano in porta, in modo da non rovinare le reti, già troppo usurate dai numerosi gol di Ardemagni. Ricorda un po’ quei bambini che pretendevano di giocare centravanti solo perchè portavano il pallone nuovo regalatogli dallo zio prete.

  4. Scritto da luca

    PERCASSI NON HO CHIESTO UN BEL NIENTE!!!!
    HA SPESO DI TASCA SUA, QUINDI IL CELESTE PUO’ ANCHE INIZIARE A FARE SILENZIO!!!
    SPERO VERAMENTE CHE SIA L’ANNO DELLA RETROCESSIONE IN LEGA PRO DELL’ALTRA SQUADRA CHE GIOCA AL BORTOLOTTI… ASPETTA… NON MI RICORDO IL NOME…. AHHH SI MI SEMBRA SI CHIAMI ALBINOLEFFE….

  5. Scritto da Gianni

    Percassi dovrebbe sapere che lo stadio non è di sua proprietà e quindi non può fare quello che vuole, tipo cambiare i seggiolini senza che il comune non ne sapesse niente. Quando ne avrà uno tutto suo, potrà disporne liberamente. Per evitare ulteriori polemiche il comune dovrebbe prendere posizione e chiarire i fatti contestati. Certo che vedere la presenza di un assessore che non può entrare in un locale di pubblico utilizzo perchè qualcuno ha cambiato la serratura, fa pensare e mediatre.

  6. Scritto da la Belota

    Su questo argomento mi piacerebbe sentire l’amministrazione comunale, Tentorio se ci sei batti un colpo……..

  7. Scritto da sebastian

    L’ennesimo esempio del devastante “padroni a casa nostra?”……

  8. Scritto da Paolo

    Luca ma quanto sei spiritoso!!! Lo stadio è del comune cosa crede Percassi sia diventato suo perchè ha messo due poltroncine nere a blu? Certo ha dalla sua il pubblico che l’ha aiutato anche a spaventere i Ruggeri e farsi svendere l’Atalanta…
    Forza albinoleffe riprenditi

  9. Scritto da REDS 65

    Qualcuno sa chi ha pagato tutti i lavori allo stadio fatti prima dell’inizio del campionato ? (nuovi impianti video ed audio, bagni, seggiolini con schienale, sala interviste ecc…) perchè a mio avviso se i costi sono stati equamente suddivisi il sig. Andreoletti ha delle ragioni x lamentarsi ,ma se così non fosse è meglio che se ne stia zitto.
    x i falsi Atalantini : FORZA ARDE E GRANDE P.P.

  10. Scritto da luca

    @ paolo ma lascia perdere dai……. cerca qualcosa d’altro da commentare che è meglio….
    Comunque GRANDE PESCARA!!!
    FORZA ALBINOLOFFIA TORNA AL MARTINELLI…