BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riva e Gandi: “Un atto grave da condannare”

Pubblichiamo il comunicato del segretario del Pd Gabriele Riva e del responsabile lavoro in merito all'aggressione subita dai delegati Cisl a Treviglio.

Più informazioni su

Pubblichiamo il comunicato del segretario del Pd Gabriele Riva e del responsabile lavoro Sergio Gandi in merito all’aggressione subita dai delegati Cisl a Treviglio.

“E’ un atto molto grave che condanniamo fermamente”: commenta così i fatti occorsi a Treviglio ed il lancio di uova e petardi all’indirizzo della sede Cisl da parte di manifestanti Fiom-Cgil il Segretario provinciale del Pd Gabriele Riva. “Si tratta di atti che nulla hanno in comune con quella cultura democratica del dialogo e del rispetto reciproco che ispira il nostro partito, come il suo stesso nome attesta. Esprimiamo, quindi, la piena solidarietà del Pd nei riguardi della Cisl, colpita da una manifestazione di intolleranza che dovrebbe essere condannata da tutti i soggetti politici e associativi”.
“La speranza” – continua Riva – “è che tale episodio, che auspichiamo non si ripeta, non comprometta quel clima unitario che sino ad oggi ha caratterizzato i rapporti fra le Confederazioni sindacali a Bergamo”.
“Il legittimo dibattito che può accompagnare le scelte relative al sistema di contrattazione” – aggiunge Sergio Gandi, responsabile lavoro Pd – “non può mai sfociare in episodi di vera e propria intolleranza, che finiscono con il produrre effetti, in termini di isolamento e marginalizzazione, esattamente contrari alle intenzioni di chi li commette”.
“Diversamente da quanto qualcuno ha affermato, la responsabilità di quanto accaduto è riconducibile soltanto a chi ha promosso o non ha gestito la manifestazione. Le opinioni difformi ed anche le proteste devono essere espresse entro limiti precisi che non possono oltrepassarsi”.
“Non possiamo tacere, però” – concludono Gandi e Riva – “circa l’atteggiamento del Ministro Sacconi, che, in maniera ipocrita e per fini solo strumentali, prima fomenta un clima di divisione del fronte sindacale e di critica pregiudiziale di alcune organizzazioni, salvo poi accorgersi che questa azione rischia di produrre effetti nocivi per tutto il sistema e pericolosamente degenerativi. E’ il momento di rasserenare il clima e ricominciare a discutere, chiudendo questa parentesi non certo edificante”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da SLEGHISTA

    Per Panassi che condivido e personalmente non condanno chi e’ esasperato ,perche’ questo clima e’ alimentato dal premier e dalla lega che pensano solo a salvare

  2. Scritto da Panassi Francesco

    Atto grave e sconsiderato , ma secondo me avvallato dal clima avvelenato della politica di oggi, e specialmente dal comportamento del presidente del consiglio Silvio Berlusconi.
    Questo è il risultato dell’annunciare anche cose gravissime del tipo “coglioni a chi vota a sinistra” e subito dopo smentire e dire che sono solo battutine.