BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Quanta ipocrisia, è conflitto sociale”

Il portavoce nazionale dei Giovani Comunisti, il trevigliese Simone Oggionni, interviene nelle polemiche per la contestazione alla Cisl.

Più informazioni su

Il portavoce nazionale dei Giovani Comunisti, il trevigliese Simone Oggionni, interviene nelle polemiche per la contestazione alla Cisl.

Ecco un altro esempio dell’ipocrisia imperante nel nostro Paese. A Treviglio (Bg) esiste una storica fabbrica di trattori, la Same, i cui operai non sono solo, in parte, in cassaintegrazione ma anche – e per fortuna – iscritti alla Fiom. Accade che ieri, dopo l’ennesimo accordo separato di Federmeccanica con Cisl e Uil, con cui vengono autorizzate alcune deroghe al contratto nazionale (anch’esso firmato con accordo separato), un gruppo di lavoratori ha raggiunto, in corteo, la sede locale della Cisl, protestando vivacemente e lanciando pure qualche uova.
Apriti cielo! È un rincorrersi di attestati di solidarietà alla Cisl, pieni zeppi di accuse di “violenza” e di “intimidazione”.
Cari Bonanni, Angeletti e Sacconi: questo si chiama conflitto sociale e il 16 ottobre, con la grande mobilitazione nazionale dei metalmeccanici a Roma, capirete quanto è forte nel Paese. Voi potete violare le leggi, stralciare le regole, annullare il contratto nazionale; potete fare strame della democrazia in fabbrica, imponendo accordi senza il consenso dei lavoratori. Agli operai non è nemmeno concesso di scioperare (Pomigliano insegna) e protestare.
Bel Paese avete in mente, senza i sindacati a rompere le scatole e con i lavoratori a subire ogni tipo di sopruso. Fortunatamente esistono sindacati con la schiena dritta e operai consapevoli dei loro diritti. Noi siamo dalla loro parte.

Simone Oggionni
portavoce nazionale Giovani Comuniste/i (e orgoglioso di essere nato a Treviglio!)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ANTICOMUNISTA

    Sempre molto democratici i Giovani Comunisti e gli iscritti alla CGIL. Lanciare uova non é un atto grave. Si, ma per Voi non é grave neanche lanciare statuette a Berlusconi!! Grazie a Dio gli italiani han capito che certa gente non deve più essere rappresentata in Parlamento. Poi leggo che qualcuno scrive di regime e di fascismo. Ma scusate, non siete Voi che adesso sostenete le battaglie di un certo Fini?? Non mi sembra sia una persona nota per i suoi ideali di estrema Sinistra!!

  2. Scritto da Pierangelo

    Caro Giulio, penso che la FIOM stia dando una mano in qesto senso, ai padroni, che invece di rinnovarsi con regole certe e moderne preferisce non averne ancorandosi al passato;il mondo del lavoro e del sociale cambia e si rinnova comunque. Noi siamo in gardo si sostenere il cambiamento?

  3. Scritto da Pierangelo

    Leggo parole dal sapore dittatoriale, come si usa in certi paesi, ma chi vi da il diritto di parlare così? Intanto con i contratti firmati da CISL e UIL i lavoratori hanno portato a casa più soldi. I contratti CGIL a che punto sono? Nei referendum la maggioranza no vi ha dato ragione.

  4. Scritto da giulio basetti

    finalmente qualcuno che si leva dalla schiera di posizioni tutte uguali e tutte false. il vero atteggiamento dittatoriale, caro Pierangelo, è dei padroni che vogliono tornare al fascismo: corporazioni, sindacato di Stato e rigare dritti. bravo Oggionni!

  5. Scritto da Pierangelo

    sig. Oggioni che mestiere fa lei? ha mai lavorato in fabbrica, che sia reparto o ufficio? Cosa ne sa lei del clima sindacale o di lavoro all’interno delle fabbriche?Chi uccide la democazia sono coloro che vedono nemici in tutti quelli che la pensano diversamente das lui. Perchè non cita mai Epifani, c’è pure lui nella stanza dei bottoni e non credo che sia la vittima (a meno che lo sia x la sx).

  6. Scritto da Lavoratore

    Vorrei dire al rappresentante dei giovani comunisti che in Italia vige la democrazia.
    La gente sceglie il sindacato e quest’ultimo la rappresenta.
    Perchè volete imporre le vs. idee anche agli altri?

  7. Scritto da davide c.

    chi giustifica la violenza è un xxxx!!

  8. Scritto da Lavoratore

    Una soluzione democratica ci sarebbe. Aumentare gli iscritti alla CGIL-FIOM e fare aumentare il suo potere. Allora potreste usare i vostri metodi: fustigare quelli che non si iscrivono.

    Ci manca poco……

  9. Scritto da Mario Mazzoleni

    Quanta ideologia! Quali sono le leggi violate? Quali le deroghe ad oggi concordate fra le parti e effettivamente applicate, se non quelle previste dai contratti nazionali firmati anche dalla C.G.I.L. (esempio: chimici)? L’accordo approvato con il consenso maggioritario dei lavoratori, certificato da un referendum, che non si ha certezza di poter adottare è intanto quello di Pomigliano? Conflitto sociale? Detto così suona come un auspicio. Non me lo augurerei.

  10. Scritto da GREATGUY

    GENTE COME VOI E’ LA COSA PEGGIORE CHE POSSA ACCADERE AD UN PAESE……

  11. Scritto da kaci

    @Mariomazzoleni, Tornando al sodo, perché la confindustria non spinga questo governo a fare la riforma del welfare che possa determinare una flexsécurity? L’unico punto di aprodo potenziale per évitare questi conflitto vecchi e nuovi. Vista la continuita tra lavoro e società di cui l’élemento motore e’ la fiducia nell’insieme del sistema e determinando la fiducia nel futuro come strategia culturale nel paese. Insomma rinnovare la cultura del lavoro con strumenti moderni, di modo che il futuro

  12. Scritto da falcemartello

    condivido pienamente le parole di Simone Oggionni dei Giovani Comunisti. Il 16 ottobre tutti a Roma con la Fiom per i diritti dei lavoratori.

  13. Scritto da carlo valoti

    parole sacrosante che però in questo Paese lobotomizzato (ha ragione Barbareschi: dieci anni di grande fratello fanno male) sembrano fuori dal mondo! i padroni fanno il bello e il cattivo tempo e i lavoratori se ne devono stare sempre zitti? non so se oggionni abbia lavorato in fabbrica o meno, ma senz’altro dimostra di conoscere il livello di insofferenza che c’è nelle fabbriche italiane oggi

  14. Scritto da Davide

    Finalmente una presa di posizione in be fatta .
    Ma chi rappresentano sti sindacati di FIM & UILM ?????
    Lavoratori “sveglia ” , stracciate tutte le tessere di queste 2 Monnezze , e tenetevi in tasca i soldi , che fra non molto vi faranno comodo !!! andando avanti di sto passo!!!!! non avrete più diritti ma solo ” DOVERI” …A e dimenticavo , naturalmente anche una busta paga ( Per chi è fortunato) , molto ma molto più “LEGGERA”…….Grande FIOM::