BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Disponibile la carta d’identità elettronica

E' possibile scegliere tra il rilascio della carta d’identità cartacea, facilmente logorabile e falsificabile, e la Carta d’identità elettronica

Più informazioni su

 

Da oggi a Seriate è possibile scegliere tra il rilascio della carta d’identità cartacea, facilmente logorabile e falsificabile, e la Carta d’identità elettronica che, benché più costosa, assicura servizi maggiori: garantisce l’inalterabilità dei dati, è più difficile da falsificare, permette l’accesso a servizi online della pubblica amministrazione. Stamattina, presso l’ufficio anagrafe di piazza Alebardi, il primo cittadino di Seriate, Silvana Santisi Saita, ha ricevuto la Cie. E’ bastato rispondere ad alcune domande per la verifica dei dati anagrafici, consegnare la vecchia carta di identità, farsi fotografare e, una volta acquisite firma e impronta digitali, la Carta d’identità elettronica del Sindaco è stata emessa. La consegna al primo cittadino ha avviato ufficialmente l’erogazione del servizio ai cittadini residenti. Soddisfatta per l’investimento del Comune in innovazione tecnologica a sostegno della semplificazione amministrativa, il Sindaco Saita manifesta interesse per le potenzialità della Carta d’identità elettronica, ma non manca di sottolinearne il costo non economico: «Il cittadino dovrà versare 25,42 euro, di cui 20 euro vanno allo Stato. Non poco». Il Comune di Seriate si conferma all’avanguardia per investimenti a favore di nuove tecnologie per la semplificazione amministrativa. Se si guardano i numeri, Seriate, con oltre 24 mila abitanti, è il primo tra i grandi comuni della provincia di Bergamo ad attivare la Cie, dopo il caso di Orio al Serio; a livello nazionale uno dei circa centottanta comuni che hanno avviato il servizio. Nonostante i continui tagli economici agli enti locali, Seriate ha investito circa 20 mila euro usati per l’acquisto dei macchinari idonei, per l’installazione del software del Ministero dell’Interno e per la formazione del personale, così da rilasciare la carta d’identità elettronica. La carta d’identità elettronica, che gradatamente sostituirà quella cartacea, è sia strumento di identificazione personale sia di autenticazione per l’accesso ai servizi web erogati dalle Pubbliche Amministrazioni. Delle dimensioni di un bancomat o della Carta dei Servizi Regionale, la carta contiene, memorizzate su un microchip e su una banda ottica, i dati personali, il codice fiscale, i dati di residenza, la cittadinanza, il codice numerico del comune di rilascio, la data del rilascio e la data di scadenza, la firma digitale del titolare, la fotografia, la validità o meno ai fini dell’espatrio e, per chi volesse, anche l’impronta digitale. Grazie a microchip e banda ottica si garantiscono l’inalterabilità dei dati e si rende più difficile la falsificazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ilpianta

    ma paola come fai a sapere che è tutto sto casino? ccioè se sono state appena attivate come fai ad avere l’esperienza di una carta già scaduta?

  2. Scritto da Mauro

    Speriamo che alle frontiere non ci siano i problemi che ci sono con la proroga della carta d’identità di carta.

  3. Scritto da Paola

    Con la proroga per quella elettronica è ancora peggio, ti danno un certificato cartaceo che in molti paesi non è considerato valido, tanto che consigliano di usare il passaporto piuttosto che l’elettronica prorogata.
    Tra l’altro ora come ora quella elettronica costa un botto e non serve a niente.