BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Le deroghe cancellano la contrattazione collettiva”

Il segretario nazionale della Fiom-Cgil, Landini: "E' una scelta scellerata, i diritti dei lavoratori peggioreranno sempre di più".

Più informazioni su

Questo il comunicato stampa della Cgil circa lo sciopero degli operai della Same giovedì pomeriggio in cui le tute blu protestano contro la firma delle deroghe al contratto nazionale di mercoledì:

Contro l’accordo di mercoledì tra Federmeccanica, FIM e UILM che prevede la possibilità di deroghe al Contratto nazionale, attraverso l’inserimento di un articolo che porta il titolo di “Intese modificative del Contratto collettivo nazionale di lavoro”, i lavoratori della Same di Treviglio stanno scioperando dalle 14.00 di giovedì.
Nell’azienda metalmeccanica che occupa circa 1200 persone (di cui la metà operai), i macchinari sono fermi e, secondo la FIOM-CGIL, circa il 90% degli operai ha incrociato le braccia. È in corso in questi minuti un corteo che sta intralciando il traffico lungo la ex strada statale 11.
“L’introduzione delle deroghe è un nuovo atto contro i lavoratori, visto che è stata eseguita senza loro mandato e senza chiedere loro che cosa ne pensassero” ha detto poco fa Eugenio Borella, segretario generale provinciale della FIOM-CGIL di Bergamo, presente al corteo fra i lavoratori della Same. “Con l’intesa separata sulle deroghe, FIM, UILM e Federmeccanica cancellano, di fatto, il contratto di lavoro. Lo consideriamo gravissimo sia dal punto di vista democratico che per il sistema delle relazioni industriali in Italia”.
“L’intesa separata sulle deroghe, che introduce il principio dell’esigibilità e delle sanzioni, nei fatti cancella il diritto alla contrattazione collettiva e svilisce il ruolo delle Rsu” ha detto oggi il segretario nazionale della FIOM-CGIL Marzio Landini. “Inoltre, se si possono applicare le deroghe sia in caso di crisi che di investimenti, vuol dire che sono previste sempre. E’ una scelta scellerata, sia sul piano del peggioramento dei diritti di chi lavora, sia perché sposta la competizione dalla qualità del lavoro e dei prodotti, alla riduzione del costo del lavoro e al peggioramento della condizione dei lavoratori. Per la FIOM è un’intesa illegittima poiché il vero contratto approvato dalle lavoratrici e dai lavoratori metalmeccanici rimane quello stipulato nel 2008 e rivendicheremo la sua applicazione in ogni luogo di lavoro. Per difendere quel contratto, un accordo senza deroghe, saremo in piazza a Roma il 16 ottobre.”

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lettore attento

    il problema fiom è solo politico

  2. Scritto da lettore attento

    La FIOM CGIL ha firmato più di 10.000 deroghe in italia prima dell’accordo. (da CORRIERE DELLA SERA del 30.09.2010)

  3. Scritto da Pierangelo

    per 4: bene ma allora quale è il problema…della fiom…?qualcuno me la dire con chiarezza?.Grazie

  4. Scritto da Pierangelo

    domanda: ai tempi del governo di sinistra (Prodi e Dalema) i lavoratori cosa hanno guadagnato? e la Fiom di sciperi non ne faceva.

  5. Scritto da Pierangelo

    i sindacati dei chimici (FILCEM-CGIL) compresa hanno firmato accordi in deroga; senza cancellare nulla, anzi si inseriscono elemeti di opportunità x i lavoratori.Più profitti per le aziende più profitti (salario) per i lavoratori; certo da contrattare (come sempre). xchè la FIOM non lo capisce? Spesso si fa la voce grossa in piazza ma si tace al tavolo con i “padroni” .

  6. Scritto da marilena

    esprimo la mia solidarietà ai lavoratori della FIOM. Ricordo ancora una volta che negli ultimi anni i profitti dell’industria sono saliti delo 95% mentre i guadagni degli operai solo del 5%!!! E l’intervento dello stato è ammesso solo per aiutare l’imprenditoria e non gli operai.