BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Una pausa pranzo da chef

Stop a panini e pizzette, basta poco per prepararsi un pasto decente da portare in ufficio. Un esempio? La quiche ai porcini.

Più informazioni su

Cosa mangiare in pausa pranzo? Invece di ingozzarsi di sandwich e pizzette, magari davanti al computer in ufficio, è bene prendersi un’oretta di tempo e consumare un pasto come si deve. Ecco qualche consiglio del canale di cucina Alice. Per prima cosa, consiglia il sito web, potete unire le due esigenze primarie di una buona pausa pranzo: prendere aria e sgranchire le gambe e mangiare bene, cose buone e genuine, portando da casa i vostri pranzi, e mangiarli in uno spazio adibito (che sia quello all’interno dell’azienda dove lavorate) o che sia un parco nelle vicinanze… Insomma uno spazio aperto, tranquillo, dove possiate godere del vostro pasto. Se invece lavorate in un ambiente che ricorda da lontano le strade affollate della City di Londra… beh, allora meglio mangiare con tutta tranquillità nel proprio ufficio, o in un’area adibita e poi fare due passi, per prendere un caffè.
Tra i "piatti" che consigliamo di portare per la pausa pranzo vi sono le intramontabili insalate, le torte salate, le frittate, o anche sandwich fatti di verdure, ortaggi, o formaggi a pasta molle…
Ecco un esempio suggerito dagli chef di Alice: la
mini- quiche ai porcini.
Ingredienti sono 1 rotolo di pasta brisée; 600 g di porcini; 4 uova; 1/2 di panna fresca; 1 spicchio di aglio; 1 mazzetto di prezzemolo; 60 g di grana padano grattugiato; olio extravergine di oliva; fagioli secchi; sale e pepe; burro.
Preparazione della quiche ai porcini: srotolate la pasta brisée e ritagliate 4 dischi con un coppapasta del dm di circa di 10 cm. Imburrate altrettanti stampini di 6-7 cm di diametro, foderateli con i dischi di brisée e bucherellate il fondo con una forchetta. Mettete gli stampini in frigorifero e lasciate raffreddare per circa 30 minuti.
Trascorso il tempo, riempite gli stampini con i fagioli secchi e infornateli a 180° C per 10 minuti. Levate i legumi e completate la cottura per 5 minuti.
Mondate i funghi, passateli con un foglio di carta assorbente da cucina inumidito per eliminare qualsiasi traccia di terra residua e affettateli sottilmente. Fate soffriggere l’aglio in 3-4 cucchiai di olio, unite i funghi e fateli saltare per qualche minuto a fuoco vivo. Eliminate l’aglio, condite con un pizzico di sale e una macinata di pepe, profumate con il prezzemolo tritato e proseguite la cottura per un minuto.
Raccogliete 3 uova e un albume in una ciotola, unite la panna e il grana padano e sbattete con una frusta per amalgamare. Salate e pepate leggermente. Distribuite i funghi negli stampini, aggiungete il composto di uova, panna e grana padano, rimettete in forno e fate cuocere per altri 20 minuti (finché le quiche sono pronte). Levate e lasciate raffreddare. E il giorno dopo, in ufficio, avrete un piatto tutto da gustare.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.