BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Chiuduno, alla mensa scolastica c’è la tessera a scalare”

Un lettore segnala che il Comune ha introdotto tessere con ricarica per i pasti. Quando il credito è finito, niente pasto ai bambini.

Più informazioni su

Egregio Direttore,

non si è ancora placato sul Suo portale il furibondo forum inerente al triste abbandono di tre figuranti della giunta comunale di Chiuduno, capeggiata dal borgomastro Cinquini, che già nel ridente villaggio scoppia un altro focolaio di polemiche per l’ennesima trovata della sempre pimpante e giocosa giunta.
Dopo aver introdotto nel villaggio la discarica con franchigia, in questi giorni la goffa ed agonizzante giunta a iniziato ad usare un nuovo e prudente sistema telematico per riscuotere il pagamento della mensa scolastica comunale delle scuole primarie e secondarie.
Transitando casualmente pochi giorni orsono sotto i famosi e decantati porticati marmorei del villaggio, subito la ressa chiassosa e multilingue all’interno della cartoleria ha destato inquietudine ed apprensione a tutti i passanti, ma il tutto si riduceva, fortunatamente, al furibondo caos totale provocato dalla nuova invenzione, i cui dettagli mi sono stati forniti da una gentile, ma molto adirata, cliente Magrebina in uscita dalla urlante ricevitoria. 
Gli oramai obsoleti RID, contanti od altro sono stati abrogati senza pietà e rimorso per passare alla nuova formula di pagamento “con ricarica” !!
Ogni piccolo utente della mensa comunale è debitamente schedato con un numero personale per le ricariche, dai due tabaccai autorizzati, e password alfanumerica per controllare sulla rete lo stato del suo dossier, ricariche effettuate, pasti, credito residuo e per debita precauzione verso i genitori più furbi e svampiti anche di un “sms alert” che avvisa la mancanza di soldini sul fondo fiduciario culinario dei piccini.
Dopo ogni pasto effettuato viene automaticamente detratto dal plafond creditizio l’ammontare del costo dello stesso, che varia a secondo del ISEE della famiglia del piccolo.
Chiedendo lumi a chi di dovere sulla nuova e stravagante strategia per la riscossione del contributo, come bizzarra risposta mi è stato riferito che tristemente l’anno passato parecchie famiglie non hanno saldato il conto finale della retta mensa, e per non ricadere di nuovo nella rete dei debitori la formula attuale è la più sicura per i claudicanti e sempre assetati forzieri comunali. 
Giusto, ma quando un piccolo affamato finisce il credito residuo, come un cellulare, lo si lascia in aula da solo al buio ed a digiuno?
Sicuramente scene come questa saranno destinate ad essere di drammatica quotidianità nel famoso e spensierato borgo della Val Calepio, senza tenere conto della terribile ed ingiusta umiliazione perpetrata ai danni di innocenti bambini, rei di essere figli di oneste persone che ogni giorno si arrabattono in mille modi per allevare dei figli in questo strampalato mondo, ma per ragioni strettamente economiche non possono farcela a pagare la retta della mensa comunale ed anche per la loro dignità di genitori la gogna nel vedersi richiamare all’ordine economico non deve essere piacevole.
Essendo l’argomento in questione riguardante dei minori mi astengo da ulteriori considerazioni in merito, oltre che per il mio profondo rispetto per i meno abbienti.
Sapendo per certo che il buon Cinquini dott. Mauro legge quotidianamente bergamo news, vorrei lanciare allo stesso un supplichevole appello perché riporti i pagamenti della mensa comunale ai vecchi sistemi, e se qualche bisognosa famiglia dovesse di nuovo tardare o non fare i debiti pagamenti, di istituire un fondo comunale destinato ad aiutare il prossimo nel superare questo terribile momento di crisi che attanaglia tutto e tutti, risparmiando soldi destinati ad opere ed eventi totalmente inutili i fondi a disposizione sarebbero anche in abbondanza.
Distinti saluti.

Bertana da Barbariga

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Zatarra

    per l’innominato e 33
    te la prendi tanto da darci dei nomignoli !Quando non hai più nulla in mano taci !!!!Il silenzio è d’oro ,un’antico detto latino dice ” Vox populi vox Dei” voce di popolo voce di Dio !!!Un consiglio novello Mazarino se hai ragione ed hai la dote del Condottiero Colleoni ,presentati alle elezioni !!!Capirai se la tua ragione è quella giusta ,ti auguro buona fortuna ,e non avere più cadute di stile di tale portata ,è infantile !!!
    Ciao innominato

  2. Scritto da per AMG & Zatarra

    CIP & CIOP

  3. Scritto da Zatarra

    Bertana da Barbarigo fantomatico Catoniano censore sei dunque al “Delenda Cinquini” distruggete Cinquini!Se il comune ha intrapreso un sistema efficente di riscossione ben venga!La visione da operetta del bambino affamato è stupida!Chi non ha soldi avverta i servizi sociali!non siamo noi cittadini a mantenere Tullio?Per i disagi nel visionare il propio conto che sia il comune ad rendere il servizio alla portata di tutti.Fantomatico Catone non è che tu hai abbandonato la giunta ed ora sentenzi?

  4. Scritto da sole delle alpi

    Bertana da Barbariga promosso sul campo nostro sindaco.
    Stiamo tornando.

  5. Scritto da Zatarra

    Tornate spero non per capannoni ,o uniacque dove avete padani che sfruttano altri padani ,o per altri progetti martinelliani ?Il tempo della gloria è finito per tutti i politici ,risultati veri e non effimeri .Quello che ha fatto monsieur le president en France con i Rom voi ve lo sognate!!!! Pardon moi mon amì voi parlate e basta ,e con le parole non si arriva a fine mese ! Mi immagino che il Delfino del Regno da Giussano non patisca con 20000 euro al mese!Noi si! Lega mia rifletti!!!

  6. Scritto da AMG

    Stando alle bertane del paese siamo a quota 80 bambini che hanno mangiato a sbafo lo scorso anno, molti dei quali italiani.
    Su quanti? 300? 350? ma Chiuduno si trova nello Zambia ?
    PS. se tornate come prima avvisatemi che a mezzogiorno passo pure io a pranzo… però voglio anche il caffè corretto!

  7. Scritto da giancarlo

    la tessera a scalare andrebbe bene se evidenziato chi non paga si intervenisse presso le madri, di solito extracomunitarie a venire a prendersi il proprio figlio per farlo mangiare a casa loro. ma cosa fanno tutto il santo giorno? sono sedute ore e ore a chiacchierare e non soffrono certo la fame………diano almeno da mangiare ai loro figli se non possono permettersi pochi euro di mensa, ma non aumentare la mensa a tutti, sempre ai soliti che pagano! giancarlo

  8. Scritto da il giudice

    Leggendo attentamente la curiosa segnalazione si evince, che non è messo in discussione l’inalienabile obbligo al pagamento, ma solamente il nuovo sistema di riscossione preventivo della retta mensa.
    Anche se leggo che in altre realtà comunali è già in uso da tempo, rimane un metodo molto bizzarro, che alla lunga potrebbe anche essere controproducente per l’amministrazione comunale.
    Inoltre l’appello ad aiutare il prossimo è encomiabile, ma bisogna fare bene attenzione agli approfittatori.

  9. Scritto da per @ 30 AMG

    I bambini sono stati 40 e non 80,e solo l’ultimo bimestre, inoltre il degradente sarcasmo finale è degno di Lei e dei Suoi continui inutili commenti.

  10. Scritto da AMG

    Cara(o) @33 (immagino B.d.B.)
    Tu scrivi in modo poetico mentre io scrivo solo la sostanza. Due pensieri e due forme di espressione. E allora?
    Se ci sono problemi che facciano come qui a Sarnico, se ne hai diritto puoi usufruire di uno sconto o esenzione dal pagamento. Cosa che mi pare che esista ovunque, a prescindere dal colore politico.
    Troppo comodo non pagare sperando che vada nel dimenticatoio… sapessi quante volte piacerebbe pure a me!
    La prossima volta firmati pure.
    Con affetto, AMG

  11. Scritto da Zatarra

    per 33 ,sei informato bene come fai ad avere le cifre esatte?
    magari hai anche i nomi ! Illuminaci oppure continuerai ad appoggiare B.d.B.? Con voi tutto è dovuto a tutti ,e le casse si svuotano per opere pie per gli stranieri e non ,si sà quanti aiuti il comune dà alle famiglie ?Le classi rallentano l’apprendimento con chi non capisce e i nostri figli ne pagano le conseguenze ,tu sei un’ipocrita come chi difende i rom e poi guai se se ne porta a casa 1!
    Rispetta chi con fatica paga la mensa!!

  12. Scritto da mitiar1

    l’assurdo è che in italia secondo alcuni è ingiusto chiedere di pagare quello che si deve….
    oltretutto la spesa della mensa è proporzionata al reddito…

    ma a proposito di ricariche
    scommetto che il cellulare di quei bambini “umiliati” (dai propri genitori) è sempre carico ….

  13. Scritto da AMG

    Non esistono solo poveri onesti e ricchi disonesti…
    I poco abbienti di Chiuduno si sanno quanti sono, basta guardare i bilanci del comune per vedere i sussidi erogati.
    Gli altri sono i poveri che faticano a mantenere 2 cellulari, internet, Sky, tv led, vestire alla moda e tutto il superfluo di tutto. Conosco quel genere di persone nelle cartolerie citate.
    Pochi hanno l’intelligenza di Mario59 per mettere da parte qualche risparmio, preferiscono rodere tutto ed alla prima difficoltà vanno a rotoli. In poche parole significa l’aver fatto il passo più lungo della gamba.
    Nella vita esistono delle priorità, sbagliare non deve essere una colpa per gli altri. Prima si onorano i debiti (ad es.retta della mensa) e poi se avanza si pensa ad altro.

  14. Scritto da Claudia

    Ottima soluzione.
    Propongo solo di lasciare la possibilità di sforare per almeno 5 pasti che verranno poi scalati alla succesiva ricarica e dopo tre sms sospendere.

  15. Scritto da FB

    Ottima idea. Anche al cinema si paga per entrare, sul bus si prende il biglietto prima, ecc. ecc. Dov’è lo scandalo?

  16. Scritto da Paolino

    cooooooooosa ??? ma siamo impazziti ???
    pretendere di fare diventare una mensa scolastica come un servizio della Caritas ???
    non pagano ??? bisognerebbe tirare fuori i nomi di chi non ha pagato, altro che poverini, è un servizio, mica un obbligo !!!
    non dimentichiamo che chi non paga aumenta le tasse a chi le paga.

  17. Scritto da miriam

    Adottare la ricarica anche con la mensa dei bambini è assurdo.
    Vorrei proprio assistere il giorno in cui a dei bambini verrà negato un pasto caldo.
    Vergognatevi.

  18. Scritto da gianluigi

    perchè non si istituisce una volontaria che accerti chi paga i no? con tanti volontari inutili a chiuduno, almeno uno sarebbe utile.i genitori di chi non paga si interpellano e se non ci stanno cambino scuola o paese:chiuduno non se lo permette. certe madri non si interessano di quello che i figli imparano, tanto alle 16oo c’è il doposcuola solo per loro fatto di professoresse stupide! che volontariato! gianluigi

  19. Scritto da Oreste G.

    Ma si può sapere che razza di paese è chiuduno ne succedono di tutti i colori.
    Andare in tabaccheria per ricaricare la mensa dei propri figli poi non l’avevo mai sentita

  20. Scritto da valentina

    Non c’e mica solo a Chiuduno la tessera a scalare, anche a Cassano d’Adda c’è! e non mi sembra una brutta cosa, anzi…

  21. Scritto da AMG

    @12 è una pratica che si sta consolidando in tutta Italia, e non solo nell’ambito delle scuole.
    Si va da Benevento fino a Varese, in rete si vede che non è una novità assoluta.
    Dopotutto le cifre sono spaventose, leggendo i vari articoli in rete si stima un 25% del totale.
    Per Chiuduno bisognerebbe chiedere a qualcuno.
    Esiste qualche altra possibilità oltre all’aumentare ingiustamente del 33% la retta di quelli onesti che pagano?

    PS: a Chiuduno ancora non si vedono i Gratta e Sosta…

  22. Scritto da alex

    per @15 AMG
    I gratta e sosta no. ma si pagano le fogne con relativo canone di depurazione anche in assenza di fogne…….
    Straordinario.

  23. Scritto da gb

    Ma lo sai quanto costa per farti la fogna vicino a casa? Comincia a pagare, e un giorno ti arriverà la fogna. In fin dei conti la roba da scaricare è tua.

  24. Scritto da una mamma

    Che schifo è due giorni che cerco di accedere alla posizione di mia figlia ma è impossibile.
    Speriamo sia l’ultima trovata di Cinquini.

  25. Scritto da alex

    per @ 17 gb
    praticamente non ai capito niente.
    La fogna comunale NON MI INTERESSA, trovo esilarante ma tragico pagare per un servizio che non vieni svolto.

  26. Scritto da Paolino

    @18
    a me funziona perfettamente, compreso la date di presenza.
    la pagina pagamenti è vuota ma il credito caricato è corretto.
    basta cancellare i cookies e la cache e riavvia il sistema.

    e basta con le manie di complotto internazionale …

  27. Scritto da sole delle alpi

    Basta Cinquini questa è la tua ultima scoperta.
    Prima tutti i casini con le feste al palasettembre poi la discarica e adesso questo.
    Quanto sputtanamento Chiuduno e i Chiudunesi devono ancora sopportare per colpa tua.
    BASTA BASTA BASTA

  28. Scritto da Strega maestra

    Inorridisco leggendo taluni commenti che scadono nel ridicolo anatema del “poveri bambini affamati lasciati soli in aula”. Sono un’insegnante della primaria di Chiuduno, essere umano e mamma: ma per chi ci avete preso? Per streghe pronte a infliggere tremende pene ad alunni inermi? Al di là delle questioni (che poco mi interessano e riguardano) su chi paga o non paga, modalità di riscossione o risarcimento, mi preme avvertire: un paese che non si fida dei suoi maestri, non ha futuro!

  29. Scritto da padano

    Bravo Cinquini ora passa l’idea anche all’amico lancini di Adro

  30. Scritto da a

    Wow, comunque il bambino affamato può sempre richiedere la ricarica di emergenza che gli verrà accreditata alla successiva normale ricarica. E se non mangia ancora meglio. Un bambino su tre in Italia è in sovrappeso!

  31. Scritto da paola

    Visto che la mensa non è un obbligo, bensì un servizio, perchè semplicemente non si risolve il sistema dando la possibilità a chi non vuol pagare di portarsi il pranzo al sacco? esattamente come quando si va in gita scolastica. Penso che nessun genitore farebbe morir di fame il proprio bimbo.

  32. Scritto da Rino Finazzi

    Ottima cosa, così i genitori furbi saranno sotto controllo.

  33. Scritto da AMG

    E dov’è il problema? sono 15 anni che le ricaricabili telefoniche funzionano e non vedo perché non risolvere con questo pratico sistema. Mi stupisco positivamente che certe amministrazioni arrivino a pensarci…
    Purtroppo troppe persone non pagano per abitudine, sicuramente tantissimi extracomunitari, ma ci sono pure mamme che per sfoderare la loro vuitton omettono di pagare i piccoli debiti quotidiani.
    Se un bambino ha fame che se lo portino a casa e che non scassino più di tanto.

  34. Scritto da AMG

    A proposito di crisi,caro scrivente è meglio che cominci ad alzare la testa dalla tastiera.
    I ristoranti/pizzerie sono pieni,gli alberghi pure,le strade,i negozi,code ovunque,come ovunque la gente spende e spande.
    Ma dov’è la crisi? tutti statali?balle! qui da noi sono solo i soliti recidivi che godono a fare i “meno abbienti”
    Avete provato a guardare le automobili che circolano in bergamasca?tutte nuove, molte tedesche ed in buono stato.
    La crisi è finita da tempo,per molti non è mai esistita