BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ubi, torna in discussione il premio aziendale

Mercoledì 29 riprende il confronto tra i vertici del gruppo bancario e le organizzazioni sindacali.

Più informazioni su

In discussione ci sarà il Premio, ma anche questioni come le forti pressioni commerciali subite dai lavoratori e le politiche di sviluppo dell’istituto bancario: riprende questa settimana il confronto fra sindacati e dirigenza di UBI con un incontro fissato per mercoledì 29 settembre, alle 10 nella sede di via Fratelli Calvi a Bergamo. Proprio sul Premio aziendale, quest’estate, si erano rotte le trattative, poi riavviate il 16 settembre scorso, alla presenza del Consigliere Delegato di UBI, Victor Massiah. “In tre anni non era mai successo. Evidentemente le assemblee coi lavoratori, i volantini e i comunicati hanno fatto effetto” dice Paolo Zanchi, segretario generale provinciale della FISAC-CGIL. 
Durante il confronto di dieci giorni fa le organizzazioni sindacali (FISAC-CGIL, Dircredito, FABI, FIBA-CISL, Sinfub, UGL e UILCA-UIL) hanno esposto tutti i nodi critici rilevati nelle oltre 50 assemblee svolte con i lavoratori e relative al “clima” e alle condizioni organizzativo-produttive del Gruppo, ai problemi interni, in particolare alle pressioni commerciali (un sistema insostenibile di imporre il budget, telefonate prepotenti dei capi area, minacce di trasferimento, classifiche fra filiali, richieste di report manuali, capi filiale spogliati di ogni ruolo decisionale), alle politiche di sviluppo e alla quota di Gruppo relativa al Premio aziendale.
“Ora entreremo nel merito della discussione” continua il segretario generale Zanchi. “Per la FISAC-CGIL di Bergamo le questioni, parimenti importanti, vanno affrontate a partire dalla certezza che non è più possibile intervenire per ridurre gli effetti della evidente crisi con il taglio dei costi, in particolare sul personale. Anzi, è necessario che l’azienda si presenti con una seria proposta di sviluppo commerciale che faccia intravedere ‘l’uscita dal tunnel’ e che la linea di sviluppo si snodi in un clima di riconquistata fiducia tra vertice e lavoratori. Il tutto al riparo da asfissianti (a volte demenziali) pressioni commerciali che ledono non solo il benessere lavorativo ma a volte la stessa dignità dei dipendenti. Il percorso di confronto può trovare il suo buon inizio anche attraverso il giusto riconoscimento economico rivendicato durante l’estate”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lvca

    ecco il risultato della fusione…