BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tapiro d’oro, botta e risposta Enac-Sacbo

In merito alla consegna del tapiro da parte di Valerio Staffelli l'Enac ha diramato un comunicato in cui difende il suo operato e punta il dito contro la Sacbo.

Più informazioni su

In merito alla consegna del tapiro da parte di Valerio Staffelli l’Enac ha diramato un comunicato nel quale si legge che "con riferimento al servizio realizzato questa mattina dalla redazione di Striscia la Notizia presso l’Aeroporto di Bergamo sull’efficacia dei controlli di sicurezza, l’Enac precisa che, nell’ambito dei propri poteri di vigilanza e controllo, già dal mese di agosto ha attivato azioni correttive nei confronti del gestore aeroportuale, la Sacbo S.p.A. che, ai sensi dell’articolo 705 del Codice della Navigazione, deve garantire l’effettuazione dei controlli di sicurezza su passeggeri, bagagli e merci e l’adeguamento delle infrastrutture aeroportuali alle misure di sicurezza. La Direzione Aeroportuale Enac di Bergamo – prosegue -, infatti, aveva richiamato la società Sacbo, che ha la gestione totale dello scalo, al fine di eliminare le carenze riscontrate nel sistema di sicurezza delle infrastrutture, richiedendo in particolare di impedire il passaggio dall’area arrivi all’area partenze al personale non autorizzato, anche mediante la vigilanza della suddetta area. Si rammenta, peraltro, che l’attuazione delle misure di sicurezza è demandata al gestore aeroportuale che agisce sotto la sorveglianza delle Forze di Polizia. Considerato, quindi, che le carenze evidenziate dalla redazione di Striscia la Notizia confermano la necessità di quegli interventi già richiesti alla Sacbo, l’Enac rende noto di avere immediatamente disposto l’accertamento dei fatti finalizzato all’adozione di ulteriori provvedimenti di competenza ritenuti necessari".

Questa, invece, la replica diramata dalla Sacbo.

In relazione alla presenza della troupe di “Striscia la Notizia” all’Aeroporto di Orio al Serio nella giornata di lunedì 27 settembre 2010 e alle presunte intrusioni che si sarebbero verificate attraverso le porte di uscita in zona arrivi, Sacbo dichiara di aver adottato tutti i dispositivi previsti dalle normative nazionali e locali per assicurare lo svolgimento in sicurezza delle operazioni aeroportuali per passeggeri e bagagli in partenza, nonché per il personale aeroportuale. Con riferimento alle responsabilità addebitate al gestore aeroportuale, Sacbo precisa, inoltre, che l’area arrivi non è interessata a misure di controllo rientranti nelle proprie competenze. Per quanto concerne l’adeguamento delle infrastrutture aeroportuali, Sacbo ha sempre ottemperato alle disposizioni di Enac dal momento in cui esse venivano formalizzate. Per ogni modifica procedurale e/o infrastrutturale, il gestore si è sempre attenuto alle disposizioni decise e condivise in sede di Comitato Sicurezza Aeroportuale, di cui Enac ha il coordinamento. In ogni caso, Sacbo si riserva di fornire ulteriori valutazioni dopo aver visionato il servizio televisivo e le immagini che saranno trasmette da “Striscia la Notizia”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da FF

    Alex è la tua bocca che deve chiudere

  2. Scritto da SOLO ORIO

    Alex
    teala fo’
    muchela
    SOLO ORIO

  3. Scritto da Non sono nato ieri figliolo

    M.B. sta marino B. vero?
    quello di Colognola, vero?
    fanatico, vero?
    troppa tele, vero?

  4. Scritto da bergamasco vero e fiero dell'aeroporto del norditalia

    @3 tu invece che fai dei media spesso diffamanti il tuo vangelo secondo satana…
    Credi che in altri aeroporti d’Italia la cosa sia gestita meglio? Solo a Orio le cose non funzionano? A Malpensa sparivano le valigie ricordi?
    A Linate gli assistenti giocavano a carte e facevano la spesa ricordi?
    Ah già! A proprosito di sicurezza…!!
    Io trovo che certi servizi siano un po’ faziosi. Malpensa al centro dei piani di sviluppo, ma Orio al centro dell’invidia di chi ha tassi d’incremento a 2 cifre…

  5. Scritto da CA71

    @3 – non capisco di chi sia la responsabilità e non entro nel merito ma ti ricordo che di bergamasco la responsabile a cui hanno consegnato il tapiro non aveva nulla……….

  6. Scritto da luciano015

    La sicurezza non è garantita, e qualcuno dovrebbe risponderne, o pagare qualcosa.
    Il fatto che anche altri abbiano problemi analoghi o peggiori dimostra che gli irresponsabili sono diffusi più di quanto ci vogliamo raccontare, non che non esista il problema.
    La moltiplicazione degli enti serve a facilitare lo scaricabarile.
    Occam Occam, se ci sei batti un colpo (o una rasoiata)…

  7. Scritto da ALEX

    PER SOLO ORIO: PERCHE’ CI SONO DEI VOLI NOTTURNI CHE NON POSSONO ATTERRARE MA CONTINUANO A FARLO ? IL SINDACO DOV’ E’ ? LA LEGA C’ E’ ? O DEVE PARARE IL CULO A QUALCUNO?

  8. Scritto da pippuzzo

    Al solito, serve l’intervento di gente che di mestiere dovrebbe far ridere (ma che talvolta si rivela forse più seria di chi guadagna fior di soldoni) per far discutere dei problemi. I giornali che si occupano di cose importanti erano invece impegnati ad informarci dei distributori di lingotti d’oro.
    PS. Si scrive aeroporto, non aereoporto. Grazie.

  9. Scritto da mario

    il tapiro non è che una dimostrazione della disinvolta gestione della sacbo nel rispetto delle leggi.vedi problema curve isofoniche mai rilevate per evitare di dar corso alla definizione dll’intorno aeroportuale.Tale mancanza rende illegale il volo notturno da e per orio, come da decreto ministeriale.speriamo che il tapiro sia il grimaldello che possa aprire la sacbo al rispetto della legge e del territorio che nella legge ha il suo difensore, vero sindaco,vero prefetto?

  10. Scritto da M.B.

    Ogni giorno ci viene dimostrato quanto sia sicuro il nostro paese, speriamo, ma speriamo davvero che a nessun gruppo terroristico venga in mente di fare un attentato a Orio : DOVE SEI LEGA ?? E’ QUI CHE SI DEVE AVERE SICUREZZA, CERTO CHE CON I CONTINUI TAGLI A TUTTE LE FORZE DELL’ ORDINE DI SICUREZZA NON NE FATE DI SICURO, O AVETE INTENZIONE DI MANDARE LE RONDE PADANE A DISINNESCARE LE BOMBE !!!!

  11. Scritto da alex

    l’ aereoporto di orio deve chiudere …. inquinamento atmosferico e acustico ci rovinano andate a Montichiari. Ma la Lega che tutela il territorio dov’ è?

  12. Scritto da Arturo

    Da proprio fastidio l’aereoporto di Orio.Certo non è a Roma e ha tanti passeggeri!In più funziona benissimo con Ryanair.Due peccati capitali per i romani e i loro scagnozzi di Striscia.

  13. Scritto da Tuditanus

    Hanno fatto benissimo a consegnare il tapiro d’oro a quella vergogna bergamasca che è il pessimamente gestito aeroporto.
    Però hanno sbagliato indirizzo.
    Nessun problema ragazzi, ora semplicemente ne devono consegnare altri tre, uno alla società di gestione aeroportuale, uno alla compagnia low-cost ed uno a loro stessi, così imparano a sbagliare indirizzo.

  14. Scritto da Tutto il mondo è paese

    Bergamaschi….parlate bene ma razzolate male!! che vergogna, le immagini di Striscia parlano chiaro, se volete arrampicarvi sui vetri per difendervi accomodatevi pure, non siete migliori a nessuno.

  15. Scritto da giusy dossi

    Se Enac è l’ente preposto al controllo e non controlla neanche le uscite, chissà come controlla gli aerei che virano sulla testa di migliaia di persone!
    E in base a quali elementi stabilisce rotte che sono pericolosissime per piloti e cittadini inermi che abitano sotto le rotte!
    Sacbo poi non è mai responsabile di niente, non è mai sua competenza! Le colpe sono sempre degli altri! Non dice però che l’aeroporto si è sviluppato senza ottemperare quanto stabilito dalla regione e dal ministero.