BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Fai il pieno di cultura” al teatro Donizetti

Domenica 26 alle 18 Litta Produzioni porta in scena "Il venditore di sigari", uno spettacolo dedicato agli ebrei della seconda guerra mondiale.

Più informazioni su

Nella Germania appena uscita dalla guerra, due uomini soli si incontrano tutte le mattine alle sei e trenta in un negozio di tabacchi. Uno ne è il proprietario, l’altro è un professore ebreo. Entrambi si portano dietro un segreto e alcuni frammenti della storia che ha appena sconvolto il mondo intero. E’ “Il venditore di sigari” di Amos Kardil (su traduzione di Flavia Tolnay) che Litta Produzioni, con la regia di  Alberto Oliva porterà in scena domenica 26 alle 18 al Teatro Donizetti (ingresso 3 euro) nell’ambito dell’iniziativa regionale “Fai il pieno di cultura”.
Attraverso un dialogo serrato e di forte tensione in cui si rinfacciano reciproche colpe e recriminano sui torti subiti, i due protagonisti – Gaetano Callegaro e Francesco Paolo Cosenza – arriveranno a scoprire chi sono veramente e quanto gli avvenimenti storici abbiano condizionato la loro vita: un ebreo ha il diritto di sentirsi anche tedesco?
È il dilemma dell’appartenenza, dell’etichetta, che ognuno si porta dietro da quando nasce e alla quale è costretto ad aderire o a ribellarsi, ma non può restare indifferente. “Affrontare questo testo, da non ebreo, – spiega il regista Alberto Oliva – è per me l’occasione di indagare sulla difficoltà universale di scegliere se rimanere nascosti a combattere il nemico da dentro, o partire, abbandonando le proprie radici, per combattere il nemico da lontano, ma a viso aperto. Penso a uno spettacolo che, partendo dalla questione ebraica, sappia trascenderla e arrivare a parlare di tutti, perché tutti prima o poi siamo chiamati a fare i conti con la nostra identità e a scegliere i tempi e i modi della nostra partecipazione sociale, oggi più necessaria che mai».
Per info: biglietteria Teatro Donizetti, tel. 035.4160601/602/603.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.