BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sadismo sui pendolari la Regione virtuosa solo sotto elezioni”

Gianluigi Mologni disegna un ritratto impietoso della situazione quotidiana di chi viaggia in treno in Lombardia. E prova a spiegare perché succede così.

Più informazioni su

Gianluigi Mologni disegna un ritratto impietoso della situazione quotidiana di chi viaggia in treno in Lombardia. E prova a spiegare perché succede così.

PAZIENZA
– che si viaggi spesso con sole 5 carrozze anziché le otto previste (che erano 9 e vi eravate impegnati a far diventare 10 oltre dieci anni fa)
– che si viaggi su carrozze fatiscenti, sporche e sbrindellate, dove piove dentro, con porte e finestrini rotti
– che l’aria condizionata in otto casi su dieci non funzioni e si fanno saune allucinanti anche quando fuori la temperatura è gradevole
– che i tempi di percorrenza dei treni diretti delle ore di punta siano quelli di cinquant’anni fa e più elevati rispetto a vent’anni fa senza raddoppi e quadruplicamenti

Ma che venga introdotto addirittura il sadismo ferroviario è davvero troppo

Dopo aver eliminato i proseguimenti da e per Brescia , quasi ogni mattino i colleghi che provengono dalla linea Brescia col treno che dovrebbe arrivare alle 7.13 si vedono sfilare il treno delle 7.16 per Milano, che spesso chiude le porte mentre si aprono le altre. Che poi lo stesso treno rimanga fermo al bivio Treviglio dai 3 agli 8 minuti ogni giorno ad aspettare di immettersi sulla linea Treviglio Milano è un particolare che non interessa a nessuno. Come non interessa nessuno che gli sventurati che hanno perso il "riscontro" (sic) debbano utilizzare il treno delle 7.32 che è il più lento della giornata arrivando al lavoro con almeno mezz’ora di ritardo sistematicamente.
La stessa cosa succede alla sera quando basta un ritardo di pochi minuti del treno delle 18.10 affinchè i "Dirigenti Movimento" con sommo sprezzo del buon senso pensino bene di accodare un treno pieno di viaggiatori ad una navetta Treviglio bergamo che viaggia completamente vuota, costringendo così un migliaio di persone a sostare ripetutamente in aperta campagna e ad accumulare ulteriori ritardi, rischiando spesso di perdere il "riscontro" delle 7.07 (altri 40 minuti di ritardo).
E poi qualcuno si chiede perchè usano la macchina…

Voi vi chiederete perché fanno queste cose un po’ "insensate"? La risposta è una sola: perché con il contratto di servizio stipulato con la virtuosa Regione Lombardia per i ritardi si pagano le penali, indipendentemente dall’entità del ritardo e dal numero di passeggeri coinvolti. Ergo è più conveniente far arrivare in ritardo consistente un solo treno (anche se strapieno) che con minor ritardo due treni (di cui uno vuoto)

Chissà dove sono finiti i vari Assessori Regionali, Consiglieri e Sindaci che si stracciavano le vesti?
Vuoi vedere che riappariranno solo per propinarci tagli nei servizi e consistenti aumenti tariffari? (
certo, è più facile che eliminare sprechi e disservizi, togliere le auto blu o eliminare le Provincie ecc. ecc.) Mentre i partiti dell’opposizione dormono sonni profondi o al massimo si svegliano ogni tanto per chiedere….il collegamento ferroviario con l’aeroporto.
Certo gli allegri vacanzieri low cost sono più importanti dei pendolari (fino alle prossime elezioni, of course)

Gianluigi Mologni

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pendolare trevigliese

    E bergamo non può pretendere di passare davanti a tutti e di soffocare treviglio per un paio di minuti di fermata! Basterebbe fermare qualche treno, non tutte le corse. Non ci perderebbero i pendolari bergamaschi, ci guadagnerebbero i pendolari trevigliesi e i residenti vicino alla centrale. Semplice, mi pare

  2. Scritto da pendolare trevigliese

    la soppressione della fermata di treviglio ovest sul mi-bg delle 8.06 ritengo sia la cosa PEGGIORE che abbia fatto Trenitalia. Perchè il treno passa vuoto mentre ci sono almeno un centinaio di persone che aspettano la navetta per BG.
    Come si pùo pensare che se esistono due stazioni bisogna concentrare tutti i viaggiatori sull’una (congestionandola) e svuotare la seconda. Provate a immaginare una cosa del genere a Milano…

  3. Scritto da milano non e' treviglio

    il paragone non regge proprio.

  4. Scritto da roby

    la soppressione della fermata di treviglio ovest sul bg-mi delle 8.02 ritengo sia la cosa migliore che abbia fatto Trenitalia.. tanto hanno già la fortuna di avere a pochi km la stazione centrale sulla linea per bs-vr.. per il resto bisogna ancora lavorare (TANTO). Chissà se in futuro noi pendolari avremo finalmente la possibilità di scegliere la compagnia ferroviaria? (come è possibile fare in inghilterra o in Giappone per esempio)

  5. Scritto da mau nobrebemi notav

    l’avete voluto il TAV?…oppure… avete fatto qualcosa per cercare di fermare questa opera prosciuga risorse ? no ? il vostro partito di riferimento è d’accordo? voi no ma non avevate tempo da perdere?
    …allora cuccatevi lo schifo ferroviario…io giro in moto! ciao.

    uno dei pochi militanti anti tav bergamaschi.

  6. Scritto da Formigoni a casa

    Italia…..Situazione , drammatica .!.
    Lombardia….Peggio che andar di notte.!.
    Ma fino a che:gli elettori capiscono …Fischi x fiaschi…. E continuano a dare credito a questi signori di Formigoni,leggasi, Comunione e liberazione,i quali danno in mano tutto il bisness a socieàt private per i cittadini contribuenti sarà sempre peggio.!.

  7. Scritto da Marco Cimmino

    Credo che una delle ragioni per cui i treni pendolari sono in queste condizioni consista nel fatto che i pendolari, come clienti, non hanno scelta: devono prendere quei treni per forza, per assenza di alternative. Essendo fidelizzati forzatamente, non c’è alcun bisogno di trattarli coi guanti. I Frecciarossa sono una scelta, i Bergamo-Milano una necessità: il ricatto produce un servizio vergognoso e dei tempi di percorrenza paleolitici. A questo si aggiunga che parliamo di Trenitalia….

  8. Scritto da Berghem

    VOTATO avete votato CL e LEGA hanno vinto….le promesse si fanno prima del voto… una volta eletti si continua a mangiare e faresi i cavoli propri….questa e la politica…..cosa andiamo a fare a votare ….se questa gente ci prende solo in giro.

  9. Scritto da class action e ONU

    pendolari di tutta la lombardia, facciamo una class action
    Per i punti del signor Mologni io non ho NESSUNA pazienza.
    E anche citerei e documenterei (filmerei?) la cosa all’ONU per la tutela dei diritti umani. E denuncerei anche a loro il giudice civile di Treviglio all’ONU, che diceva che questi dei pendolari non sono diritti.
    Trevigliesi!!! Datevi da fare per ripristinare i treni per Milano dall’Ovest.

  10. Scritto da block!!!

    lasciate stare cl
    Prendetevela con Formiconi
    E con FFSS

  11. Scritto da trasportoitalico

    Il popolo ha votato e gli va bene così, quindi in Italia i treni devono andare in questo modo e silenzio ! non siamo in Svizzera !

  12. Scritto da biancaneve

    non sono molto d’accordo con 2.
    Per me il motivo è più semplice: NON C’E’ VOLONTA’ POLITICA DI FARE ALCUN MIGLIORAMENTO.
    Formiconi, caro n. 5 è Cl: perchè le Ferrovie Nord funzionano assai meglio?
    Forse perchè i vertici sono di cl e cdo?
    E chi ce li ha messi?
    Che strano….la Regione ha voce in capitolo.
    Cl non c’entra? Ah ah ah…

  13. Scritto da pendolare trevigliese

    Rilevo che il sig Mologni lamenta il fatto che il suo treno deve accodarsi dietro la navetta treviglio-bg vuota. Ogni mattiva io sono uno di quelli che prende la citata navetta che si accoda al Mi-.Bg vuoto e che non ferma più a Treviglio grazie all’egoismo del comitato pendolari di Bg. Come vede sig Mologni, chi di arroganza colpisce, di arroganza (delle FS in questo caso) perisce…