BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Ospedale, aspettiamo le perizie Non scadiamo nel reality” video

Il direttore generale dei Riuniti replica al corsivo di Bergamonews. Ma fornisce una risposta parziale che non contribuisce a fare chiarezza.

Più informazioni su

Il direttore generale degli Ospedali Riuniti ci ha inviato questa risposta all’editoriale intitolato "Ora serve una operazione trasparenza".

Caro direttore,

l’unica vera trasparenza può venire dalle risposte delle perizie in corso, a tutela  dell’azienda e dei cittadini, nei confronti dei quali abbiamo il dovere di esigere che ci venga consegnata un’opera senza alcuna imperfezione. Fornire oggi ipotesi non suffragate da dati, questo sì nuocerebbe alla trasparenza. Tutte le parti in causa sono informate e almeno da parte nostra non v’è alcuna sottovalutazione del problema. Il che non significa trasformare tutta la vicenda in un reality in cui l’ultima parola spetta al televoto. 

Cordialmente

Carlo Bonometti  
direttore generale

Caro dott. Bonometti,
non si sa se provare sorpresa o sconcerto di fronte alla sua sbrigativa (non) risposta.
Bergamonews le ha posto sette domande. Sette quesiti che le avrebbe potuto rivolgere un qualsiasi cittadino bergamasco. Uno di quei contribuenti che, pagando le tasse, contribuisce a garantirle lo stipendio. E che, anche per questo, avrebbe il diritto di ricevere i chiarimenti che chiede.
Lei preferisce liquidare tutto fermandosi alle perizie che chiariranno tutto. Va bene. E ci mancherebbe altro che così non fosse. Ma per sapere quando è emerso il problema infiltrazioni e se ha interessato solo una torre o anche altro non è necessario attendere il lavoro dei tecnici. Ci sono risposte che giustamente vanno date a tempo debito e con tutti i sacri crismi. Ma ce ne sono altre che richiedono solo un esercizio di trasparenza e, soprattutto, di disponibilità al confronto.
Se chiederle di poter visitare il cantiere, come peraltro è stato fatto altre volte quando si trattava di magnificare la bontà e la tempestività dei lavori, significa voler trasformare tutta la vicenda in un reality non ci siamo. Forse senza nemmeno rendersene conto, lei mostra una sorta di disprezzo nei confronti dei cittadini, evidentemente capaci solo di perdersi in inutili televoto. Non è così, caro direttore. I cittadini hanno il diritto di conoscere, di approfondire, di valutare. E anche di giudicare, senza per questo vedersi ridotti a stupidi pigiatori di tasti. Perchè il nuovo ospedale non appartiene a questo o quel direttore generale. Non è della Regione o del Comune. E’ di tutti i bergamaschi. A loro, non a noi, lei nega una parte delle risposte a cui hanno diritto. Quando lei afferma che "tutte le parti in causa sono informate" trascura questa componente. Se non fosse stato per un articolo di giornale, onore al merito a L’Eco di Bergamo (pur nel modo un po’ "originale" con cui è stata data la notizia), i bergamaschi non avrebbero saputo niente. A lei sembra ovvio, giusto, normale. Forse l’abitudine a render conto di quello che fa solo al Governatore Formigoni, la porta a considerare i cittadini solo come utenti. Peggio, come spettatori. 
E allora, da spettatori le diciamo che possiamo condividere la sua preoccupazione che la vicenda delle infiltrazioni non si trasformi in un reality. Ci aspettiamo un film da Oscar. Perchè se invece finissimo ad assistere ad una situation comedy le risate sarebbero molto, molto amare. 
c.zap.  

L’EX SINDACO VICENTINI  "La Trucca fu una scelta piena di dubbi"
IL DIRETTORE GENERALE  "Noi non tiriamo fuori altri soldi"

Più informazioni su

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mariopio

    Tanto paga sempre pantalone, di cosa vi preoccupate?
    state tranquilli e smettetela di lamentarvi, tanto pagheremo ancora noi, cittadini questo è certo. Adesso devono solo fare scaricabarile ,poi quando avranno finito, da qualche parte i soldi li faranno rientrare.
    Sti so alegher!

  2. Scritto da il giudice

    Caro qui e caro là.
    Caro si dice ad un amico. non si inizia una missiva pubblica che avrà una risposta altrettanto pubblica.
    Sono al corrente della pessima abitudine ,diventata di normale uso , di iniziare con “caro”, ma non mi è mai piaciuta
    Il rispetto delle regole e della buona educazione è indiscutibilmente una priorità di civiltà, e non si estrapolino ragioni occulte al cattivo costume, ne tanto meno si scrivano prediche al riguardo per contraddirmi.
    Buona giornata.

  3. Scritto da mara

    Piove! Metti gli stivali se vuoi passare dall’ospedale…

  4. Scritto da un ospedaliero

    Riportiamoci alla realtà:il problema era ben conosciuto,purtroppo forze politiche particolari prevalsero per la scelta alla Trucca,soluzione infelicissima; la Martinella prevista dal PRG era ideale.Non fu considerata pure un’altra soluzione:l’area dell’ex ospedale psichiatrico, vastissima,a basso costo in quanto di proprietà della Provincia,ora sottoutilizzata per funzioni che potrebbero essere collocate altrove.Fu osservato che l’attuale tecnologia avrebbe consentito la soluzione di tutti i

  5. Scritto da un ospedaliero

    problemi.Purtroppo la zona è una palude e il problema acqua,infiltrazioni sarà sempre presente.Ciò ha comportato la costituzione dei laghetti articiali,altre opere,ma il drenaggio dovrà essere continuo con costi sempre maggiori.Avremo una realtà sempre in situazioni di emergenza e con inconvenienti,infiltrazioni continue più o meno gravi e talora imprevedibili.Scontiamo un’assurda decisione presa ai tempi giunta Vicentini che riconosciamolo era contrario. Chi invece lo volle? E’ facile indagare.

  6. Scritto da un ospedaliero

    Allora quale trasparenza si vuole? Chiediamoci chi ha voluto l’Osped. alla Trucca e perché. Purtroppo ora dovremo subire un costosissima struttura con enormi difetti in partenza, gestione pesante, inconvenienti assistenziali gravi, continui, imprevedibili.

  7. Scritto da d.c.

    Ha rimediato proprio una bella figura l’esimio Bonometti. Chissà perchè è reality mostrare le infiltrazioni e non lo è quando mostrano pazienti moribondi appena operati per magnificare la bravura dei loro medici. Il cinema, caro il mio direttore generale, lo fate sempre. solo adesso ha avuto un sussulto di serietà?

  8. Scritto da ex elettore An

    L’Eco di Bergamo si sta superando nel suo sempre più evidente tenativo di nascondere le vergogne dei Riuniti. Adesso tutta la colpa è del Comune. Tentorio svegliati. Prova a tirar fuori un po’ di coraggio e a picchiare un pugno sul tavolo di Ongis. Quello che ti stanno facendo è vergognoso. Sei capace di mostrare un minimo di dignità o vuoi continuare ad indossare l’abito di don Abbondio?

  9. Scritto da pol(pot)

    Non voglio entrare nel merito della questione perchè non ne so un ca…zo. Comunque dai commenti sembra ormai delinersi un movimento di idee (simil popolo viola – grillini) allo sbando, senza ideologie, nè ideali, capaci solo di contestare e non di proporre, parlano per sentito dire, godrebbero a vedere qualsiasi politico messo al rogo o dato in pasto ai coccodrilli

  10. Scritto da canaglia

    Complimenti Zapperi!

  11. Scritto da deb

    dimenticavo…a Voi farebbe bene un po’ di sana dittatura, ma non quella delle televisioni, ma quella vera dei campi forzati: rimpiangereste questi momenti

  12. Scritto da 081

    @8 carmelo: suggerisco anche tv nazionali

  13. Scritto da angelo

    Cari gemellini pol15 e deb17, è proprio con il vostro ridicolo “va tutto bene” che ci si rende conto di come la cosa pubblica sia diventata cosa loro. Spero per voi che almeno siate a libro paga di qualche appartenente alla casta/cricca.

  14. Scritto da Brunelli

    Sicchè informarsi su come vengono spesi (non voglio dire buttati per amor di patria) i nostri soldi, significa fare del reality? Certo che i dipendenti privilegiati sono abituati bene. Bonometti, guardi che sono finiti i tempi in cui quello che veniva detto dal parroco o dal dottore era verità assoluta…

  15. Scritto da Decio

    Alla fine, quella del reality-show potrebbe essere una buona idea: mettiamo delle telecamere che seguano il lavoro quotidiano dei dirigenti pubblici. Poi vediamo se hanno ancora la faccia tosta di ironizzare sul televoto.

  16. Scritto da karajan

    Noi bergamaschi, visto la risposta del direttore del Riuniti a BG news, che aveva posto alcune domande ben precise, risposta che si può definire NON RISPOSTA, se non addirittura una presa per il sedere da parte del Bonometti, non potremmo organizzarci e chiedere le dimissioni di questa persona? Come potremo fidarci della buona funzionalità di questa opera, avendo come direttore una persona che si rifiuta, mettendo il problema delle infiltrazioni, come un problema marginale!!!

  17. Scritto da Narno Pinotti

    Trasparenza e informazione vanno benissimo. Ma se la maggioranza di noi bergamaschi poi vota regolarmente sempre gli stessi partiti e in buona misura le stesse persone, come possiamo pensare che chi decide senta anche il fiato dei cittadini sul collo? La supponenza di certi politici è radicata anche nella certezza che dopo qualsiasi scandalo verranno rieletti.

  18. Scritto da Ciliegie Toschi

    Leggendo la spiritosa risposta di Bonometti ho capito che le perizie da lui citate (e da noi pagate) devono stabilire se gli interrati dell’ospedale siano stati allagati dall’acqua o dalla grappa.

  19. Scritto da karajan

    L’eco di Bg, scrive candidamente che gli “untori di memoria manzoniana” non mancano mai anche se tutti sapevano che quell’area era un’acquitrinio di antica memoria. Rimango stupefatto, visto che io abitando dalla parte opposta della periferia di Bg, non ne ero a conoscenza, ma gli abitanti della zona si. Allora mi chiedo: perchè si è scelto quell’area? Potrebbe rispondermi Bonometti?

  20. Scritto da Marco

    D’accordo con karajan:
    questa persona non dirige una fabbrica di matite ma una struttura che è fondamentale per la salute dei cittadini.

  21. Scritto da sandro p.

    L’arroganza gioca brutti scherzi, Bonometti. potrai fregartene di quel che pensa la gente, ma se leggi quel che c’è scritto in questi commenti dovresti andare a nasconderti. Ricordati che non sei il dirigente di una società privata. Ricordati che devi delle spiegazioni anche ai cittadini, che non sono solo quelli che vengono a togliersi il sangue all’ospedale. Ricordatelo, anche perchè non farai il direttore a vita. Quando tornerai dall’altra parte vedrai

  22. Scritto da è democrazia?

    l’abitudine dei nominati dai politici, come Bonometti, è quella di considerare i cittadini contribuenti una componente aleatoria della realtà in cui vivono. I Bonometti hanno come faro di riferimento i politici che li nominano e i politici che nominano i Bonometti, hanno come faro di riferimento il loro leader di partito, i quali, col pollice verso, possono stroncare le loro carriere politiche. Ai cittadini elettori è concesso scegliere, ogni tanto, un simbolo o starsene a casa. E’ democrazia???

  23. Scritto da Superstrada senza ferro-ospedale su palude

    Staremo a vedere se non va a finire come il ferro che non è stato messo nella superstrada tratto cene albino, e che ora inizia a traballare, vedi questa settimana il giunto saltato, che ha bloccato l’alta valle. Ma gli alti gradi hanno detto che non influisce, ne riparleremo fra poco tempo … Chi pagherà, chi paga la pompa fissa dello Zappet… ai Riuniti che non sene è mai andata da mesi ormai? Sono i nostri soldi. Non siete in grado di governare andate a casa tutti Vergogna

  24. Scritto da A.P.

    Condivido la chiarezza richiesta dal direttore, portavoce dei cittadini, in merito alla vicenda nuovo ospedale.
    grazie

  25. Scritto da Will

    Il direttore dell’ospedale risponde senza rispondere.

  26. Scritto da Noi votiamo, eccome se votiamo!

    Egr. dott. Bonometti,
    la invito a tenere in considerazione il fatto che lei occupa il posto che occupa in virtù di una volontà politica, la quale a sua volta si fonda sul VOTO di noi cittadini. Cittadini i quali, come le ha giustamente ricordato Zapperi, le pagano anche lo stipendio. Ha ragione, non è un reality: è REALTA’; e non parliamo di televoto ma di voto. Non credo le convenga manifestare tale arroganza. Distinti saluti dal suo datore di lavoro.

  27. Scritto da marco

    Persona alquanto arrogante questo direttore!
    Spero solo che prima o poi qualcuno gli faccia capire che l’ospedale non è una sua proprietà privata ma un bene di tutti i cittadini, che palesemente, con questa risposta, lui tratta con disprezzo.
    Anche noi cittadini e (purtroppo) possibili utenti di questa struttura siamo parte in causa…
    Non ha fatto di certo una bella figura!

  28. Scritto da carmelo

    Vogliamo vedere cosa c’è nel cantiere. Non dico una visita aperta al pubblico. Ma alla stampa e alle televisioni locali. Perchè l’informazione è la prima via dell’onestà e della trasparenza. Aprite i cantieri ai mass media e sapremo giudicare

  29. Scritto da marco

    Invito a leggere quanto riportato in
    http://www.meetup.com/beppegrillo-195/boards/thread/4733034/0/
    Non sono commenti recenti (risalgono al 2008), ma estremamente interessanti e dimostrano che questi problemi erano ben conosciuti da anni.

  30. Scritto da corti-novis

    Sono tutti malati di immagine e meritocrazia e pur di far piacere al potere attuale (lega) per promozioni negano l’evidenza della situazione vogliono scaricare tutto e nessuno è responsabile

  31. Scritto da polpopaul

    Questo dipendente sente il diritto di rispondere in modo superficiale, e quasi arrogante, al bisogno di chiarimenti dei cittadini che lo pagano. E’ il segno tangibile che certi posti, conquistati con lo sporco lavoro della politica, fanno sentire intoccabile chi siede su una poltrona pubblica. Caro Bonometti, fuori dal suo studio, appenda un cartello con scritto: non disturbate il conducente.

  32. Scritto da corti-novis

    Giornalisti camuffatevi da operai e registrare tutto quello che c’è nel cantiere, la trasparenza non deve essere solo propaganda ha corrente alternata per far piacere solo ai comandanti e politici. SGAMMATELI !!!

  33. Scritto da Tiziano Trivella

    Apprezzo la chiarezza e le corrette ed equilibrate argomentazioni del Direttore di BergamoNews che penso possano essere condivise dai cittadini bergamaschi che stanno seguendo la vicenda del nuovo ospedale.
    Per fortuna c’è ancora qualcuno che parla chiaro.

  34. Scritto da chirurgicamente

    buona questa. Adesso fare domande e chiedere chiarezza, chiedere come stanno realmente le cose, significa scadere nel reality.
    Bonometti, forse è il caso che scenda lei dal palcoscenico.