BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ambulatori specialistici trasferiti? Il sindaco di Ponte non ci sta

Dura lettera di Giuliana Reduzzi a Regione, Asl e Comuni per segnalare i disagi che porterà ai cittadini l'annunciato trasferimento degli ambulatori specialistici a Brembate Sopra.

Più informazioni su

Giuliana Reduzzi, sindaco di Ponte San Pietro, dopo aver appreso dagli  organi di informazione che gli ambulatori specialistici dell’Azienda ospedaliera di Treviglio, oggi a Ponte San Pietro, verranno trasferiti entro l’anno a Brembate di Sopra, ha inviato una lettera a tutti gli Enti interessati (Regione, Provincia, A.S.L., Azienda Speciale Consortile, Sindaci, ecc.) per esprimere la propria contrarietà, sorpresa dalla notizia anche perché l’Amministrazione comunale di Ponte sta da tempo collaborando con la stessa Azienda ospedaliera per la ricerca di soluzioni idonee a garantire il servizio del poliambulatorio in Ponte San Pietro.

Ecco la lettera  
Con la presente intendiamo porre all’attenzione delle SS.VV. il problema serio, importante e delicato dell’ipotizzato trasferimento degli ambulatori specialistici sanitari da Ponte San Pietro a Brembate di Sopra. L’opportunità offerta dal Sindaco di Brembate di Sopra all’Azienda Ospedaliera è, a dir poco, sconcertante perché non tiene conto dei cittadini a cui il servizio è destinato!
Se poi consideriamo che il sindaco di Brembate di Sopra è presidente dell’Assemblea dei Sindaci dell’A.S.L. sorprende molto prendere atto che non abbia sentito il dovere di convocare i sindaci e insieme valutare la situazione del distretto, visto che al servizio sono interessati i 130.000 abitanti dell’ambito sanitario dell’Isola e Val San Martino. La sede attuale del poliambulatorio sanitario è a Ponte San Pietro che, ospitando anche altri servizi statali e sovraccomunali, è località di richiamo e di riferimento per la zona ed è facilmente raggiungibile con i mezzi di trasporto pubblici (treno, pullman, A.T.B., ecc.).
E Brembate di Sopra non lo è!
Se si verificasse l’ipotesi in questione c’è da considerare anche un altro disagio per l’utente che dovrebbe comunque recarsi all’A.S.L. di Ponte San Pietro per le pratiche burocratiche e poi a Brembate di Sopra per le visite specialistiche.
Ci chiediamo, perciò, se l’obiettivo del trasferimento degli ambulatori è quello di offrire servizi pubblici comodi o invece solo quello di occupare spazi vuoti di un comune…
L’Amministrazione Comunale di Ponte San Pietro
da tempo è in contatto con l’Azienda Ospedaliera di Treviglio con la disponibilità massima alla collaborazione per risolvere i problemi di sistemazione e di ristrutturazione dell’edificio di sua proprietà in piazza della Libertà, accogliendo i progetti e le proposte periodicamente presentate. Ed ha offerto anche una interessante opportunità che consentirebbe di recuperare risorse economiche atte a realizzare od affittare una nuova struttura, sempre nel territorio di Ponte San Pietro.
Oggi, improvvisamente, e a trattative ancora in corso, apprendiamo dal giornale che si è deciso di spostare il servizio a Brembate di Sopra, abbandonando una concreta occasione di valorizzare la sede in piazza della Libertà!
Non vogliamo crederci!
Invitiamo pertanto a ripensarci
perché la scelta annunciata creerebbe sicuramente malcontento nella popolazione dei comuni dell’Isola e della Val San Martino e potrà rivelarsi “sbagliata” perché a scapito di un servizio sanitario pubblico.
Confidiamo in una risposta rassicurante e rimaniamo a disposizione per chiarimenti e confronto.
Cordiali saluti.
IL SINDACO
Giuliana Reduzzi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da elena

    invece di dibattere di chi è la colpa o meno ci sono cose oggettive che vanno chiarite. in primo luogo l’autonomia gestionale e perciò finanziaria dell’azienda ospedaliera di treviglio di cui fanno parte i poliambulatori di ponte san pietro, autonomia sancita con l’ultimo piano sanitario 229 del 99, che danno autonomia alle aziende ospedaliere con riferimento ai piani sanitari regionali. perciò la gestione della parte sanitaria è delle aziende ospedaliere o delle asl lasciando,

  2. Scritto da G. Comi

    Da decenni la sede degli ambulatori Asl di Ponte S Pietro è penalizzata dalla mancanza di parcheggi nonchè irraggiungibile dagli utenti al venerdì giorno del sacro mercato del paese mai spostato in sede più idonea per varie ragioni. La polemica del sindaco Reduzzi è l’ennesima bega da campanile tra Ponte S Pietro e Brembate di Sopra (come quella ad es. sul nuovo ponte di Briolo) di cui a farne le spese sono solo i cittadini anche dei paesi vicini.

  3. Scritto da Cinzia D'Auria

    X Comi. Se la questione è di così annosa perchè non avete fatto nulla in 5 anni?

  4. Scritto da PATRIZIO

    SI E’ VERO:
    IL “SINDACO NON CI STA’ PERCHE’ TRA UN PO’ SE NE ANDRA’ ”
    A 70 ANNI DEVI REVISIONARE LA PATENTE OGNI DUE ANNI, SI VA IN PENSIONE E NOI DOVREMMO TENERCI LA REDUZZI CHE I 70 LI HA GIA’ COMPIUTI ???? CHE VADA IN PENSIONE. C’E’ BISOGNO DI GIOVANI DI ARIA FRESCA D MODERNIZZARE E NON ATROFIZZARE, INQUINARE ANCOR DI PIU’ PONTE.(LEGGI NUOVO SUPERMERCATO). BASTA REDUZZI VAI A CASA….
    A

  5. Scritto da Cinzia D'Auria

    Assolutamente non è vero!!! La reduzzi e tutta la sua incompetente Amministrazione sapeva da ben tre anni. Non si è leale verso i suoi cittadini usare questi trucchetti da bassa campagna elettorale. O ci consiedera tutti cretini vecchi e rimbambiti? Da anni è stato chiesto a Questa Amministrazione di mettere a norma lo stabile o indivuarne un altro ma non è stato fatto. Nessuno crede a questa lettera che è solo polvere negli occhi. I Cittadini di Ponte non ne possono più della Reduzzi/Pinocchio.

  6. Scritto da Cinzia D'Auria

    PER FP:se non è di competenza dell’amministrazione comunale individuare la localizzazione degli ambulatori, mi spieghi x favore: 1. Perchè la diffida dei vigili del Fuoco è stata mandata al Comune? 2. perchè il Sindaco ha proposto due strutture alternative (che hanno fatto ridere chi di dovere) se non era suo compito? 3. Perchè si espone con una lettera se non è di sua competenza?. Ricordo che il Sindaco ha ANCHE la responsabilità della salute dei cittadini…..forse gli sfugge questo dettaglio.

  7. Scritto da Gianluca

    Il Poliambulatorio extra-ospedaliero di Ponte San Pietro, sito in piazza Libertà n.5, offre all’utenza una gamma di prestazioni ambulatoriali inerenti le branche specialistiche di:
    ALLERGOLOGIA,CARDIOLOGIA,DERMATOLOGIA,DIABETOLOGIA,FISIATRIA, MEDICINA iINT.;UROLOGIA,OCULISTICA,ODONTOIATRIA e
    ORTOPEDIA. i miei genitori anziani e senza macchina come faranno? Hanno chiamato in Comune e gli è stato detto che non ci sarà nemmeno un servizio sociale a disposizione o un pulman….W la Reduzzi.

  8. Scritto da fp

    incompetenza è la parola giusta, ma nel senso che non è competenza dell’amministrazione comunale la localizzazione degli ambulatori. quanto all’immagine di ponte, da via roma all’isolotto, è un problema che la precedente amministrazione, nella quale c’era anche baraldi, si è ben guardata dal risolvere: una sola cosa è riuscita a fare, una sfida impossibile, peggiorare via garibaldi

  9. Scritto da pierangelo

    A Brembate Sopra? E perchè non in Val Imagna, lì sarebbe anche più difficile raggiungerli …

  10. Scritto da Umberto Dolci

    Che un Sindaco venga a sapere dalla stampa che, dal territorio da LUi/Lei amministrato, si sopprimono gli ambulatori specialistici del servizio sanitario pubblico, è vergognoso. Che da una zona baricentrica come Ponte S. Pietro si trasferiscano servizi sanitari essenziali è incomprensibile, oltre che inaccettabile. Bene ha fatto la Sindachessa a indignarsi e denunciare all’opinione pubblica l’accaduto. Si conta sul ripensamento da parte dei responsabili della decisione.