BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Toglierò il Sole delle Alpi solo se me lo chiede Bossi”

Il sindaco di Adro, incurante della lettera del ministro Gelmini, si muoverà solo su richiesta del leader leghista.

Più informazioni su

 Il simbolo della "Lega", il "Sole delle Alpi", per ora resta nella scuola di Adro, in provincia di Brescia, intitolata all’ideologo del movimento leghista, Gianfranco Miglio. Resta, anche se il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, ha chiesto al sindaco della cittadina di rimuovere tutti i simboli. Resta, perché il primo cittadino di Adro ha implicitamente risposto affermando che a chiederglielo deve essere il leader della Lega, Umberto Bossi: "Se me lo dice lui, rimuovo i simboli non domani, ma ieri. Se li tolgo dalla scuola, però, farò lo stesso con gli edifici pubblici su cui è presente da secoli", ha aggiunto Oscar Lancini.
"Sono sorpreso di quello che ho letto sui giornali. Io ho ricevuto comunque i complimenti dei vertici leghisti". In quanto alla lettera della Gelmini, Lancini sostiene che "Non mi è arrivato niente. Non ho letto nulla se non quello che c’è sui giornali. È da ieri che si dice che il ministro ha scritto al sindaco, è scritto su tutti i giornali ma, ad oggi, la verità è che io non ho in mano nessuna lettera".
E il "senatur" non ha perso tempo ad appoggiare, nei fatti, la posizione del sindaco del bresciano: "Forse ne ha messi troppi – ha detto Bossi a chi gli chiedeva se la Gelmini aveva sbagliato o no a chiederne la rimozione – Avrebbe potuto farne uno bello, che bastava". Per confermare poi la sua sostanziale "vicinanza" al primo cittadino, il ministro

delle Riforme ha aggiunto: "Questi simboli la Lega li ha fatti diventare politici, ma sono graffiti delle Alpi. E a Brescia ce ne sono tantissimi".
A rincarare la dose c’è anche il ministro dell’Interno, Roberto Maroni: "Condivido quanto sostiene Bossi – ha detto – Intitolare la scuola a Miglio è stata una grande idea, ma io mi sarei fermato lì. Miglio vol dire tutto: è stato l’inventore delle tre macroregioni e quindi anche della Padania".
Una parola di equidistanza, a nome della popolazione della Franciacorta, è venuta invece dal parroco di Adro, don Giammaria Fattorini, nell’intervento che è stato letto oggi in tutte le messe celebrate nel comune: "La mia idea sulla questione, che sento condivisa da molti, è che si sta esagerando da entrambe le parti. Sta esagerando chi ha oggi il potere, dato loro dalla stragrande maggioranza della gente. Ma stanno esagerando anche le minoranze politiche che, avendo dichiarato guerra all’ultimo sangue ai vincitori alle urne, non perdono occasione per dare contro".
Taglia corto il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini: "Abbiamo già preso posizione, non c’è da aggiungere altro dopo la lettera inviata al sindaco del paese". E il leader dell’Udc, Pierferdinando Casini, sostiene la linea tenuta dalla Gelmini, anche se non perde l’occasione per una battuta polemica: "Ha fatto bene il ministro, ma mi sarei aspettato che intervenisse prima. I bimbi non appartengono a nessuno e vanno lasciati fuori dalla politica".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tullio Dandolo

    @14 Alberto da Giussano
    Bossi presidente di quale repubblica scusi? Della Repubblica della Padania Indipendente o della Repubblica Italiana?
    Chissà se il sindaco di Adro sa che il Comune è in via Tullio Dandolo, un conte e storico dell’800 che firmava i suoi libri così:” anzitutto son cattolico ed ITALIANO”.
    I cassintegrati, disoccupati, pensionati, giovani che non trovano lavoro, famiglie del ceto medio che non arrivano a fine mese e che vivono in Padania se ne fregano del “Sole delle Alpi”.

  2. Scritto da maurizio

    Il sindaco di Adro ha deciso che cosa rappresenta il tanto discusso sole delle alpi?
    in quanto ha dichiarato:”il sole delle alpi è un simbolo del territorio e non di partito”. ah, ok ho capito!
    ma oggi vedo altre dichiarazioni dello stesso: “Toglierò il sole delle alpi solo se me lo dice Bossi”, ma allora non capisco, è Bossi il proprietario del territorio di Adro?
    a sto punto ho capito solo una cosa L’INCOERENZA DEI LEGHISTI.
    complimenti.

  3. Scritto da Baloo

    Cuore verde non far ridere i polli, di che “zero costi” parli ?

  4. Scritto da Ma fam mia gregnà

    A togliere i simboli devono andarci i carabinieri, altro che bossi.

  5. Scritto da Luca

    VIA I SIMBOLI POLITICI COME QUELLI RELIGIOSI.. RIUSCIREMO MAI IN ITALIA AD ESSER OGGETTIVI E SOPRA LE PARTI O MEGLIO I PROPRI INTERESSI..

  6. Scritto da pavel

    di “don abbondi” è piena la padania….

  7. Scritto da SLEGHISTA

    Poveri abitanti di Adro quanto sta’ rovinando la vostra citta’ questo …………se scrivo cosa penso mi censurano

  8. Scritto da il "Fido" di Bossi

    “Solo se me lo chiede Bossi”
    ma vi rendete conto di che pasta son fatti questi MENEFREGHISTI vestiti di verde che tanto parlano di legalita’ ??
    Non e’ stato abbastanza il richiamo del Ministro dell’Istruzione ??
    Non sono state abbastanza le polemiche e le manifestazioni ??
    No.. lui vuole la parola di Bossi..
    Dimostrando di essere un SUDDITO del “Capo”
    La Lega si sta sempre + dimostrando un Patito-Azienda come il PDL
    Se i “Capi” non vogliono, nessuno deve muoversi o fiatare

  9. Scritto da un' italiana

    stiamo andando avanti o indietro?
    già parecchi anni fa le nostre città erano tappezzate da un unico simbolo…

  10. Scritto da 081

    caro sindaco una spesa doveva fare: dotare i servizi igienici della scuola con il simbolo del “Sole delle Alpi”…quelli sì che erano soldi(pubblici)spesi bene

  11. Scritto da pm

    @31: è tempo sprecato discutere con buona parte della base leghista – se un loro sindaco proponesse di marchiarsi a caldo il fondoschiena con il sole delle alpi non batterebbero ciglio, pensando (…?) di lottare per l’emancipazione della padania anche in quel caso.
    E, fra 10 anni, penderanno dalle labbra di qualche altro imbonitore – l’importante è non riflettere, si sa mai che certi sforzi siano pericolosi.

  12. Scritto da Caro Belotti (F Breda)

    Lei ha ragione, e le sue parole sono sacrosante. Perche’ tuttavia dovremmo dar credito a chi le pronuncia ora, dopo un decennio buono di alleanza con questo stesso partito e di condivisione con esso del voto sui provvedimenti piu’ disparati ed indecenti? Diciamo la verità: la lega di oggi le sembra altra rispetto a quella con cui eravate alleati fino a qualche mese fa se non meno? E con la quale sareste ancora alleati se non foste stati epurati?

  13. Scritto da un leghista non fanatico

    solo i regimi dittatoriali identificano partito e stato. comunismo e nazismo sovrapposero i simboli del,partito a quello dello stato. in parte lo fece anche il fascismo. la gravita’ dell’iniziativa del sindaco di adro e il suo rifiuto di seguire l’indicazione del ministro gelmini sono gravisime dal punto di vista del principio. che il parroco non capisca questo la dice lunga sul perche’ la chiesa continua a perdere credibilita’. PILATO NON PAGA. va bene l’intestazione a miglio , ma basta!!

  14. Scritto da Alberto Da Giussano

    @2..no x il momento non e ancora presidente della republica..ma a breve credo che…

  15. Scritto da Tuditanus

    Ce ne è abbastanza per commissariare il Comune e mandare l’ex-Sindaco a rispondere del suo operato davanti alla Magistratura.

  16. Scritto da Fabio Belotti Coordinatore Provinciale Generazione Italia B

    La Lega nord dimostra in ogni quotidiana situazione il non rispetto della legge e della legalità; ogni occasione è loro utile per dividere e per provocare. BASTA con la prepotenza, BASTA con la questa superiorità nei confronti del mondo non leghista!!! Spero che ogni uomo e ogni donna di buon senso finalmente capiscano che con il loro voto continuano ad assecondare la condotta irrispettosa di amministratori che usano la cosa pubblica come se fosse la loro “cosa privata”. LA LEGGE E’ LEGGE!!!

  17. Scritto da comune da commissariare.

    La toppa è peggio del buso.!.

  18. Scritto da Anna

    Che i leghisti ammettano di aver fatto una stupidaggine politica. Ora basta con la crisi che c’è.
    Il fatto che il sindaco dica che obbedirà solo a Bossi e non ai ministri e alle leggi della Repubblica però chiarisce la matrice eversiva e fascistoide della Lega, un pericolo gravissimo per la democrazia che qualc’uno sopporta e a cui da spazio per convenienza politica (compresi i Finiani che sino a ieri ci governavano insieme).

  19. Scritto da maestra Stella

    Credo che la provocazione leghista nei confronti della scuola di Adro sia stata un pò eccessiva , ma ritengo doveroso ammettere che l’amministrazione leghista abbia realizzato un edificio scolastico da cui molti comuni dovrebbero prendere esempio. In quanto al ministro forse sarebbe più utile che si impegnasse a risolvere i grossi problemi delle scuole bergamasche che ancora quest’anno partono senza i docenti necessari e con tagli davvero vergognosi!!!

  20. Scritto da giovanni

    E chi è Bossi? Il presidente della repubblica, la legge è la legge intervengano le forze dell’ordine e la facciano rispettare priama la legalità. E se questo dice che riconosce solo le leggi fdella Padania venga espulso dall’Italia e se ne vada un Padania a frullare l’anima ai suoi concittadini Padani
    .E’ ora di dire basta,

  21. Scritto da Umberto Bossi

    togli i simboli della Lega dalla scuola! SUBITO!!

  22. Scritto da x giovanni

    La cosa grave e’ che a ritirare i figli sia stata solo una madre !!

  23. Scritto da gigi

    bravo fido !!

  24. Scritto da gigi

    ma con che soldi ha pagato la sua megalomania ? con i soldi dei cittadini ?

  25. Scritto da El Merendeiro

    Ma dov’è finita la dignità del popolo di destra? Vi fate calpestare così da questi individui?

    Bossi non è il premier, nemmeno il ministro della PUBBLICA istruzione..

  26. Scritto da W L'ITALIA

    I simboli politici non devono entrare nei luoghi pubblici.Ti hanno dato contro i tuoi leader della lega,io la penso come loro,nel senso che gia’ la scuola e’ dedicata a Miglio.Mi sembra sufficente.

  27. Scritto da sebastian

    Trovo devastante la dichiarazione del parroco.
    Impossibile rimanere equidistanti in simile storia, salvo temere di mettersi contro la stragrande maggioranza dei parrocchiani.
    Non è certo un don resmini e la dice lunga sull’aria che tira da quelle parti.

  28. Scritto da Tiziano Trivella

    Quante stupidaggini…
    Il sole delle Alpi se n’è già andato da solo: l’autunno sta arrivando…
    Anche quello della Lega e dei suoi politicanti infantili…
    Il sole sorgerà altrove.
    Non si può continuare col folklore e con le scemenze: abbiamo bisogno di gente che sappia governare, che conosca i problemi delle persone reali e che, almeno, tenti di affrontarli.
    Alle scuole dell’era gelminiana serve ben altro che uno stemma sugli zerbini su cui pulirsi i piedi infangati dall’umida Padania…

  29. Scritto da cuore verde

    il sindaco ha dimostrato come lavora la gente del nord.
    scuola all’avanguardia a zero costi.
    L’efficienza da fastidio.
    Forza continua così.