BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Senza tagli il contributo del Comune alla scuola

Approvato il piano per il diritto allo studio: stanziati 370 mila euro. La novità è un fondo per gli alunni che non rientrano nei parametri della Dote Scuola.

Più informazioni su

E’ stato approvato da Consiglio Comunale di Sarnico il piano di diritto allo studio per l’anno scolastico 2010-2011.
Confermato l’impegno dell’amministrazione a favore del mondo della scuola con uno stanziamento di 370.000 euro, come lo scorso anno, senza tagli. "Il diritto allo studio – ha sottolineato l’assessore all’Istruzione Romy Gusmini – è inteso da tutti noi non solo nella sua accezione formale, ovvero assicurare a tutti la frequenza dei servizi scolastici, ma soprattutto è concepito come la rivendicazione di una scuola capace di operare interventi individualizzati e di offerte formative mirate".
Ecco quindi che l’amministrazione ha rinnovato l’impegno a favore di numerosi interventi rivolti essenzialmente a mettere a disposizione di tutti gli alunni i mezzi necessari per la frequenza della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado come il pagamento di una quota della retta di frequenza per la scuola dell’infanzia e come la fornitura di libri di testo a tutti gli alunni frequentanti la scuola primaria.
Inoltre, il piano di diritto allo studio comporta strumenti per facilitare l’inserimento e la socializzazione di ragazzi diversamente abili all’interno delle strutture scolastiche, oltre a favorire iniziative educative atte a migliorare le conoscenze anche civiche dei giovani, come il Consiglio Comunale dei Ragazzi (giunto ormai al suo IV mandato), rinnovato alla fine dell’anno scolastico 2009.
Grazie alla cifra messa a disposizione dall’amministrazione inoltre verrà mantenuto il servizio di trasporto alunni e verranno migliorati i percorsi alternativi come quelli ciclo-pedonali. Inoltre verranno favorite le iniziative programmate dagli insegnanti attraverso la fornitura di materiale e il finanziamento dei singoli interventi, e verrà continuato l’impegno dell’Informagiovani, prezioso strumento per i ragazzi, per offrire loro un valido contributo informativo e di consulenza per l’orientamento.
Continuerà anche il servizio mensa comune per scuola dell’infanzia e istituto comprensivo tramite la preparazione e la cottura dei cibi presso la cucina della scuola materna.
Anche la presenza della psicopedagista a scuola, avviata sperimentalmente nel 2009, verrà confermata per il prossimo anno scolastico sia per la scuola primaria che per quella secondaria.
Un’importante novità riguarda l’anno scolastico 2010-2011: l’Amministrazione comunale intende infatti dedicare un fondo per gli alunni che non rientrano nei parametri stabiliti dalla Dote Scuola. In particolare tutti gli alunni iscritti alla scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Sarnico e ivi residenti oltre l’ISEE di 15.000 euro fino a un massimo di 25.000 euro potranno, su richiesta, usufruire di un contributo da parte del Comune

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Iman

    Proposta : Sarnico deve affrontare il problema della multi religiosità dell’occicedente globalizzato con la costruzione in zona Paroletti di un centro zonale per l’incontro intereligioso.
    La storia lo impone sempre di più con si può rimanere inermi

  2. Scritto da Padano Incazzato

    Altro che centro zonale di incontro intereliogioso in località Paroletti a Sarnico….li va costruito un centro di Cultura PADANA….dobbiamo ritornare padroni in casa nostra….e tutti gli stranieri tornino a casa loro

  3. Scritto da berghem

    Ben detto@10 basta buonismo…..l’europa cristiana deve ritornare ad avere la schiema dritta….Basta METICCIACO o IMBASTARDIMENTO ci vuole PUREZZA

  4. Scritto da marco

    come mai tutto questo interesse per il comune di Sarnico? anche altri comuni fanno quello che fa il comune di Sarnico, eppure non hanno tutto questo risalto…. non sarà perchè il comune di SArnico fa pubblicità su Bergamo News????

  5. Scritto da la redazione

    Magari è perchè il Comune di Sarnico, a differenza di quasi tutti gli altri, è dotato di un ufficio comunicazione e fa sapere quello che fa. Tutti le Amministrazioni che comunicano trovano spazio su Bergamonews, a prescindere dagli spazi pubblicitari. Altrimenti, dovremmo parlare solo di due-tre Comuni.

  6. Scritto da marco

    quindi voi aspettate che le notizie vi arrivino in redazione…. seduti nelle vostre belle poltrone….. non pensavo che fosse questo il modo di fare del giornalismo….

  7. Scritto da la redazione

    Spiritoso, Marco. Ma un po’ distratto. Provi a guardare le prime dieci notizie del giornale. Sono comunicati stampa o sono cronache? Nei quotidiani ci sono gli uni e gli altri. Al Corriere della Sera come a Bergamonews. Ma lei giustamente ha occhi solo per noi. Se lei promette di essere un po’ più indulgente, le promettiamo che faremo il possibile per non deluderla.

  8. Scritto da marco

    non sono un giornalista e come meglio specificato precedentemente, non sono al corrente di come si fa il giornalismo…. anzi… noto solo una determinata propensione a raccontare notizie di parte…
    ma è vero che la proprietà del vs. magazine è di SArnico? (così m i han detto… )
    comunque sono fiducioso nella vs. promessa….
    ps chi Le dice che non guardi e scriva anche al corriere della sera?!

  9. Scritto da luigi

    Il comune di Sarnico tramite il suo ufficio stampa Sara V. (stipendio di 13.000 Euro annui) trasmette i relativi comunicati stampa comunali. Sicuramente non può permettersi di comunicare notizie o altro deleterie per l’amministrazione. Questo al massimo lo potrebbero fare i rappresentanti delle liste di minoranza – CHE STANNO SEMPRE MOLTO MUTI E ZITTI.

  10. Scritto da Fulvia

    La nostra Sarnico fa sempre notizia perchè e ricca di notizie.
    Il sindaco Franco la premiere dame INES (la più bella del reame),la corte intiera con il suo Ufficio stampa ci portano nella storia.
    Forse è giunto il momento di porre seriamente il problema della repubblica Sebina con Sarnico capitale con Franco e INES a regnare per l’eternità…….Bravi,Belli,e …..intriganti

  11. Scritto da luigi

    Vero Fulvia bravissima – SARNICO CAPUT MUNDI e PORTO FRANCO – già 7 banche ci sono. Ci manca il casinò e George con la Ely. ahahah che bello che sarebbe