BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Legge per punire chi obbliga le donne al velo”

La vicepresidente dei deputati del Carroccio annuncia una poposta di legge per punire anche chi costringe le donne a indossare il burqa sia attraverso violenze fisiche che psicologiche.

Più informazioni su

"Nella proposta di legge, firmata da tutto il gruppo del Carroccio, la novità, rispetto alla precedente proposta di legge e a quella attualmente vigente, è che non sarà punito solo chi indossa il burqa in ‘luoghi pubblici, aperti al pubblico o esposti al pubblico’, ma anche chi costringe le donne a indossarlo sia attraverso violenze fisiche che psicologiche".
A dichiararlo è la vicepresidente dei deputati della Lega Nord, Carolina Lussana, che spiega: “Il nuovo reato sarà punito con un anno di carcere e 30 mila euro di ammenda. La pena sarà aumentata fino alla metà se la costrizione è commessa a danno di un minore o di una persona con disabilità.
Per le donne sorprese con il velo integrale in pubblico o in luogo pubblico (cioè per strada, a scuola, in una bar, sui mezzi di trasporto, o in qualsiasi ufficio) la pena sarà un’ammenda da150 a 300 euro. Il tribunale potrà anche disporre, in alternativa, che prestino un’attività non retribuita a favore della collettività con finalità di integrazione”.
“L’obbligo di indossare il burqa – spiega Carolina Lussana – lede la dignità della donna perchè sottintende la sottomissione e inferiorità della donna rispetto all‘uomo. Chiedo alle forze politiche, per questo provvedimento, lo stesso tipo di compattezza che ci fu per la legge contro l’infibulazione. Non abbiamo visto con favore, infatti – avverte Lussana – la dichiarazione del segretario del Pd Pierluigi Bersani secondo la quale la proposta di legge anti-burqa non e’ certo una priorità”.
“La difesa dei diritti inviolabili della persona e del diritto della parità tra uomo e donne sancito oltre che dalla nostra Carta Costituzionale anche nei principi costitutivi del’Unione Europea come patrimonio della nostra civiltà occidentale -conclude Lussana- non è negoziabile”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sempre Più Lega

    Ma che bravi i nostri SINISTRI, pur di gettare fango addosso ad una leghista, scrivono di cose che non c’entrano niente con la proposta di Legge e NON AMMETTONO CHE E’ UNA PROPOSTA DI LEGGE GIUSTISSIMA !! Siete SINISTRI e, quindi, non ammetterete mai che è una buona legge, se è proposta dal CentroDestra.

  2. Scritto da cuìn

    vale anche se si obbliga a indossare una minigonna o una pelliccia?

  3. Scritto da cinico stilita

    “La difesa dei diritti inviolabili delle persone” non vale per chi viene rispedito in Libia a crepare nel deserto? No, lì non vale perché lì non frutta voti mentre qua invece è una manna…

  4. Scritto da Antonio

    Anzi per cacciare chi mette i figli in regione a pigliare lo stipendio e la moglie a prendere finanziamenti per aprire scuole per insegnare “pedagogia padana”!
    Anzi cacciamo anche chi diventa avvocato andando a Napoli a fare l’esame di stato (dopo aver detto peste e corna delle università del Sud).

  5. Scritto da karajan

    Che “mente” questa Carolina!! Oltre al fatto che queste povere donne sono costrette a portare il burqa, pena bastonate o peggio, dal marito o dagli oltranzisti islamici, devono anche pagare la multa. CHE MENTE!!!!

  6. Scritto da roberto fugazzi

    FACCIAMO UNA LEGGE ANCHE PER PUNIRE CHI OBBLIGA I BAMBINI A FREQUENTARE SCUOLE DI REGIME CON I SIMBOLI DI PARTITO SUI BANCHI ?