BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Entro gennaio via ai lavori per la statale 42

Anche se non si esclduono nuovi ricorsi, sembrano vicini i tempi per l'avvio dei cantieri della variante attesa da trent'anni.

Più informazioni su

Stanno finalmente per iniziare i lavori per la variante alla statale 42, che da Albano Sant’Alessandro giungerà fino ad Entratico. I cantieri del primo lotto, che collegherà Albano a Trescore, dovrebbero essere inaugurati tra dicembre ed il prossimo gennaio, iniziando la costruzione di un’opera attesa da quasi trent’anni. Si spera così di decongestionare il traffico di attraversamento nei comuni della zona: la statale 42 è infatti percorsa quotidianamente da un gran numero di veicoli, che rendono il traffico sostenuto a tutte le ore del giorno.
Dopo aver firmato nel luglio scorso l’aggiudicazione definitiva dell’appalto, la “Milesi Geom. Sergio srl” di Gorlago, in collaborazione con la “Asfalti Geom. Locatelli srl” di Grumello del Monte, sta per terminare il progetto esecutivo dell’opera, che dovrebbe essere concluso entro ottobre. All’Anas spetterà poi l’ultima parola, validando il progetto entro un mese dalla data di presentazione. Al momento non sono comunque esclusi ricorsi, che potrebbero far slittare nuovamente l’inizio dei lavori.
Interpellato a riguardo, l’assessore provinciale alla viabilità e trasporti della Provincia di Bergamo, Giuliano Capetti, conta di inaugurare i lavori entro gennaio 2011; i cantieri dovrebbero poi essere chiusi entro due-tre anni.
L’ingegnere Renato Stilliti, dirigente del settore viabilità della Provincia, afferma che la variante seguirà con piccole modifiche il tracciato approvato nel 2002 dalla Giunta provinciale, e interesserà i comuni di Albano Sant’Alessandro, San Paolo d’Argon, Cenate Sotto, Trescore, Gorlago. E’ prevista la realizzazione della variante a partire dallo svincolo della statale di Albano, fino all’innesto sulla Provinciale 89 nel comune di Trescore, presso la sede della ditta “Valota”; a Trescore sarà quindi collegato il rondò del Tri Ploc con la zona della Fornace, dove è in fase di completamento la nuova rotatoria sulla statale 42. Lo sviluppo complessivo della variante sarà di circa 4.5 km. Verranno realizzate due gallerie per un totale di 350 metri, due sottopassi di strade locali per mantenere la continuità dei percorsi esistenti, un ponte sul torrente Zerra della lunghezza di 20 metri e due viadotti di 92 metri ciascuno. Il costo complessivo per questo tratto sarà di 45 milioni di euro, comprensivi di esprori e adeguamenti al progetto respinto nel maggio scorso.
Il progetto dell’opera era infatti già stato approvato nell’aprile 2006, dopo due anni di consultazioni; era stato ottenenuto il via libera da tutti gli enti interessati, ovvero Provincia, Regione e Sovrintendenza, oltre che dai cinque comuni attraversati dalla nuova strada. Nel dicembre 2007 l’Anas pubblicò il bando di gara per la realizzazione della variante fra Albano e Trescore, che venne aggiudicato nell’ottobre 2009 all’impresa “Milesi Geom. Sergio srl” di Gorlago. Nel dicembre 2009 il Tar del Lazio bloccò però i lavori, accogliendo un ricorso dell’impresa “Cavalieri” di Dalmine, arrivata seconda nella gara per l’assegnazione dell’opera. Nel maggio scorso, il Tar, reputando effettivamente coerenti le osservazioni di carattere tecnico sollevate dalla “Cavalieri” di Dalmine, aveva annullato definitivamente l’assegnazione; si era quindi reso necessario procedere ad una seconda assegnazione, arrivata appunto in luglio, in favore dell’associazione temporanea tra Milesi e Locatelli.
La Provincia sta anche elaborando il progetto esecutivo del secondo lotto dell’opera, che collegherà Trescore ad Entratico
; l’ingegnere Stilliti sostiene che dovrebbe essere ultimato entro Natale. Per questo tratto è però presto stabilire tempistiche e costi, dato che bisognerà attendere lo stanziamento di fondi da parte dell’Anas.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roberto Zappella

    E i lavori che dovevano partire il 10 Gennaio….???Qualcuno ne sa qualcosa…???Urge interessamento da parte di qualche giornale, non solo per la tanto acclamata vairante di zogno che prosciugherà le casse della provincia.. ma la nostra (ormai trentenne..) variante??!!

  2. Scritto da Padano Incazzato

    Brava Angi ci vuole la rivoluzione..la protesta civile del popolo delle piazze che prende i politici a CALCI NEL …..sono tutti uguali

  3. Scritto da angi

    Pagà mia i tase e blocà i strade!.. Nelle prigioni non potranno metterci tutti!…

  4. Scritto da muratore

    è la solita storia, la colpa è sempre di altri, se da trantanni la strada non si fà.
    il nome capetti è sempre li. non lo schioda mai nessuno.
    c’era gia con la dc da socialista.
    votatelo ancora, cosi ogni oprea che non gli interssa, l’aspetteremo sempre per trent’anni
    se va di c……

  5. Scritto da Scettico

    Mi ricordo che sui giornali si parlò dell’alternativa, una galleria immediatamente realizzabile, l’Anas la realizzava in 2 anni spendendo un terzo del tracciato in valle: Si oppose Sanga, all’ora presidente della comunità Montana e la Lega che sinsigò quelli della val Seriana.
    Risultato uno è in parlamento, gli altri fanno il pieno di voti e noi peniamo tra Bergamo e Lovere, così va il mondo.

  6. Scritto da cristiano

    El Merendeiro ma per chi ìmi ai preso per quello che scende dalla valle con la piena. Quando amministravo, 20 anni fa, mi ricordo una riunione dei comuni a Trescore promossa dall’ANAS per avanzare una soluzione alternativa alla 42, Sanga gli sispose con una pernacchia e gli unici che sostennero la cosa furono un sparuto gruppo di sinistra.
    Risultato non si è fatto nulla per 20 anni e il tratto che fanno ora è risicolo. Per il resto tutti sanno che non c’è speranza, questo è quello che ha fatto.

  7. Scritto da cristiano

    GEnnaio, ma di che anno? Secondo il sindaco FInazzi, leghista di Trescore, iniziavano 6 gennai fa. E secondo Sanga del Pd iniziavano 15 gennai fa.
    Entrambi eletti e mantenuti coi soldi dei contribuenti che si dimostrano degli allocchi.

    PS tra l’altro è l’unico tratto di strada su cui nessuno ha mai espresso alcuna opposizione compresi i verdi e i rossi, i ritardi cosi si dimostra, in generale non sono colpa dei contestatori, ma di amministratori incapaci.

  8. Scritto da lvca

    Fin quando non si vedranno le ruspe in azione questi resteranno solo intenti e proclami. Le ditte coinvolte sono serie ed efficienti ma come sempre l’intoppo burocratico e’ dietro l’angolo. Non ho ancora capito il secondo lotto trescore-entratico dove passera’. Cmq quest’opera sara’ utile solo in parte se non si realizzera’ e presto il tratto entratico-pianico il vero tratto drammatico della s.s.42, altrimenti si creera’ un effetto imbuto per chi deve andare in valcallina-camonica

  9. Scritto da El Merendeiro

    @ Cristiano, se tu conoscessi il lavoro fatto da Sanga staresti zitto! E’ l’unico che ha cercato di fare qualcosa, e non lo dico per sentito dire…
    Finazzi invece è il classico amministratore: “la colpa è degl’altri”, e in 6 anni di amministrazione è stato solo in grado di peggiorare il traffico sulla 42 con i suoi semafori

  10. Scritto da LINFORD

    Caro Ivca, il tratto entratico pianico non lo vedranno neppure i nostri figli e/o nipoti. Pensa che per iniziare i lavori della Albano trescore ci son voluti 30 anni per un opera neppure molto complessa: è tutta in pianura. Pensa invece alla complessità e ai costi dei lotti successivi: bisogna attraversare colline e monti, scavare gallerie e fare viadotti. Esiste un progetto preliminare molto interessante già predisposto anni fa dalla Provincia. segue

  11. Scritto da LINFORD

    Per realizzare un’opera simile in tempo certi bisognerebbe renderla a pedaggio o introdurre una imposta di scopo. Ma penso non tutti sarebbero d’accordo

  12. Scritto da lvca

    @LINFORD mi sa che hai ragione, mi viene in mente la edolo brescia per certi aspetti problema uguale, ci hanno messo un’eternita’ per arrivare a darfo (dove si e’ interrotta) realizzando ad oggi un’opera ad una sola corsia per direzione praticamente gia obsoleta. Mi sa che ci conviene sperare per i pronipoti…

  13. Scritto da elio

    ERA oraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  14. Scritto da maurizio

    @Cristiano. Noi (“rossi”) ci siamo preoccupati affinché la variante servisse a decongestionare i paesi e snellire la circolazione. Altri hanno operato e operano nella direzione opposta: la variante per attirare speculazioni e traffico (centri commerciali.. interporto… aree residenziali e industraili and so on). Questi “altri” stanno avendo successo… con la prospettiva.. di avere una variante …presto intasata e i paesi ancor più invivibili…

  15. Scritto da x redazione

    ma non potete mettere una cartografia con il tracciato per capire dove passa questa strada? non ho mica capito dove è prevista… grazie