BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Petteni senza posto in prima fila s’infuria con i suoi fotogallery

Il segretario regionale al convegno della Cisl di Bergamo non trova un po' in prima fila nel pubblico e si arrabbia. "A che me so mia scemo..."

Più informazioni su

"Io, padrone di casa, senza posto in prima fila? Mai…" Questo deve aver pensato Gigi Petteni, a capo della Cisl lombarda, entrando nell’aula 5 dell’Università a Sant’Agostino, per il convegno organizzato dalla federazione provinciale in occasione del sessantesimo compleanno del "suo" sindacato. Petteni non era tra i relatori del convegno al quale hanno partecipato anche Pietro Ichino e Raffaele Bonanni. Ma è arrivato comunque, si è mosso su e giù, velocemente, tra le file di poltroncine, ha fatto un po’ gli onori di casa finchè l’occhio non gli è caduto sulla prima file del pubblico. Tutta occupata. Non una poltroncina per lui. E’ uscito, di fretta. E fuori è iniziata la sfuriata, toccata al malcapitato di turno, ovvero a Patrizio Fattorini, che stava nella segreteria provinciale con Petteni e lo è anche ora con Piccinini. Sotto il porticato di Sant’Agostino il focoso capo lombardo e bergamasco ha dimostrato tutta l’intenzione di andarsene. "Ma no, dai, Gigi, ‘ndo et?" ha cercato di replicare Fattorini. "A che me so mia scemo, so mia prope scemo de sta lè in segonda fila…", ha ribattuto ancora il Petteni furioso. Voleva la prima fila, il segretario lombardo, e non l’ha trovata. Per questo si è scaldato. "Me so ol segretare de la Cisl Lombardia, capit?" ha ribadito, e ha poi lasciato Sant’Agostino. Finchè l’amico Fattorini non l’ha inseguito, cercato e fermato. E se l’è riportato nell’aula universitaria sotto braccio, facendogli liberare naturalmente un posto in prima fila, tra il presidente di Confindustria Carlo Mazzoleni e l’assessore alle Attività produttive di Bergamo Enrica Foppa Pedretti. Mica scherzi, il posto che Petteni merita, anche solo per poter annuire in modo convinto alle parole di Ichino, anche solo per potersi alzare e andare un po’ a consultarsi, sotto i riflettori, con il segretario Raffaele Bonanni. E la sfuriata è già dimenticata.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tiziana

    “Lei non sa chi sono io!”. Petteni non si smentisce mai

  2. Scritto da carmelo

    Non ci sente bene, e dietro non riusciva a capire i discorsi degli oratori. Subito a pensar male, che fosse solo ricerca del primo posto. Secondo me non è così… è solo per ascoltare meglio.

  3. Scritto da marilena

    veramente un “b….o”, chi crede di essere! In più è anche un cacciatore…Con questa gente il sindacato ha davvero poche speranze per il futuro.

  4. Scritto da stefania

    Eppure forse stavolta non ha tutti i torti: perché Zaverio Pagani è ben piazzato in prima fila? Chi l’ha messo lì che oggi non ha più ruoli di rilievo nella sua Cisl?

  5. Scritto da paolo

    chi va via perde il posto all’osteria!

  6. Scritto da block

    Perché? Quelli dalla seconda fila in giù, invece, secondo lui, son tutti scemi?

  7. Scritto da rino

    questi convegni inutili………..chiaccherare meno e aumentare i soldi in busta npaga agli operai che non cè la fanno a tirare fine mese………..e loro belli seduti con la pancia e il contocorrente pieni
    vergognatevi tutti

  8. Scritto da OPERAIO

    scusate ma è una cosa sconcertante……….e questi dicono di difendere glio operaì?????????????
    VERGOGNA

  9. Scritto da GINO

    MA VAI A FRE IN CU……………..