BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Adro, la Lega non ha rispetto per la cosa pubblica”

Pubblichiamo la nota postata da Stefano Zenoni,l consigliere comunale della lista Bruni, sul suo blog in merito alla scuola di Adro.

Più informazioni su

Pubblichiamo la nota postata da Stefano Zenoni,l consigliere comunale della lista Bruni, sul suo blog in merito alla scuola di Adro.

Non condivido le idee politiche della Lega Nord e non sono in sintonia con i principi politici ed ideologici di tale partito. Sono quasi sempre in disaccordo con la linea che i padani tengono a livello nazionale e regionale. Ho sempre pensato però che il mio personale giudizio sull’operato della Lega potesse essere più indulgente a livello locale e amministrativo. Laddove si discute di problemi concreti, concretissimi, laddove l’azione di governo è circoscritta alla gestione del Comune, ho sempre sperato di poter esprimere giudizi quanto meno timidamente positivi anche sull’operato di un sindaco leghista, così come di centro destra in generale.
C’è però un atteggiamento diffuso in alcune amministrazioni del Carroccio che è davvero insopportabile.
Parlo della tendenza a non avere rispetto adeguato per il concetto di "cosa pubblica" e per il valore che i servizi e le strutture comunali hanno, a prescindere dalla maggioranza politica vittoriosa alle elezioni.
La vicenda della scuola di Adro (BS), dove il sindaco ha deciso di inserire il simbolo del Sole delle Alpi nella pavimentazione del complesso scolastico, è davvero spaventosa.
Il primo cittadino si è giustificato dicendo che tale simbolo appartiene alla tradizione dei popoli del Nord e che dunque non rappresenta solo il suo movimento politico.
Anche ammettendo che tale sole sia un simbolo davvero così importante per la nostra storia, il fatto che oggi venga usato da un movimento politico è ragione sufficiente perchè resti fuori dalle decorazioni urbane.
Anche lo scudo crociato è un simbolo della nostra tradizione, ma la DC non si è mai permessa di inserirlo negli edifici di un paese che ha governato per 50 anni.
A mio modesto parere, è terribile la totale assenza di rispetto per ciò che è di tutti, per quelle risorse, materiali o immateriali, che dovrebbero essere sempre esterne a dinamiche di etichettature politica.
Trovo sconcertante che un sindaco tratti il comune da lui amministrato come un feudo su cui imprimere il proprio solare stemma araldico, ovviamente, a spese di tutti i contribuenti, anche di quelli che in questa decisione vedono soltanto molte nubi minacciose.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da billy...

    ciao a tutti!io aggiungerei solo,che i leghisti ci fanno ridere davvero con queste cose!!!!ma,non siete mai andati fuori italia???a vedere come si vive nelle culture europee?? i tedeschi,francesi,olandesi etc…..se la ridono con voi,ma da per tutto!!!!siamo al secolo 21 ragazzi,non siamo nell sec 16!!!!!!saluti a tutti…..

  2. Scritto da Mario

    E pensare che hanno tanto criticato la sinistra perchè politicizzava la scuola.
    Adesso lo fanno anche loro e.. tutto va bene.
    Quando si dice la coerenza!
    Non sarà che a Roma ladrona hanno imparato gran bene come si fa a rincitrullire il popolino tra ampolle e riti celtici degni del mago Otelma? Fate meno chiacchere e più fatti che le mei.

  3. Scritto da me della bassa

    @24 andate a lavorare … le mèi

  4. Scritto da mario59

    @ 30 de che del Sere
    No non era solo nei paesi dell’est..come affermi tu, accadeva anche in Italia e in Germania durante gli anni del Nazifascismo…le dittature di destra o di sinistra in questo sono uguali…e non solo in questo.

    @ 28
    La politica di sinistra e di destra negli istituti statali c’è sempre stata..prova a fare qualche esempio dei metodi intolleranti e violenti che secondo te la sinistra, ha commesso nella scuola, così magari capiamo meglio tutti.. poi magari ne discutiamo.

  5. Scritto da sinistrasenzavergogna

    Sicuramente è giusto togliere quel simbolo, ma francamente la sinistra dovrebbe solo tacere quando si parla di politicizzazione della scuola pubblica visto che ha per decenni (e in certi atenei e istituti prosegue tutt’ora) portato la politica nell’istruzione anche attraverso metodi intolleranti e violenza.
    Se c’è qualcuno che non può aprir bocca su questo tema sono proprio i rossi.

  6. Scritto da Calandrino

    @Beppino
    “Leghisti, non vi rendete conto di quello che state facendo. Guardate che a gonfiare la bolla della violenza prima o poi scoppia”

    E’ proprio quello che vogliono, in qualsiasi campo. Poi quando succederà alzeranno il dito e diranno “vedete, l’avevamo detto noi”

  7. Scritto da de che del Sere

    Un sindaco è una autorità istituzionale e non deve rispondere e obbedire solo al segratario del suo partito ( chiunque esso sia ), ma alle autorità da cui dipende per certe questioni: prefetto-ministero degli Interni- presidenza del consiglio etc. Era solo nell’ URSS e nei paesi comunisti dell’Est che il segretario del partito contava più di tutti.anche del premier e del presidente della Repubblica.

  8. Scritto da bugiardi

    vorrrei ricordare alla lega che oramai stanno venendo alla luce anche le parentopoli stile sud italia/ mastelliane

  9. Scritto da mario59

    @ 25 Paola
    Cara Paola…altro che non sapere più cosa dire…quel tipo di comportamento è di stile fascista…certe cose non accadevano più dal periodo del ventennio..quando in tutti i luoghi pubblici.. comparivano simboli e scritte del partito fascista..pertanto l’esempio calza a pennello.
    A tale riguardo, aveva ragione negli anni 80, un mio conoscente nato nei primi del 900 ora purtroppo scomparso..quando a riguardo della lega diceva: il loro modo di atteggiarsi e di proporsi, mi ricorda i fascisti quando stavano per salire al potere..e concludeva dicendo..se i fascisti torneranno al potere lo faranno tramite la lega e fatti come quello di Adro ..purtroppo danno ragione a lui.

  10. Scritto da mario

    ora si critica la lega e anche destra di storace di stile fascista.
    preferite la dittatura di gheddafi?
    maio

  11. Scritto da Davidao

    @Paola, ma stai scherzando? Intanto la Lega è l’unico partito che ha compiuto un’azione simile dalla fine del fascismo. Forse non ve ne rendete conto ma marchiare una scuola pubblica con dei simboli di partito è una cosa gravissima. Anche a Reggio Emilia ci sono delle scuole che funzionano benissimo, soprattutto asili, famosi in tutta europa, ma nessuno, nessuno, nessuno, lì si immagina di marchiare queste scuole con un simbolo di partito.

  12. Scritto da Davidao

    Poi, cari leghisti, smettetela di atteggiarvi da minoranza perseguitata, ormai siete al potere da venti anni, perlomeno al nord, siete parte integrante del sistema di potere e compiere certe violenze, perchè marchiare una scuola pubblica con simboli di partito è un atto violento ed escludente nei confronti di chi non è leghista (non necessariamente di sinistra poi…) è semplicemente un atto fascista.

  13. Scritto da circolo RIFONDAZIONE COMUNISTA Alzano Lombardo

    oggi ad ADRO e ricomparsa la società civile,con una pacifica manifestazione che ha ripristinato la legalità costituzionale,che ha ribadito LA DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA,ha svelato l’intento TALEBANO della LEGA di ispirarsi proprio a quelle scuole coraniche che opprimono le popolazioni afghane e pakistane che vogliono imporre la loro mentalità a tutta la popolazione come vuole fare la LEGA che vuole imporre il loro CREDO PADANO persino ai bambini!
    MIGRANTI non lasciateci soli con i leghisti!!!

  14. Scritto da Paola

    Quando non si sa più cosa dire, si usa la parola “fascista”…
    Parlatene male ma parlatene!

  15. Scritto da cervello

    dopa aver fatto la guerra alla Democrazia Cristiana per decenni, adesso i compagni pur di attaccare la Lega e il Sindaco di Adro, ne magnificano l’oerato. Padania Libera.

  16. Scritto da Beppino

    Leghisti, non vi rendete conto di quello che state facendo. Guardate che a gonfiare la bolla della violenza prima o poi scoppia e a rimettere insieme i pezzi, dopo, è un casino per tutti….

  17. Scritto da Marina

    @ Davidao
    Concordo con ciò da Lei affermato riguardo ai simboli, infatti nel mio commento non ne ho parlato.
    Ma in questo caso preferisco sopportare un simbolo, qualsiasi esso sia, pur di vedere una scuola funzionare bene!
    Sarebbe meglio polemizzare su ciò che non si fa, piuttosto che sul buon operato.

  18. Scritto da Marina

    per Marina (13): scusi ma se la scuola è ottima e ben funzionante non è certo perchè c’è il simbolo della lega. E allora perchè mettercelo. Non metta la testa sotto la sabbia facendo finta di essere superiore a queste cose. Altrimenti è poco seria.

  19. Scritto da roberto fugazzi

    il sindaco di ADRO non è affatto LEGO-FASCISTA,infatti lui in quella SCUOLA DI PARTITO non manda suo figlio,piuttosto lo inscrive ad una scuola privata!

  20. Scritto da circolo RIFONDAZIONE COMUNISTA Alzano Lombardo

    SABATO A ADRO MANIFESTAZIONE CONTRO LA SCUOLA DI REGIME E A FAVORE DELLA SCUOLA PUBBLICA PLURALISTA !
    Tutti i democratici,di qualunque colore,sono chiamati a riportare un minimo di senso civico,di rispetto alla costituzione in quel territorio USURPATO DAL FASCIO-LEGHISMO!
    Chiediamo a tutti di partecipare e a riportare la legalità anche ad ADRO,impedendo ad una giunta di fare una secessione di fatto dalla civiltà democratica!
    Per una scuola pubblica,libera e gratuita,plurale e solidale!

  21. Scritto da aureliobelingheri

    Credo che non si metta in discussione il valore del lavoro fatto per avere una scuola funzionale e moderna,ma l’ inutile e fuori luogo simbologia politica.Mi sembra assurdo avere uno stemma politico in ogni struttura pubblica costruita. MA allora ogni partito politico che guida una amministrazione si mette a tappezzare ogni costruzione a piacere proprio senza considerare le ideologie altrui cioè va bene l’impegno politico amministrativo! LA CAMPAGNA ELETTORALE a spese dei cittadini NO! aurelioB

  22. Scritto da Laura

    Il “marchio” è stato depositato dalla Lega anni fa quindi non è solo un simbolo, non appartiene a tutti, ma solo a chi ha votato per la Lega. La scuola PUBBLICA invece è di tutti a meno che, come fa il sindaco di Adro, SCELGO di iscrivire mio figlio a una scuola privata (che ha un suo marchio, linea di pensiero etc.) in piena libertà. Quindi mi chiedo: cosa aspettano a toglierlo da una scuola PUBBLICA???

  23. Scritto da Paola

    Concordo con Marina #9.

    In effetti il polo scolastico ultimamente è molto migliorato.
    Anche se penso che nessun partito dovrebbe mettere il simbolo su un edificio pubblico, credo che se qualche altro partito avesse messo il proprio logo, non avrebbe scatenato queste polemiche…

  24. Scritto da sindaci/podestà

    Questa è la democrazia padana: qui comando io e faccio quello che dico io. La democrazia non è prevaricazione, ma permettere anche a chi non la pensa come la maggioranza, di esistere e di essere rappresentato dalle istituzioni. Questo è il risultato della legge sulla riforma delle amministrazioni comunali: sindaci/podestà. Anche i ministri, nell’esercizio della loro funzione non dovrebbero presentarsi agli italiani con i simboli di partito (qualsiasi partito). Dovrebbero rappresentare tutti.

  25. Scritto da roberto fugazzi

    @ 19 Paola Vedi,la questione è più profonda e grave di una semplice insegna di partito,credo che alle spalle ci sia la volontà di omologare ed educare le nuove generazioni(ricordiamoci che stiamo parlando di una scuola pubblica!) ad UNA CULTURA DELLA RAZZA PADANA,simile alle culture sulla RAZZA ARIANA o alle imposizioni talebane con le loro SCUOLE CORANICHE da imporre al popolo afghano.La costituzione parla di nessuna DIFFERENZA di SESSO RAZZA,RELIGIONE ! è giusto parlare di FASCIO-LEGHISMO!

  26. Scritto da beppe

    Vai sindaco!!! sei un grande…..basta con sta sinistra….

  27. Scritto da aureliobelingheri

    Ognuno ha diritto di avere una sua idea politica e la esprime con parole o fatti,questa è democrazia!MA questa vicenda sembra a mio parere un approccio squallido e illiberale e ci fà tornare indietro al tempo del Medio Evo,cioè nel periodo dei feudi vassalli…ecc.IL SINDACO decide una cosa verso tutti i cittadini portando avanti non un simbolo dell’ITALIA ma un simbolo del proprio partito(LA Lega). Scusate, ma in passato di simboli FASCISMO COMUNISMO e ALTRI abbiamo ESEMPI TRAGICI.aurelio

  28. Scritto da Marina

    Se tutte le scuole d’Italia fossero ordinate e pulite come quella di Adro… e non pericolanti come si è verificato in più occasioni! E gli altri partiti portano forse maggiore rispetto per le cose pubbliche?

  29. Scritto da Davidao

    @Marina.
    Nessun partito del dopoguerra da che abbiamo una costituzione repubblicana si è mai sognato di apporre i propri simboli su dei luoghi pubblici. Nè i comunisti in centro Italia nè la DC nel resto del paese. E’ una cosa che non si fa, perchè se no poi la fanno tutti e si comincia una guerra sena quartiere… pensateci.

  30. Scritto da Seriano

    Condivido in pieno, quanto scritto.
    Questo “timbrare” la “res-pubblica” – “la_cosa_di_tutti” con il proprio stemmino, é veramente segno di arroganza.
    E’ anche segno che svilisce il ruolo del pubblico amministratore, che eletto da una sola parte della cittadinanza, HA PERO’ L’ONORE E L’ONERE di rappresentarla nella sua totalità.
    Come ci si può sentire rappresentati da colui, che anche nello svolgimento della funzione pubblica, si identifica col marchio della sua parte?
    %segue%

  31. Scritto da Seriano

    %segue%
    In Valseriana molti ricordano quel sindaco leghista che nel discorso di insediamento, citò i cittadini di serie “A” identificandoli coi suoi elettori.
    Che tristezza…
    Rattristava pure quel ministro della giustizia, che anche quando stava svolgendo tale delicato incarico, non mancava di portare il fazzolettino verde, nel taschino della giacca.
    %continua%

  32. Scritto da Seriano

    %continua%
    Tale ministro aveva arretrato la sua cultura (?) giuridica e morale di oltre TREMILA ANNI; infatti pure i greci antichi avevano lo scrupolo di rappresentare la Giustizia come una donna con gli occhi bendati.
    Intendendo che ella agiva senza guardare in faccia ad alcuno.
    .-.-.-.
    Con così infimi esempi, che remore potrebbe avere un qualsiasi sindaco di Adro?

  33. Scritto da 035

    Il nostro giustiziere di Adro, quello che fa le scuole coi simboli del suo partito e i soldi di tutti i contribuenti, che toglie la mensa ai bambini bisognosi perchè ‘tutti devono pagare’, evade le tasse comunali e inquina il suo territorio. alè

    http://www.bresciapoint.it/informazione/942-adro-il-sindaco-lancini-ha-evaso-lici-deve-20-mila-euro-al-suo-comune.html

  34. Scritto da gemma

    Dov’è il Presidente della Repubblica?