BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Si fondono il Policlinico Ponte e Zingonia

Nasce la quarta azienda ospedaliera bergamasca: il Policlinico San Marco di Zingonia e il Policlinico San Pietro di Ponte San Pietro, entrambi del Gruppo San Donato.

Nasce la quarta azienda ospedaliera bergamasca: il Policlinico San Marco di Zingonia e il Policlinico San Pietro di Ponte San Pietro, entrambi del Gruppo San Donato, si fondono dando vita agli Istituti Ospedalieri Bergamaschi srl (IOB).
La nuova azienda privata accreditata, con un fatturato complessivo di circa di 137 milioni di euro, prevede investimenti già programmati per la ristrutturazione, l’ampliamento delle strutture edilizie e l’acquisto di nuove attrezzature per la diagnostica e la terapia per un ammontare di oltre 90 milioni di euro.
Gli Istituti Ospedalieri Bergamaschi, che unificano le funzioni dei due Policlinico di Zingonia e Ponte San Pietro e del Poliambulatorio di Treviglio, mettono a disposizione dei cittadini 632 posti letto per una superficie totale di oltre 35.000 mq, con più di 1.400 persone impiegate, di cui 362 medici.
Dal punto di vista diagnostico saranno a disposizione dei pazienti tre risonanze magnetiche (due delle quali da 1,5 Tesla), tre TAC multislice, una sala angiografica, quattordici sale per radiografia tradizionale e trentatré ecografi.
Gli Istituti Ospedalieri Bergamaschi srl registrano tra l’altro la presenza di due Pronto Soccorso che fanno parte della rete di emergenza-urgenza del 118, uno dei quali riconosciuto come servizio di secondo livello (DEA), due unità operative di Terapia Intensiva con dieci posti letto, una unità di Terapia Intensiva Coronarica (UCC) con sei posti letto, una Stroke Unit neurologica con quattro posti letto, quarantatré posti tecnici di Dialisi, una Sala di Litotripsia e due servizi di Odontoiatria con 11 poltrone.
Le strutture ospedaliere ospitano due centri per la prevenzione, la diagnosi e cura delle patologie oncologiche che saranno dotati di due acceleratori lineari di elevata potenza (18 mev), un Dipartimento Materno Infantile, con Centro per la cura dell’infertilità e fecondazione assistita, la Rete Cardiologica, inserita nel network dell’infarto acuto provinciale, con i centri di Elettrofisiologia e di Cardio-Interventistica, il Centro per la chirurgia rifrattiva e la diagnosi del glaucoma, e i due Centri di Ortopedia e Riabilitazione.
Gli Istituti Ospedalieri Bergamaschi srl (IOB) nascono a luglio 2010 dalla fusione di due Policlinici del Gruppo San Donato: il Policlinico San Marco di Zingonia, entrato in attività nel 1969 e forte di 318 posti letto, e il Policlinico San Pietro di Ponte San Pietro, punto di riferimento dal 1963 per tutta la zona ovest di Bergamo e per Lecco, con 314 posti letto. Alle due strutture, ciascuna dotata di proprio poliambulatorio polispecialistico e complessivamente di 30 unità operative e tre centri di Alta Specialità (Centro Oncologico Bergamo Ovest, Centro di chirurgia rifrattiva e per la diagnosi del glaucoma, e Centro per la prevenzione e diagnosi precoce e terapia primaria ed endoscopica onco-ginecologica), da marzo 2010 si è aggiunto il Poliambulatorio di Treviglio.
Nel loro insieme le strutture hanno registrato nel 2009 26.864 ricoveri totali (di cui 3.824 per day-hospital e day-surgery) e 72.455 accessi al Pronto Soccorso; ben 428.971 prestazioni ambulatoriali, a cui si aggiungono 121.184 esami di radiologia e 31.253 prestazioni di dialisi, un totale di 20.497 interventi chirurgici e 985 parti. Da segnalare nel 2010 il riconoscimento a livello nazionale al Policlinico San Pietro del Bollino Rosa per i servizi offerti al mondo femminile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marilena

    w la sanità privata alimentata con i soldi pubblici!