BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Ornica si serve la “polenta diffusa”

L'evento concluderà la manifestazione "Parco Vivo": il piatto tipico sarà il protagonista della giornata.

Più informazioni su

Sarà lo splendido scenario dell’antico borgo di Ornica, alle pendici del Pizzo Tre Signori, a fare da cornice domenica 19 settembre a “Polenta diffusa”, l’evento conclusivo di Parco Vivo 2010, la kermesse promossa dal Parco delle Orobie Bergamasche, che per il terzo anno consecutivo, nel corso dell’estate, ha offerto a grandi e piccini molti spunti e nuove opportunità per esplorare uno dei parchi più estesi e variegati della Lombardia e conoscere le tradizioni dei tanti paesini che lo animano. 
Appuntamento domenica alle 11.30 con un laboratorio all’aperto per far scoprire ai bambini tutti i segreti del casaro e assistere alle fasi dell’antica arte di trasformare il latte in formaggio. A seguire i bambini saranno accompagnati in una visita guidata all’incubatoio per lo svezzamento degli avanotti di trota, cioè i piccoli che, terminata la fase larvale, hanno appena assunto le sembianze dell’adulto, e poi coinvolti in un laboratorio di costruzione delle bamboline di una volta, curato dall’Associazione Maurizio Gervasoni di Baresi. Per i più grandi invece l’appuntamento è alle 12.30 con un aperitivo a base di formaggi e salumi in compagnia degli “Alegher” di Dossena. 
Alle 13 inizierà la “Polentata” vera e propria, con degustazione di polenta di farina di mais macinata a pietra nel vicino Mulino di Baresi, accompagnata da formaggi tipici e curata dalle Donne della Cooperativa Albergo Diffuso. La cooperativa ha recentemente ricevuto la bandiera verde di Legambiente proprio in virtù della realizzazione a Ornica di un albergo diffuso, che ha consentito di recuperare vecchie abitazioni, baite estive e alpeggi e di dare vita a un ricco programma di attività, fatto di escursioni, corsi e degustazioni dei prodotti locali, sci e attività didattiche per le scuole elementari, riuscendo così a valorizzare le risorse culturali e umane di un territorio montano, duramente colpito dallo spopolamento.
A seguire, intorno alle 15, si potrà prendere parte alla visita guidata al centro storico di origine medioevale di Ornica, con la Chiesa Parrocchiale di Sant’Ambrogio – che ospita la Pala della Scuola di Cima di Conegliano e una sacrestia del ‘400 affrescata dal Raschenis con mobili intarsiati del Rovelli di Cusio – e il Santuario della Madonna del Frassino, che conserva ancora in ottimo stato numerosi affreschi e decorazioni. Il Santuario venne edificato nel XVII secolo in seguito, narra una leggenda, alla concessione della grazia a un viandante, catturato da banditi e legato ad un albero. Il nome della chiesa prende proprio spunto della pianta a cui il protagonista venne imprigionato. 
L’evento è organizzato in collaborazione con il Comune di Ornica e la Cooperativa delle Donne di Montagna di Ornica. La partecipazione è libera e gratuita. Per maggiori informazioni e prenotazioni è possibile contattare le Donne di Montagna al numero 345.4108538 o via e-mail all’indirizzo info@albergodiffusoornica.com oppure consultare il sito web www.albergodiffusoornica.com o www.parcorobie.it
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.