BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Un nuovo cda con superstipendio Ma le farmacie sono in vendita”

Per Gianluca Pignatelli, capogruppo del Pdl, è "inaccettabile" la decisione del sindaco Borghi di sestuplicare lo stipendio dei consiglieri di amministrazione della Ygea.

Più informazioni su

Gianluca Pignatelli, capogruppo del Pdl a Treviglio definisce "inaccettabile" la decisione del sindaco Ariella Borghi di sestuplicare lo stipendio dei consiglieri di amministrazione della Ygea spa.

Ygea S.p.A., la società comunale che gestisce le farmacie e che la Giunta Borghi intende vendere, è diventata un “postificio”. Il sindaco Borghi, dopo aver deliberato in Consiglio Comunale la vendita, ha provveduto a nominare un nuovo CdA con decreto prot. n. 37328 del 15/7/10, mandando a casa il precedente management che, in verità, aveva espresso contrarietà alla vendita. Poi in pieno agosto, con altro decreto prot. 42284 del 18/8/2010, il sindaco Borghi ha aumentato lo stipendio ai nuovi amministratori. Se prima i membri del CdA erano retribuiti con € 3.600 lordi ciascuno all’anno, ora quelli nuovi prenderanno € 24.000 euro lordi ciascuno all’anno. Sei volte di più!
Al presidente del CdA andranno € 28.000 lordi all’anno contro i precedenti € 10.800,
quasi tre volte di più. Ora in questa sede non si vogliono mettere in dubbio le capacità dei nuovi amministratori, tutti però espressione della maggioranza di sinistra, ma è certo lecito domandarsi perché in un momento in cui la crisi pesa nelle tasche dei cittadini, il sindaco Borghi assume decisioni di tal fatta. Bel modo di fare, di questi tempi: aumentare i compensi degli amministratori di una società in vendita, mentre tante persone chiedono aiuto al Comune e si sentono dire che non ci sono soldi. Una spesa che si doveva evitare e che dimostra quanto siano lontani gli abitanti del “palazzo” dalle necessità della gente.
 Tra l’altro questo ricco aumento dei compensi agli amministratori non riguarda una società da rilanciare e far fruttare, ma una che è stata, invece, messa in vendita, operazione per la quale la Giunta Borghi aveva anche deliberato di servirsi della consulenza di uno Studio privato. Questo aumento degli stipendi degli amministratori è inaccettabile: il sindaco Borghi dimostri di essere un buon padre di famiglia, revochi subito il decreto con gli aumenti e pensi ai bisogni dei trevigliesi.
Avv. Gianluca Pignatelli
Consigliere Comunale
Capogruppo PDL

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da bergamasco

    @9:non ci si può sempre giustificare prendendo come scusa che da altre parti sui lavori è sempre stato così,smettiamola di guardare le altre situazioni e impegnamoci a fare in modo che almeno a treviglio tutto proceda per il meglio,cosi che poi anche gli altri paesi possano avere dei riferimenti positivi.quando si danno appalti,si controlla solidità della ditta appaltatrice,delle garanzie,dei mezzi per fare il lavoro??o è semplice vincere solo facendo prezzo piu basso??

  2. Scritto da Gio'

    Sarà anche che la campagna elettorale è iniziata e che questa viene svolta anche a colpi di post, però un minimo di correttezza. Io ho sempre seguito i lavori del Consiglio (assieme a pochissimi altri del pubblico) ma Pignatelli non l’ho mai visto votare un provvedimento della Borghi. Anche da Presidente (che non poteva parlare) ha sempre detto di No. Come mai invece Mangano, Zordan e compagnia cantando hanno votato la bozza preliminare del PGT? Pignatelli è stato l’unico a dire di no.

  3. Scritto da Alberto

    Resta il fatto che l’Italia pullula di queste società parastatali o semipubbliche da foraggiare per pagare i componenti dei CdA.
    Poi il debito pubblico cresce…
    Tagliare subito!

  4. Scritto da bergamasco

    per il numero 3:
    24000 euro sono pochi per il casino che dovrebbero sistemare?se i 3800 euro uno li considera pochi,può sempre rinunciare all’incarico…non credo che mancano manager che sono disposti a prendere meno di questo ultimo
    ultima considerazione:quando un sindaco da mandato di sistemare una via con oltre 200 tombini,e attualmente la via è ancora chiusa per lavori ….un giudizio sulle sue capacità è inutile…….

  5. Scritto da Robe da matti

    Pignatelli per 4 anni è stato zitto su questo e tanti altri temi perché presidente del consiglio, ora guardacaso si mette a fare pseudo opposizione: ma chi vuole lezioni da lui? Come mai queste cose le tira fuori solo ora? Speriamo che il Pdl trevigliese sappia scegliere qualcuno di più coerente come candidato sindaco. Anche se poi, come 4 anni fa, Pignatelli sarà pronto a fare la sua lista alternativa di disturbo che farà di nuovo perdere il pdl. Pdl sveglia!

  6. Scritto da Gaetano Bresci

    …è la logica dell’alternanza baby.. e tu non puoi farci nulla!
    L’alternanza nell’esercizio del potere per interessi di parte.
    Scommetto che se la giunta fosse stata del pdl e pignatelli del pd, i contenuti ed i toni sarebbero stati identici.

  7. Scritto da cittadino trevigliese

    Non bastavano le vie con 200 tombini, le pseudo domniche ecologiche e la discutibile ristrutturazione dell’ex Upim, ci mancava anche questa!!! Bene Pignatelli che ci tiene informati su quello che succede nel palazzo.

    Cittadino trevigliese

  8. Scritto da Ma va là

    @5 bergamasco- Sui ritardi dei lavori e le controversie con le imprese ce n’è per tutti. Ne vuole uno a caso di sponda opposta ? Quanti ANNI è durato il lavoro della provincia per il sottopasso della cremasca a bariano ? Ed era un pò più importante, no ?

  9. Scritto da ma 'n do vai ?

    Pignatelli dopo aver passato 4 anni nell’incarico di presidente del consiglio a 1.300 euro mensili, concordato dalla sua lista Treviglio Libera con la sinistra nella fase di ballottaggio nel 2006, ora, dopo che il PDL gli ha concesso la giubba di capogruppo, a pochi mesi dalle elezioni, si mette a fare opposizione sui giornali, ma non in consiglio comunale. Infatti, nella sede opportuna non si è fatto sentire. Del resto come può fare opposizione a chi gli ha dato un ruolo in questi anni?

  10. Scritto da il giudice

    Aiuto, quando un avvocato scrive a bergamo news per avere tribuna oratoria gratuita c’è da preoccuparsi, a prescindere dai fatti e dalla ragione o meno della sua posizione o pensiero.

  11. Scritto da Ma va là

    24.000 euro/anno con il casino da gestire che li aspetta . Se questo è uno scandalo allora gli scandali veri come li chiamiamo ?
    Questa è solo campagna elettorale.