BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In arrivo i semafori con i contasecondi per i pedoni video

La sperimentazione del contatore inserito nel segnale giallo che indica all???utente il tempo rimanente prima che scatti il rosso.

Più informazioni su

Nella settimana europea della mobilità il comune di Bergamo presenta al pubblico le nuove tecnologie in fatto di sicurezza stradale che a partire dalla prossima primavera (in attesa dei sei mesi necessari affinché il decreto venga applicato e contenga le norme di omologazione delle stesse) diventeranno familiari con tutti i guidatori e pedoni bergamaschi.
Nuove tecnologie come semafori countdown, tabelloni luminosi che indicano la velocità rilevata e punti teorici persi, telecamere ai semafori che quando rilevano una velocità troppo elevata fanno scattare il rosso; tutte tecnologie già presenti soprattutto in alcuni comuni della provincia da tempo ma “illegali” fino al restyling del codice della strada di quest’estate dove, con l’articolo 60, si sono regolamentati. “Sono congegni molto utili soprattutto perché hanno un carattere pedagogico e non repressivo – spiega l’assessore alla mobilità del Comune, Ceci – che vanno ad attaccare la velocità elevata, una delle cause principali degli incidenti”. Dispositivi non repressivi perché hanno lo scopo di persuadere il guidatore a tenere alzato il piede dall’acceleratore e garantire la sicurezza soprattutto dei pedoni in città, senza che sia bersagliato da multe. Pedoni che fanno parte di quella “utenza debole” cui il nuovo codice stradale vuole tutelare particolarmente. In questa direzione va la sperimentazione (in attesa del via libera da parte del Ministero fatta anche dal comune di Roma), in collaborazione con Atb, del countdown sul giallo pedonale, cioè il contatore inserito nel segnale giallo che indica in modo chiaro all’utente che sta attraversando la strada il tempo rimanente prima dello scattare del rosso che sarà presente negli incroci tra via Camozzi e via Taramelli e tra via Camozzi e via del Pignolo.
“Noi siamo stati sempre attenti alle nuove tecnologie legate alla sicurezza stradale – le parole di Giancarlo Traini, presidente di Atb mobilità -, siamo una delle aziende di trasporto pubblico che più investe in questo senso. Per questo ben vengano questi nuovi strumenti soprattutto a Bergamo una delle città più pericolose per gli incidenti”.
 

Più informazioni su

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cittadina perplessa

    Sono inziative bellissime e importanti, speriamo decollino quanto prima. Nel frattempo mi chiedo se sarà possibile sistemare l’attraversamento pedonale regolato (si fa per dire) da semaforo in via Statuto ang. via IV Novembre. Il verde per i pedoni non scatta mai, c’è un pulsante di chiamata che non funziona o funziona quando vuole lui, anche perché altrimenti viene meno la sincronizzazione con il semaforo all’altezza di via XXIV maggio (così mi hanno spiegato i tecnici preposti), i tempi di

  2. Scritto da cittadina perplessa 2

    di durata del verde per i pedoni consentono a malapena di raggiungere il marciapiede opposto, con evidenti disagi soprattuto per gli anziani. Ho provato a chiedere una sistemazione ma, come già detto, secondo i tecnici va bene così.
    ps: ma perché in via zanica esistono ben 2 semafori a chiamata perfettamente funzionanti e in via statuto ciò è impossibile???

  3. Scritto da The dub soldier

    Scusate, i ciechi,non fanno testo quindi anche se muoino chi se ne frega? ISemaffori col segnalatore per essi, l’esemplare in termini di sensibilità Atb non li mette? Con qualche semafforo sonoro spesso non funzionante cercano di bleffare l’opinione pubblica! Siamo nel 2010, quindi la gente non è scema! Invece di cantarvi le lodi da soli, si da il caso che rendiate questa città accessibile anche per i disabili! L’evoluzione di una società si misura anche da questo! Il nordd’Europa, insegna!!

  4. Scritto da siamotuttisvizzeri

    @1 mi sembra un po’ romanzata.. sia la favola degli automobilisti stranieri(mai viste auto con targhe svizzere in giro?) sia la storia del clacson..certo che se poi un pedone si butta e costringe l’auto a inchiodare quello dietro suona

  5. Scritto da traini e ceci provate

    memo: il tempo del verde attualmente è tarato su tempi olimpionici il nuovo orologio dovrà utilizzare i centesimi di secondo per indicare al pedone il tempo rimanente!

  6. Scritto da Raff

    Spero che la tecnologia sostituisca del tutto i vigili.Loro non fanno multe ma fatture..

  7. Scritto da piero

    scena quotidiana ad un passaggio zebrato per pedoni : il bipede attende con pazienza che qualcuno si fermi (all’estero e’ l’automobilista che transita solo se non c’e nessuno ). Al primo che si ferma per la precedenza obbligatoria al pedone ( e’ come un semaforo rosso) l’auto dietro suona il clacson, seguito da improperi ed inviti a circolare. viva l’Italia !!