BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Terra, cielo e acqua: tutte le vie per l’aeroporto

Dopo l'inuagurazione del Frecciarossa, l'assessore Cattaneo delinea il futuro: collegamenti con Milano Centrale, ma anche il battello e l'elicottero. Resta l'incognita dei tagli ai trasporti

Più informazioni su

Oggi i Frecciarossa da Napoli in aeroporto, a dicembre il collegamento diretto con Milano Centrale, entro il 2015 il collegamento via acqua da Locarno e Malpensa e forse, fra un anno, l’elicottero. Insomma, Malpensa in futuro sarà collegata al resto della Lombardia – e da li dell’Italia – via terra, acqua e cielo. Parola di assessore regionale ai Trasporti Raffaele Cattaneo, che oggi, lunedì 13 settembre, ha partecipato al viaggio inaugurale del Frecciarossa da Napoli. "Il 13 dicembre – annuncia – in coincidenza con il cambio invernale dell’orario partirà il servizio Malpensa Express da Milano Centrale a Malpensa". Con le stesse modalità di quello da Cadorna – prima classe e biglietto per la tratta completà di undici euro -, con questo nuovo collegamento di fatto il servizio da e per l’aeroporto sarà raddoppiato: quattro le corse per Malpensa (due da Centrale e due da Cadorna), quattro quelle in direzione opposta (due verso Centrale, due verso Cadorna). Nelle ore di punta, dalle 7.00 alle 9.00, dalle 13.00 alle 14.00 e dalle 17.00 alle 19.00 entrambi i servizi effettueranno tutte le fermate offrendo così nuove opportunità di movimento per i pendolari.
Sempre con il sistema ferroviario, l’obiettivo è collegare l’aeroporto anche con l’asse Est – Ovest, ovvero l’alta velocità Torino – Venezia entro il 2011. Nel frattempo, resta ancora in attesa il nuovo raccordo tra Legnano (rete FS) e i binari delle Nord, a Sacconago di Busto. "Il via libera del Cipe è arrivato in maggio – commenta -, ma non possiamo iniziare i lavori fino a quando non verrà approvata la delibera. Ho sollecitato anche oggi il ministro Castelli".


Ma non si è parlato solo di binari e rotaie. "Non siamo nell’ordine del futuribile, ma del reale – spiega Cattaneo -. Vogliamo collegare Malpensa anche via acqua con un porto fluviale sul Ticino". Un progetto di cui l’assessore ha discusso nella stessa giornata ad Arona con il ministro Roberto Castelli e il presidente della Regione Piemonte Roberto Cota. "Per quello che riguarda le competenze della nostra Regione, la conca da Sesto Calende è già sistemata e abbiamo stanziato i fondi per la terza conca, quella della diga del Panperduto. La parte in mezzo è invece competenza del Piemonte. Una volta ultimati i lavori, si potrà viaggiare in battello da Locarno a Malpensa". Ma Cattaneo ha in mente anche un altro tipo di collegamento, l’elicottero. "Entro un anno realizzaremo un servizio di linea lombardo con fermata a Malpensa come caposaldo". 

Tanti quindi i progetti su Malpensa, ma con un’attenzione costante ai trasporti per i pendolari. "Per ora la cifra esatta del taglio della finanziaria ai traporti pubblici non la conosciamo – chiarisce Cattaneo -. Se la situazione resta così sarà del 30 per cento. Abbiamo però la possibilità, come Regione, di modulare i tagli all’interno dei vari capitoli di spesa. Per questo sto trattando con i miei colleghi in Giunta e anche con il Governo per un provvedimento che finanzi il servizio pubblico". E qui arriva a che l’appello ai pendolari: "Più loro si faranno sentire, più frecce avrò io nel mio arco. Fino a dicembre i giochi restano aperti". 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.