BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Siena-Atalanta non diventi Conte contro Doni E’ una partita importante ma non decisiva”

Il tecnico parla dell'ultima vittoria contro il Pescara: "Non mi esalto per la trasferta vittoriosa come non ero preoccupato per il pareggio contro il Frosinone".

Più informazioni su

Stefano Colantuono è soddisfatto dopo la trasferta vittoriosa di Pescara. Soddisfatto ma non esaltato: il credo dell’allenatore romano è “volare bassi, essere umili e continuare a lavorare”. Già perché il tecnico, come “non si è preoccupato per il pareggio interno contro il Frosinone, non si è lasciato ad andare a festeggiamenti per la vittoria in trasferta”. E poco importa se non si vedono gol su azione. “Le palle inattive fanno parte del gioco – spiega Colantuono -. Su azione ci abbiamo provato in almeno tre occasioni ma è stato bravo il portiere e contemporaneamente siamo stati imprecisi. Stiamo migliorando ma siamo ancora lontani dall’essere al top; questa squadra ha ampi margini di miglioramento”. Stessi margini di Ardemagni, partito dalla panchina, che ha messo lo zampino nella rete del raddoppio di Tiribocchi. “Con Matteo ci parlo spesso, lo stimo e sono sicuro che farà la fortuna per noi. E’ in ripresa perché il gol del Tir per metà è opera sua, sta recuperando quella serenità psicologica calata nelle prime giornate quando non è riuscito a trovare il gol. Il mestiere del giocatore è così: ci sono momenti in cui se nemmeno tiri da un metro segni mentre in altri dove tutto ti va bene, ti basta anche un tiraccio da centrocampo per metterla in rete”.

LA PARTITA CONTRO IL PESCARA
Un grande primo tempo, una ripresa dove si è sofferto per un quarto d’ora ma dove si è controllato l’avversario, questa l’analisi di Colantuono: “Sono contento soprattutto per il primo tempo dove nonostante il campo siamo stati abili nel palleggio; dopo il gol abbiamo subìto per un quarto d’ora il Pescara che si è reso pericoloso solamente con un tiro cross casuale che ha colpito la traversa. Me l’aspettavo della sofferenza nella ripresa perché in campo c’era chi non giocava da tempo come ad esempio Barreto e Manfredini”. Capitolo Barreto, recuperato e gettato nella mischia per tutta partita. “Ha giocato bene, è rimasto in campo 90 minuti e sta facendo grossi passi in avanti. E’ stato preso con tante aspettative, è un giocatore bravo e che ha colpi. Inoltre è giovane; speriamo che possa darci il contributo utile affinché tutta la squadra cresca”. Tutto bene, cartellino rosso di Carmona a parte. “Francamente penso che l’espulsione del sudamericano sia stata una decisione un po’ troppo affrettata da parte dell’arbitro – il pensiero di Colantuono . il centrocampista non ha fatto nulla di eccezionale. Detto questo era meglio evitare anche perché eravamo sul 2-0. Quante giornate prenderà? Spero solamente uno, anche perché se si avesse la possibilità di riguardare le immagini si capisce subito che il regista quasi non lo tocca nemmeno”.

SABATO IN TRASFERTA A SIENA
Il 18 settembre è in programma il big match contro i bianconeri, le due corazzate si scontrano ad inizio campionato, troppo presto affinché la partita diventi decisiva. “Spero che non diventi la partita del Doni contro Conte. Quello che hanno avuto i due fa parte del passato, sono due uomini intelligenti e sono sicuro che sé trattato di schermaglie dettate dal momento – le parole dell’allenatore – Con il Siena spero sia solo il campo a parlare. E’ una partita importante anche se casca alla quinta giornata e perciò non può essere in alcun modo decisiva per le sorti del campionato. Se gioca Doni? Cristiano ha già giocato 90 minuti contro il Frosinone e non vedo perché non possa scendere in campo anche in Toscana”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mitiar1

    io sono per …
    doni in panca :)
    non ce l’ho con lui…. ma se c’è il dubbio che possa essere nervoso io lo terrei fuori :)
    negli anni ci ha spiegato bene che nervoso non serve :)
    se lo gestisca bene, mister :)

  2. Scritto da W L'ITALIA

    Visto che non puo’ essere la partita Conte-Doni,io lo lascerei addirittura a Bergamo cosi’ non fa danni e siamo sicuri che non viene espulso.In tutte la altre partite puo’ giocare ma in questa no,meglio prevenire che poi pentirsi.La squadra c’e’ anche se a Siena non gioca Doni.In campo tranquilli,senza persone nervose per faccende dello scorso anno.In bocca al lupo.

  3. Scritto da Frnk

    Caro Stefano, se vogliamo finire in 11 Doni lascialo in panchina. Grazie!