BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da Malpensa a Roma, il Frecciarossa è arrivato

Inaugurate due nuove tratte dell'alta velocità ferroviaria: due collegamenti al giorno da Napoli e Firenze a Malpensa.

Più informazioni su

I primi quindici minuti scorrono un po’ lenti. Si esce dalla stazione di Milano Centrale, si passa da quella di Porta Garibaldi, si percorre la nuova linea detta il "passantino" e si arriva a Bovisa. Da li in poi il viaggio verso l’aeroporto di Malpensa scorre liscio e veloce. In tutto quarantadue minuti di viaggio e dalla stazione principale di Milano si arriva dritti dritti senza fermate al Terminal 1.
Non è ancora il collegamento diretto Centrale-Malpensa – che si aggiungerà a dicembre -, ma il primo Frecciarossa partito da Napoli alle 10.50 di lunedì 13 settembre e arrivato senza cambi a Malpensa. In mezzo le fermate a Roma Termini, Firenze Santa Maria Novella, Bologna Centrale e Milano Centrale.

Una data importante quindi, quella odierna, non solo per i collegamente sull’asse ferroviaria Nord-Sud, ma anche per quelli dell’aeroporto con il capoluogo e il resto d’Italia. «Con questi nuovi collegamenti – commentano all’unisono l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti e il presidente di Sea Aldo Bonomi – si aumenta anche il bacino di utenza dello scalo. Queste nuove tratte sono la prova che è possibile arrivare a un sistema di mobilità integrato». 
A bordo del primo treno oggi c’erano quattro passeggeri speciali: oltre a Moretti, il presidente della Regione Roberto Formigoni, l’assessore regionale ai Trasporti Raffaele Cattaneo e il sindaco di Milano Letizia Moratti. Ad attenderli a Malpensa Bonomi e il deputato della Lega Nord Marco Reguzzoni. Seduti nelle confortevoli poltrone del nuovo treno, i quattro hanno avuto modo di chiacchierare durante i 42minuti di viaggio e solo una volta giunti a Malpensa hanno commentato, positivamente, la novità. «Questi treni avvicinano l’Italia a Malpensa e Malpensa all’Italia – commenta Formigoni -. Qualcuno di ostina a dire che questo è un aeroporto sperso nella brughiera: oggi invece diventa la porta d’ingresso del mondo in Italia». Un entusiamo condiviso da Moratti che ricorda come «Milano abbia sempre creduto in Malpensa, anche nei momenti di difficoltà e anche quando era Alitalia a non crederci più. L’aeroporto cresce ed è la prova che quando c’è richiesta dal mercato, c’è la possibilità di offrire servizi ai cittadini». Anche Reguzzoni ha posto l’accento sulla crescita dello scalo e ha ricordato che «è l’unico aeroporto del Paese collegato alla rete dell’alta velocità, fatto importantissimo per un hub. Qui si costrisce, mentre altrove si fanno solo chiacchiere».

Le nuove tratte
Sono due le coppie di treni attive da oggi da e per l’Aeroporto. Il primo Frecciarossa parte da Napoli alle 10.50 e arriva a Malpensa Aeroporto alle 16.39 con fermate intermedie a Roma Termini (12.15), Firenze Santa Maria Novella (14.00), Bologna Centrale (14.40) e Milano Centrale (15.57). Il secondo Frecciarossa parte da Firenze S.M. Novella alle 7.00 e arriva a Malpensa Aeroporto alle 9.39 con fermate intermedie a Bologna Centrale (7.40) e Milano Centrale (8.57).
In senso opposto il primo parte da Malpensa Aeroporto alle 12.21 e arriva a Napoli Centrale alle 18.10 fermando a Milano Centrale (13.15), Bologna Centrale (14.23), Firenze Santa Maria Novella (15.10) e Roma Termini (17.00). Il secondo parte da Malpensa Aeroporto alle 19.21 e arriva a Firenze Santa Maria Novella alle 22.00 con fermate a Milano Centrale (20.15) e Bologna Centrale (21.23). Ma questi quattro treni rappresentano anche un servizio aggiuntivo per la tratta più breve Milano-Malpensa: il costo del biglietto è di 15,00 euro per la prima classe e di 12,00 euro per la seconda classe.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.