BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Gesto sgradevole che nulla c’entra con noi”

Il coordinatore provinciale del Pdl prende le distanze dal saluto romano dell'assessore di Seriate. "E' un gesto che non ha nulla a che vedere con i nostri valori".

Il Pdl prende le distanze dal gesto ma non si sente affatto coinvolto, politicamente, dal saluto romano di un assessore comunale iscritto al partito, ovvero Gabriele Cortesi, il titolare dei Servizi sociali di Seriate che domenica al cimitero di Bergamo ha omaggiato i Camerati Benito Mussolini e Gino Lorenzi. Il coordinatore provinciale del Pdl Carlo Saffioti dichiara di aver sentito Cortesi per un chiarimento e definisce “inopportuno quel gesto, anzi assolutamente sgradevole nel contesto attuale. Si è trattato però di un saluto romano fatto in una cerimonia privata, in veste privata, in un contesto suo personale, che riguarda la sua storia familiare e quella di tanti altri. Un gesto che quindi non ha nulla a che vedere con l’attualità, i programmi politici e con la certissima adesione di Cortesi ai principi del Pdl, che sono lontani anni luce dalla Repubblica Sociale. Un gesto di nostalgia, che nulla c’entra con la nostra realtà politica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da aureliobelingheri

    SIG.SEMPERBONI,LA ringrazio per la risposta molto informativa rispetto alle cose fatte nel periodo in cui guidava e gestiva L’ITALIA IL Partito Fascista. A mio modesto parere pur rispettando la sua idea ,Credo che gli impressionanti danni fatti a 360 gradi verso L’ITALIA E ILPOPOLO ITALIANO dalla gestione dei GOVERNANTI FASCISTI SIANO DI GRAN LUNGA SUPERIORE alla parte positiva che LEI ha citato.PENSO che ricordare i morti sia giusto. GESTI ECLATANTI per ricordare un buio periodo NO!AurelioB

  2. Scritto da walter semperboni

    grazie a Lei,Sign Aurelio,è sempre bello,scambiare concetti con gente che non copre di ingiurie chi non ha le stesse idee,poi ovviamente uno rimane sulle sue posizioni;ricordare i propri morti con un saluto nostalgico,non è un gesto ecclatante e nemmeno l’inizio della rifondazione del partito fascista..buona serata

  3. Scritto da capitano

    PS
    la stessa 12′ disposizione transitoria limita le restrizioni ai diritti civili per i gerarchi fascisti a “5 anni” dall’entrata in vigore della costituzione…

  4. Scritto da Ivica e nessuno

    Ivica, mi chiedo spesso se inaugurare un post, cosi’ come un discorso una frase etc, con un assunto falso per poi arrivare ad una conclusione invitabilmente altrettanto falsa, sia indice di scarsita’ di mezzi o di disonesta’ intellettuale. Le dichiarazioni di politici e non contro l’episodio del fumogeno sono innumerevoli, cercarle in rete prego. Di chi e cosa si parla quindi quando si dice nessuno? Cosa significa nessuno?

  5. Scritto da drogo

    che pena…

  6. Scritto da walter semperboni

    Sig Belingheri,ovviamente le leggi razziali,son una pagina nera,la guerra persa è una pagina nera,ma se ne fossimo usciti vincitori?Le pensioni son state un idea del Duce,i Patti Lateranensi,i mafiosi cacciati,le bonifiche dell’agro pontino,se poi Lei asserisce che,tutte queste cose,non valgono gli sbagli sopra descritti,Le posso dar ragione;ma non si è accorto che ora fan solo sbagli e basta?Una buona serata a Lei!!!

  7. Scritto da Giuseppe Quarti

    Scusatemi : il circolo di Rifondazione di S.Pellegrini ha giusto fatto tempo fa l’apologia della “Volante Rossa”, che si macchiò di orrendi crimini a guerra finita e non solo a danno di fascisti ma di anche di anticomunisti, in alcuni casi di ex resistenti cattolici o azionisti anticomunisti.
    Rifondazione e tutto il sinistrume possono fare l’apologia degli assassini e dei terroristi e Cortesi viene flagellato per un gesto più o meno condividibile, ma che attiene alla sua memoria storica ? mah!

  8. Scritto da Poveri voi...

    @4
    L’Italia era tutta proletaria e fascista, poi è cambiato il vento, e l’Italia e diventata tutta borghese e antifascista.
    I miei genitori non hanno mai preso l’olio di ricino, non sono mai stati malmenati dalle squadracce fasciste, non sono mai stati obbligati ad andare alle adunate, ma ci sono andati volentieri come milioni di altri italiani. L’olio di ricino lo avranno preso i sabotatori, i terroristi tipo quelli degli stadi o dei centri sociali che vediamo oggi.
    C’era ordine e disciplina

  9. Scritto da giobatta

    Le argomentazioni di Saffiotti mi sembrano alquanto deboli. Ora, ora che la Storia ha fatto chiarezza sugli errori e gli orrori del nazifascismo, è inaccettabile che un assessore faccia ancora questi gesti. Perché un gesto siffatto significa nel profondo di questa persona una approvazione emotiva di questa tragica ideologia. Se può essere giustificabile un gesto di pietà per i caduti di quei terribili anni, non per questo è ammissibile mostrare nostalgia per il nazifascismo.

  10. Scritto da muobatta

    Caro sig. Giobatta
    La storia ha fatto chiarezza sicuramente sul nazismo, ma per quanto riguarda il Fascismo, c’è ancora molto da indagare, semprechè a far questo mestiere sia uno storiografo serio, e non un marxista-leninista-comunista.
    Stanno emergendo tante nefandezze dei signori comunisti verso la fine della guerra e subito dopo: altro che fascismo. Aspettiamo ancora qualche anno e ne sapremo delle belle a tal punto di mofificare parere sul bieco ventennio.

  11. Scritto da cuìn

    semperboni, tira fuori cose che non c’entrano, mischia mele con le pere, lo ammetta è in malafede. e penso che ne sia pure orgoglioso.

  12. Scritto da aurelio belingheri

    SIG.SEMPERBONI ma per una volta ammetta gli errori e orrori commessi dai gerarchi del fascismo ,cioè mandare a morire tanti giovani mal equipaggiati ,sfamati ,in una guerra che ha portato non orgoglio fascista ma morte ,dolore e miseria x un periodo che IO considero uno dei più bui e vergognosi della storia ITALIANA. MIO PADRE tornando dalla guerra dopo la prigionia disse questa frase rivolta a chi guidava L’ITALIA:COMBATTEMMO FEDELI ALLA PATRIA ANCHE SE I CAPI ERANO INDEGNI.La saluto.aurelio

  13. Scritto da circolo RIFONDAZIONE COMUNISTA Alzano Lombardo

    Saffioti non può rinnegare i fascisti che stanno nel PARTITO DEL LITTORIO,senza fascisti niente maggioranza e niente poltrone…quindi si gira dall’altra parte e fa finta di non vedere!
    L’assessore rimane ai “servizi sociali” a Seriate..se fosse per lui!
    Saffiotti è naturalmente libero di tenere nel partito tutti i fascisti non pentiti che vuole…altra cosa è mantenere una carica istituzionale..almeno fino a quando non entra in vigore la costituzione di ARCORE e di SALO’…DIMISSIONI SUBITO!

  14. Scritto da piero di destra

    il problema non e’ il reato di apologia che giustamente andrebbe abrogato come la norma illiberale che vieta ogni forma di apologia del fascismo e la ricostituzioine di partiti fascisti. il problema e’ da una parte l’inopportunita’ di un gesto che , come avvenuto, avrebbe innescato polkemiche e accuse, dall’altra che pdl e rsi sono agli antipodi, pur senza demonizzare nessuno e pur nel rispetto di chi in buona fede ad essa aderi’. trovo la dichiarazione di saffiotti equilibrata e risolutiva.

  15. Scritto da Bifolcho Paddano

    Da certa gente non bisogna prendere le distanze dopo, bisogna non candidarli prima.
    Vi sono troppi esponenti del centro destra presi in tutta Italia col braccino alzato, a partire dalla Brambilla elevata a ministro,insomma la destra in italia rimane quella li: fascista. Hanno già distrutto il paese una volta e mi sa che con i voti di molti lo stanno distruggendo anche ora. Non impareremo mai.

  16. Scritto da capitano

    la dodicesima disposizione transitoria vieta la “ricostituzione del partito fascista”, non l’adesione all’ideale fascista, che in quanto dottrina e opinione politica è tutelata dall’art. 3 della Costituzione (che prevale sulle disp. trans. e sulle leggi ordinarie successive).

  17. Scritto da lvca

    Ma scusate ma perche’ nessuno si indigna allo stesso modo delle centinaia di giovani dei centri sociali che a torino alla Festa del Pd (coccolati dalla sinistra quando fa comodo) hanno lanciato bombe carta contro bonanni che tentava di parlare? Che hanno avuto l’ardore di dire “Era legittimo impedirgli di parlare”?! Questa e’ la vera minaccia altro che un saluto romano in una commemorazione!!! Quanti ipocriti in Italia…..

  18. Scritto da walter semperboni

    le cose sgradevoli,son altre,il lasciar parlare curcio,fare film su vallanzasca,lasciare che ex brigatisti tengano lezioni in università,e il Papa non lo possa fare..il braccio alzato è una cosa innoqua che non fa male a nessuno,le norme transitori della Costituzione si posson abrogare,come si è fatto per il rientro dei Savoia!!!

  19. Scritto da Genitori fascisti

    Mezza Italia ha avuto genitori fascisti, e per questo dobbiamo rinnegarli? I miei genitori mi hanno sempre parlato bene del Fascismo fino a prima della guerra. Poi la guerra civile ha confuso tutto: il bene con il male. Ma non è stata solo colpa dei fasciti.
    Mio padre era fascista, e io sono orgoglioso di aver avuto un padre fascista.

  20. Scritto da Costituzione

    Una cazzata come la norma transitoria sull’apologia del fascismo va abrogata come è stata abrogata la norma sul rientro dei Savoia in Italia. Oppure, per “par condicio” inserire la norma di “apologia” del comunismo, che oggi è ancora il male del secolo presente in molti regimi totalitari, altro che fascismo ormai sepolto dai tempi.

  21. Scritto da Poveri noi....

    @2 Certo si stava bene nel ventennio…a parte l’olio di ricino per chi la pensava diversamente, a parte gli squadristi che menavano chi non faceva il saluto romano, a parte il fatto che gli oppositori venivano fatti marcire nelle carceri, a parte che la stampa libera fu abolita…..

    Ma …quando c’era LUI i treno erano in orario…. me l’ha detto mio papà….

    Mamma mia……poveri noi…..

  22. Scritto da cuìn

    quello dell’1 è convinto che vallanzasca sia un ex-brigatista rosso. che dire?

  23. Scritto da Comunismo in Italia?

    @3 Se è per questo anche il comunismo è ormai morto da tempo…….anche negli Stati Uniti, paese simbolo dell’anticomunismo, ne sono convinti.

    Nella Costituzione c’è un articolo contro il fascismo per gli orrori commessi in ITALIA dal fascismo……non mi risulta invece ci sia mai stato un regime comunista in Italia…..o mi sbaglio???

  24. Scritto da ureidacan

    Scusa Saffioti, non ti devi scusare. Tienitelo stretto nel tuo partito (non lasciartelo scappare) il tuo assessore-fascista al Comune di Seriate.

  25. Scritto da precisino

    Genitori fascisti “mezza Italia ha avuto genitori fascisti” sara per questo che votano Berlusconi e Bossi.
    Ma per piacere, ci mancavano solo i treni che arrivano in orario, e allora Mussolini doveva fare il capostazione e non rompere gli zebedei in politica agli italiani. FAscisti sti a cà che le mei!

  26. Scritto da walter semperboni

    Cuin,credimi,non è che ti devi impegnare per mostrare la tua stupidità,l’han capito tutti anche se non ti impegni…curcio è un ex brigatista,vallanzasca è un rapinatore che era a capo della banda della comasina..e tu a tuttora non so se ci sei o ci fai,ma propendo per la prima opzione!!!