BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Veltroni: “I capi della mafia stanno in politica” fotogallery

Il deputato del Pd in tour contro le mafie. Sala colma al Mutuo soccorso di via Zambonate. "I vertici stanno in politica e nella finanza".

Più informazioni su

“I capi della mafia stanno in politica”: è una frase che pronuncia senza remore, con forza, Walter Veltroni, davanti al pubblico numeroso che colma la sala del Mutuo Soccorso di via Zambonate pur di ascoltarlo, stando anche in cortile. Ed è una frase che racchiude un po’ il senso di tutto il suo tour italiano di messa a fuoco sulla mafia, “o sulle mafie” come lui preferisce dire. Giovane del Pci, deputato, fondatore dell’Ulivo, ministro della Cultura, vicepresidente del Consiglio, poi segretario Ds, sindaco di Roma, candidato premier e ora semplice membro della commissione antimafia che gira l’Italia mettendo in allerta tutti sui tentacoli della criminalità organizzata, sul suo dilagare anche nel Nord Italia, con gli occhi puntati sui grandi appalti.
E’ un Veltroni che non crede minimamente nel Totò Riina capo dei capi, ovvero nel potere criminale assoluto di vecchi calabresi, siciliani o campani che allungano le loro mani e le loro ombre affaristiche su tutta Italia. E parla di una mafia che si fonda su un controllo sociale e politico ferreo, che ha i suoi “capi proprio in politica e nella finanza e non a caso non ha più una dimensione territoriale, ma sta mettendo le mani sull’economia di tutta Italia, con la ‘Ndrangheta che ha quasi l’esclusiva in Lombardia”.
E se mafia vuol dire anche politica, la politica allora deve stare attenta, "tutti i partiti devono tenere alto il loro livello di guardia" e l’azione politica non può che pensare ai rischi di un "federalismo troppo spinto che fiacchi il potere delle istituzioni contro la criminalità", oppure alla necessità di una giustizia che possa fare il suo lavoro e non perdersi nel dibattito tra giustizialismo o impunità.
L’esortazione di Veltroni è “contro l’indifferenza", è "sulla necessità di andare oltre e di guardare al di là delle verità che ci vengono raccontate, perché un Totò Riina non saprebbe nemmeno pronunciare via dei Georgofili, e dietro quel che ci sembra di vedere c’è sempre altro". Da qui la necessità di sapere, ad esempio, "chi ha messo la bomba all’Addaura contro Falcone, quali manovre ci sono state in via D’Amelio, chi ha cambiato la storia d’Italia per tre volte con la bomba a piazza Fontana nel 69, con il sequestro di Moro, con le bombe del 92 e del 93”.
Veltroni parla al suo popolo. E non solo. Intervistato dal giornalista de L’Eco di Bergamo Andrea Valesini racconta di una politica che un po’ fa sognare la gente del Pd, soprattutto rispetto al pantano che l’estate 2010 sta offrendo. Parla di criminalità organizzata e non perde l’occasione di andare oltre. Resterà davvero un semplice membro della commissione antimafia?

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Berto

    Uno gira per tenere conferenze al fine di mantenere alta l’attenzione sul tema e poi per molti “benpensanti” del forum il “colpevole” è lui ?
    Ma non avete proprio niente da fare ?

  2. Scritto da operaio

    ha ragione…………ma lui cos’è non è un politico???????????? non mi risulta che fa l’operaio a 1000 euro al mese………….vergognati

  3. Scritto da Pluto

    @1 – marilena, quelli che l’hanno condotto alla rovina stavano un pò più a sinistra , mi pare di ricordare.

  4. Scritto da ago66

    Ma va? Davvero? Se Veltroni non faceva questa rivelazione non ci sarebbe arrivato nessuno. Peccato che gli organizzatori della festa democratica di Torino abbiano invitato proprio un personaggio (Schifani) indagato dalla Procura di Palermo per frequentazioni se non collusione con ambienti mafiosi, tacciando di squadrismo e fascismo gli unici presenti del MoVimento a 5 stelle che hanno cercato di porgli delle domande a riguardo. Dov’era Veltroni?

  5. Scritto da Stare in politica

    Infatti lui sta in politica da lungo tempo

  6. Scritto da comunicattivo

    Anch’io leggendo quest’articolo ho pensato: visto che è uomo di rivoluzioni, perchè non comincia lui a dirci quello che sa dopo tanti anni di politica, tralasciando frasi fatte e scontante??

  7. Scritto da vergogna

    era da cacciare a scopate…………….vergogna……….lui ha il conto corrente e la pancia piena come tutti i politici di maggioranza e minoranza

  8. Scritto da marilena

    per 8 pluto. Ti ricordi male, mi pare…

  9. Scritto da marilena

    veltroni, sarebbe stato meglio che lei si fosse occupato seriamete del suo partito anzichè condurlo alla rovina….

  10. Scritto da never

    sei tu che vai oltre, bravo armi

  11. Scritto da no mafia

    non ha nient’altro da fare……….sta solo cercando di ritagliarsi un nuovo spazio nel pd………..anche lui saprà cose che mai dirà come tutti………..la mafia sono tutta la politica italiana destra sinistra centro e lega………..basta ipocrisie

  12. Scritto da Africa addio

    Ma perchè non se ne va in Africa come sognava?

  13. Scritto da va a laura

    quando era sindaco di roma ne ha combiante………..e adesso parla di mafia…………vergognati te e quelli che ti invitano per questi dibattiti…….. …

  14. Scritto da Beppe C.

    D’Alema e Veltroni hanno rotto i … Basta, basta, basta!!! Il centrosinistra ha bisogno di persone serie e non di chi ci ha rovinato.