BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Baggio: “Piano a caricare di responsabilit?? Cassano”

Cos?? il divin codino dopo la rotonda vittoria degli azzurri per 5-0 sulle Far Oer nell'incontro valido per le qualificazioni agli Europei 2012.

Più informazioni su

Dopo la convincente e rotonda vittoria di martedì sera contro le Far Oer per 5-0, nella partita valida per le qualificazioni all’Europeo del 2012, l’Italia si proietta in testa al gruppo C con 6 punti davanti alla Serbia a 4. Ecco le dichiarazioni degli azzurri del dopo-partita

PRANDELLI: "SICURO SAREBBE STATA UNA SERATA DI FESTA"
«Sapevo che Firenze è generosa, ero sicuro che sarebbe stata serata di festa. I ragazzi sono stati bravi perchè c’è sempre il rischio di fare una brutta figura. Non era facile mantenere lo stesso ritmo per 90 minuti». Così il ct della Nazionale Cesare Prandelli ai microfoni della Rai al termine della partita con le isole Far Oer. «Cassano sta bene – ha aggiunto Prandelli e fa le cose importanti. Gilardino?, Mi aspettavo che sarebbe tornato al gol». Prandelli ha poi ribadito il suo affetto per la città di Firenze e la sua tifoseria: «Sono 5 anni che ringrazio questa gente, mi sempre che entusiasmo nazionale stia aumentando», le parole del ct che ha rivolto un pensiero all’ex giocatore della Fiorentina Giancarlo Galdiolo gravemente ammalato: «Ho incontrato il figlio, so cosa stanno vivendo».

BAGGIO: "PIANO A CARICARE DI RESPONSABILITA’ CASSANO"
«Cassano è Cassano: piano con il caricarlo di troppe responsabilita». Roberto Baggio ha seguito la larga vittoria dell’Italia sulle Far Oer dalla tribuna d’onore del Franchi, al fianco di Gigi Riva e Gianni Rivera, e alla fine applaude al nuovo 10 azzurro. «Mio erede? Ogni giocatore ha le sue caratteristiche», è la risposta cauta dell’ex Codino. «Gli applausi di Firenze, a me e alla nazionale, mi hanno fatto un enorme piacere», ha aggiunto il nuovo presidente del settore tecnico Figc prima di lasciare lo stadio.

CHIELLINI: "RIPARTITI CON TANTA VOGLIA DI RISCATTO"
«Ci vediamo domenica» strizza l’occhio un euforico e sorridente Antonio Cassano (in tribuna c’era la moglie Carolina in dolce attesa) dando una pacca a Giorgio Chiellini, mentre il difensore della Juve parla alle radio e alle tv nella zona mista del Franchi. Scherzando si pensa già a Juventus-Sampdoria di campionato. Chiellini a sua volta sorride, a conferma che il clima è davvero buono nel club Italia e non solo per le due vittorie di fila su Estonia e Far Oer che proiettano gli azzurri da soli in testa alla classifica del proprio girone. «Proprio in vista di Juve-Samp ho pensato a fine partita di dare un bel calcione a Cassano così?? da fermarlo per domenica», sorride il difensore bianconero. «Comunque noi della Juve siamo pronti, non sentiamo il peso di vincere a tutti i costi, c’è grande entusiasmo. Il mio contratto? Quando c’è la volontà da ambo le parti non ci può che essere che un lieto fine». Adesso però quel che preme a lui e ai suoi compagni in azzurro è essere riusciti a ritrovare la giusta via dopo il periodo nero durante e dopo il Mondiale. «Siamo ripartiti con tanta voglia di riscatto, come gruppo stiamo migliorando sempre di più, stiamo lavorando sodo. E poi – continua Chiellini – ero convinto che il pubblico di Firenze avrebbe risposto così??. Ci siamo divertiti stasera senza correre il pericolo di perdere la concentrazione».

DE ROSSI: "CI VOLEVA UNA VITTORIA COSI’ LIMPIDA"
Anche Daniele De Rossi è soddisfatto, per il successo, per il 10/o gol in azzurro che gli permette di superare nientemeno che Totti, per il clima che in Nazionale sta tornando positivo e pieno di buoni propositi: «Quando affronti un avversario debole c’è sempre qualche rischio, ma siamo stati bravi, siamo di nuovo sulla buona strada. Personalmente sono felice del gol e ora aspettiamo gli impegni più difficili anche se una vittoria cos??ì limpida ci voleva proprio».

GILARDINO: "IL MIO UN GOL IMPORTANTE"
Anche Gilardino, tornato al gol con la Nazionale dopo un anno di digiuno, è raggiante: «È un gol importante e per giunta segnato a Firenze – dice l’attaccante che stasera ha superato in azzurro Toni e Vialli a quota 17 – E Prandelli mi conosce bene. I fischi a Quagliarella? Non li abbiamo sentiti tanto». E comunque i tifosi viola hanno fischiato l’attaccante neo bianconero non per il suo passaggio alla Juve ma per vecchie ruggini riguardanti suoi festeggiamenti dopo aver segnato in passato alla Fiorentina.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.