BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Due nuove scommesse per l’AlbinoLeffe: Manzoni e Cocco fotogallery

La Celeste prova a dare un paio di tocchi qualit?? ad un organico apparso finora un po??? carente inserendo due giovani interessanti e di prospettiva.

Più informazioni su

Manzoni e Cocco, come dire poesia e freschezza. L’AlbinoLeffe prova a dare un paio di tocchi qualità ad un organico apparso finora un po’ carente dopo l’ennesima rivoluzione estiva di mercato, inserendo due pedine interessanti come il centrocampista Alessio Manzoni e l’attaccante Andrea Cocco. Due giovani di prospettiva, nel senso più stretto del termine. Entrambi, infatti, per alcuni problemi fisici non potranno essere a disposizione di Mondonico prima di qualche settimana.
Manzoni, che è in comproprietà tra Parma e Atalanta, è cresciuto proprio a Zingonia. Mondonico, che lo voleva con sé fin dai tempi della Cremonese, la prima volta che lo ha visto in un amichevole con l’Atalanta lo ha paragonato ad Henry per le sue qualità. In realtà si tratta del classico centrocampista dai piedi buoni, abile ad impostare la manovra e anche ad inserirsi in avanti. Una promessa che finora ha avuto una carriera sfortunata, a causa di numerosi infortuni, che cerca in riva al Serio la definitiva consacrazione: “Da quando sono andato a Parma ho iniziato ad avere qualche guaio fisico che mi ha un po’ ostacolato la carriera –dice Manzoni- quest’estate ho lavorato duro per trovare la condizione migliore. All’ultimo giorno di mercato è arrivata l’occasione dell’AlbinoLeffe. I dirigenti e il presidente credono molto in me, quindi sono felice di essere qua. Ho tanta voglia di far bene e di emergere”.
Diverso il discorso di Andrea Cocco, che è arrivato in Val Seriana dal Cagliari, nell’operazione che ha portato in Sardegna Laner e Perico. Si tratta di una prima punta dotata fisicamente e predisposto al gioco aereo, che dopo aver esordito in Serie A con la maglia rossoblu (nel 2006 ha segnato anche un gol contro l’Udinese) nelle ultime stagioni ha navigato in C per farsi le ossa: “Spero di migliorarmi e dare il mio contributo alla squadra – afferma Cocco- Il gruppo è ottimo, così come l’ambiente. Non ci sono molte pressioni, questo da una parte è positivo perché ti da la giusta tranquillità per lavorare, ma dall’altro magari può portare ad una carenza di stimoli. Il mister però mi sta caricando, mi ha già consigliato di essere più cattivo in campo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Fabio Signori

    la prima frase dell’articolo vale più dell’intero stipendio del fantasista macilento e del nuraghe cogli scarpini messi insieme, ahahahahah