BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sab, c’?? la crisi, l’abbonamento pu?? aumentare”

Brutta sorpresa per le migliaia di studenti che in questo periodo si recano allo sportello SAB per acquistare un abbonamento annuale.

Più informazioni su

Brutta sorpresa per le migliaia di studenti che in questo periodo si recano allo sportello SAB per acquistare un abbonamento annuale (o agli sportelli ATB per acquistare abbonamenti cumulativi). Una signora di Treviolo A.B. ha segnalato al Movimento Consumatori una vistosa aniomalia nel "Contratto di Trasporto" che SAB fa sottoscrivere agli utenti in procinto di acquistare un abbonamento. Nel caso specifico la signora doveva acquistare un abbonamento cumulativo per il figlio studente dell’Istituto Alberghiero di S.Pellegrino, ovvero utilizzare mezzi ATB da Treviolo a Bergamo e mezzi SAB da Bergamo a S.Pellegrino. Il costo, già di per se elevato, circa 560 euro, con validità dal 1° settembre al 30 giugno 2011 non è definitivo, in sostanza l’utente non sa quanto pagherà il servizio.
Infatti la richiesta di rilascio dell’abbonamento annuale ha validità solo se viene sottoscritta anche una clausola di integrazione. In una pagina SAB spiega che il prezzo dell’abbonamento potrà subire variazioni al rialzo poichè "a causa della manovra economica straordinaria d.l.
n°78/2010 comportante diminuzioni di risorse pubbliche per il trasporto pubblico locale, si potrà trovare nella necessità di aumentare le tariffe, anche in abbonamento, in misura e modalità ad oggi non ancora note e molto attendibilmente a partire dal prossimo gennaio 2010". La clausola prosegue indicando anche i criteri e le percentuali degli aumenti previsti (ma al momento non noti).
Il Movimento Consumatori ritiere la clausola imposta da SAB agli utenti irregolare, oltre che vessatoria. In sostanza si presume un aumento, probabile ma allo stato di fatto non esistente, senza quantificarlo, costringendo l’utente a sottoscrivere una sorta di consenso contrattuale all’aumento presunto.
Questa clausola viola, oltre alle più semplici norme di rapporto fra erogatore di un servizio e utente, anche il buon senso e la logica. "Come è possibile" affrema Enea Guarinoni, segretario del Mv. Consumatori, " firmare un contratto di trasporto pubblico che ha durata da settembre 2010 a giugno 2011 senza sapere qual’è il costo esatto del servizio?".
Il Mov. Consumatori contesta anche le modalità con cui gli utenti vengono informati; la clausola è un foglio fitto di righe scritte in piccolo e solo un’attenta lettura consente di comprendere appieno il contenuto. Questo tipo di comunicazione, soprattutto se avente per oggetto un’aspetto importante del contratto quale il costo, lede il diritto del consumatore di essere correttamente informato, come prescritto dal Codice del Consumo.
Il Movimento Consumatori invita la Direzione SAB a trovare soluzioni diverse, consentendo ad esempio di pagare l’abbonamento annuale a rate, mantenendo certo il costo del servizio. La crisi economica esiste per davvero e le famiglie, anche nella nostra provincia,, sostengono enormi sacrifici anche per garantire lo studio ai propri figli; un esborso di 560 euro per l’abbonamento è già un impegno notevole, impossibile correre il rischio all’inizio del prossimo anno di dover pagare un supplemento di costo.
La direzione della Sab ha inviato una pronta replica: "Pareri legali alla mano – che non si tratta di clausola vessatoria, anche perchè l’utente, nel caso in cui venga applicata, può tranquillamente recedere ottenendo anche il rimborso per la quota parte non usufruita. Inoltre SAB rileva anche il fatto che qualora l’utente voglia costi certi può acquistare l’abbonamento mensile. La scelta di inserire questo tipo di clausola – fa sapere la SAB – è dovuta al fatto che per poter garantire servizi efficienti all’utenza è necessario mettersi al riparo da possibile variazioni al rialzo dei costi di esercizio".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Armiamoci e partite!

    Prendete la macchina e finitela di esere costi x i contribuenti..
    Abiti a S.pellegrino? stai a casa tua!

  2. Scritto da che pena

    io sono 8 anni che prendo sempre gli stessi soldi……………….

  3. Scritto da Arturo

    Gia ma gli autobus sono sempre meno, meno puntuali l’unica cosa che aumenta e chefanno sempre più schifo, Grazie Formigoni.