BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’ex cementificio, idee per il restauro

Domenica 5 settembre si ?? tenuto un convegno sul futuro dell'ex stabilimento dell'Italcementi voluto dalla provincia di Bergamo.

Più informazioni su

Che fare dell’ex cementificio Italcementi di Alzano? Che fare dell’emblema di un’importante era industriale (la fabbrica è nata nel 1883 ed è stata dismessa negli anni ’70) messa sotto vincolo di tutela nel 1980, considerato un monumento del cemento? Per rispondere a queste domande è stato tenuto un convegno domenica 5 settembre all’interno dello stabilimento dove istituzioni, personalità del mondo della cultura e della società hanno dibattuto sulle condizioni per il suo recupero in vista dell’Expo 2015.
“Dobbiamo trovare idee e denaro (la cifra preventivata per l’intervento di restauro è di circa 30 milioni di euro, ndr) – ha detto il presidente Ettore Pirovano-. Idee per capire come e con quali finalità recuperare questa immensa struttura che non può restare solo un museo. Per questo sprono le tante personalità del mondo dell’imprenditoria e della cultura affinché portino il loro contributo”.
Protagonista dell’incontro anche Marco Dezzi Bardeschi, ordinario di restauro del Politecnico di Milano, che ha guidato i numerosi presenti in un viaggio alla scoperta dell’ex-cementificio e che ha sostenuto l’idea di “far diventare lo stabilimento un cantiere pilota per le nuove tecnologie in materia di restauro degli edifici in calcestruzzo”.
Tra i relatori lo storico dell’arte Philippe Daverio, per il quale il cementificio ora decadente merita un progetto potente ma al contrario di Bardeschi crede che “l’edificio, essendo ricoperto da una patina romantica commovente, non vada reso utile perché altrimenti si toglierebbe questa patina”. Daverio lo paragona al Colosseo: “Così come chi visita il Colosseo si immagina i cristiani mangiati dai leoni, chi verrà qui dovrà immaginarsi la fatica di un popolo che ha iniziato a soffrire e sudare e dopo un secolo e mezzo , a forza di ingegno e capacità ha generato una ricchezza straordinaria”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Io

    E’ stata una bella giornata di Cultura, è stato un bel ricordo del glorioso passato, speriamo sia l’inizio per un glorioso futuro. Cultura, storia, emozioni, riconoscenza….