BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“No alla centrale termoelettrica vicino alle case”

Gisberto Magri dell’associazione “Io amo la Lega” di Zanica ribadisce in no alla centrale termoelettrica alimentata a olio vegetale in via Crema 17.

Più informazioni su

Gisberto Magri dell’associazione “Io amo la Lega” di Zanica ribadisce in no alla centrale termoelettrica alimentata a olio vegetale in via Crema 17. I residenti della zona hanno già manifestato la loro contrarietà al progetto, così come l’amministrazione comunale che si è schierata per il no perché la centrale verrebbe costruita in contrasto alle direttive del piano regolatore.

Fa piacere sapere che l’amministrazione comunale di Zanica stia dalla parte della cittadinanza contraria all’assurda realizzazione di una centrale termoelettrica a ridosso dell’abitato del paese e si impegni a collaborare alle iniziative di protesta, ma per suscitare il nostro entusiasmo verso tali dichiarazioni, vorremmo vedere fatti concreti, presto di seguito in estrema sintesi elencabili:
– verifica di tutte le attività insediate in via Crema 17 in funzione della conformità delle medesime alle norme locali e nazionali;
– eliminazione del degrado in essere in via Crema 17 (e in altre parti del territorio comunale), dal momento che il degrado richiama solo insediamenti che causano ulteriore degrado;
– stop all’edificazione in via Crema 17 e trasferimento delle attività insediate nelle apposite zone industriali, lontane dall’abitato, che lo stesso Comune sta approntando, benché fino ad ora con ben poca coerenza;
– logica nella pianificazione territoriale e abbandono della politica schizofrenica basata sulla dichiarata volontà di collocazione razionale delle attività economiche nei luoghi opportuni.
– realizzazione di zone di mitigazione ambientale fra i capannoni di via Crema 17 e l’abitato, dal momento che non basta sostenere che le zone industriali devano essere collocate a sud della nuova s.s. 42 se i loro effetti negativi continuano a farsi sentire sull’abitato;
– basta col consumo del territorio e la cementificazione a tutti i costi, che servono solo l’arricchimento economico e senza giusta causa di pochi a svantaggio della generalità;
– attribuzione di destinazioni d’uso alla zona di via Crema 17 compatibili con l’abitato previa realizzazione di opere di urbanizzazione, ora del tutto inesistenti grazie alla cecità manifesta di chi avrebbe avuto il dovere di farle eseguire;
– divieto di espansione verso sud dell’abitato, allo scopo di evitare una vicinanza ancora più inopportuna fra i capannoni di via Crema 17 e la residenza, evitando le castronerie urbanistiche che caratterizzano la zona nord-ovest del paese. Il Sindaco di Zanica e la sua squadra hanno modo di dimostrare a breve la loro sincerità proponendo un P.G.T. – tuttora in sofferta, riservata gestazione – coerente, ordinato e
logico. Sarebbe una bella novità per Zanica.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da IL PIGNOLO

    Leggete bene, approfondite, non siate superficiali. Gisberto Magri, insieme ad Alessandro Patelli, la Lega a Zanica (e non solo a Zanica) l’hanno fondata nel lontano 1986, quando i parvenu che si pavoneggiano oggi nella Lega si vergognavano di dichiarare la loro appartenenza al Movimento e non c’erano tutti quei sindaci, cementificatori del loro territorio, che ci sono oggi e che non sanno minimamente cosa significhi federalismo. D’altra parte non lo sanno nemmeno i ministri leghisti.

  2. Scritto da angi

    La squadra che compone il comune a Zanica è praticamentre sempre la stessa da 30/40 anni. Sono sempre le stesse facce e il risultato è evidente a tutti, un paese fra i piu brutti e retrogradi della provincia. Cosa fanno negli uffici questi assessori che diventano sindaci e poi assessori non si sà. Le competenze sono alquanto latitanti. Piangevano miseria 20 anni or sono ed i problemi erano tutti insormontabili per Zanica ed ora che la miseria è palpabile, credo ci sia ben poco da sperare!…

  3. Scritto da Geppo

    No ho capito niente , la Lega a zanica con chi sta ? Se l’amministrazione non vuole l’impianto, chi lo vuole o autorizza ?

  4. Scritto da Domandone

    Ma se ama la Lega , con chi ce l’ha ? La lega è ovunque , provincia , regione e governo.
    O mia capit.

  5. Scritto da www

    per legge questi impianti sono autorizzati dalle province.
    in questo caso dalla provincia di bergamo, guidata dalla lega nord.
    e la provincia ne ha già autorizzati parecchi altri, simili.

  6. Scritto da cicciob

    l’impianto che si vuole realizzare e’ gia’ stato approvato a livello governativo ma anche se i profeti del “padroni a casa nostra” siedono sulle poltrone di governo,regione,provincia tocchera’ ai cittadini comuni impedire che si costruisca,sperando che sentirsi parte di una comunita’ prevalga sulle divisioni politiche .
    n.b. per i post precedenti
    la lega a Zanica non governa.
    l’associazione”io amo la lega” e i vertici della lega zanichese sono cane e gatto.

  7. Scritto da chi ama la lega?

    Se non avete capito ve lo spiego io: il magri NON AMA ASSOLUTAMENTE LA LEGA e non ne fa nemmeno parte