BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Arriva il codice a barre per il vino

Sulle bottiglie il codice permetterà, avvicinando lo smartphone, di ottenere informazioni sull'etichetta prescelta.

Più informazioni su

Vedere la vigna dove l’uva è stata colta, o la botte dove è invecchiato mentre si sceglie una bottiglia nello scaffale della nostra enoteca. O conoscere caratteristiche, accompagnamenti e gradazione seduti al tavolo del ristorante, nel dubbio se abbinare un pinot nero o un sauvignon alla pietanza da gustare. Semplice secondo i creatori di Cellar Key, che hanno messo a punto un sistema di etichettatura attraverso i codici a barre. Avvicinando al vetro il proprio smartphone, questo tag dà una serie di informazioni sulla bottiglia prescelta. Indirizzando il cliente sulla scelta del vino giusto.
IL PROGETTO The Cellar Key nasce dalla collaborazione tra la società tecnologica Scanbuy e il produttore ed esportatore americano Lion Nathan Wine Group. I codici a barre bidimensionali, sempre più diffusi su prodotti (ma anche sui giornali) per dare informazioni aggiuntive sulla merce, sono stati applicati su sei vini differenti del produttore e messi in commercio con la nuova etichettatura applicata al collo delle bottiglie. I primi produttori che hanno aderito al progetto vengono da Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Argentina. Il potenziale acquirente potrà scaricare sul suo smartphone l’applicazione per poterli leggere, collegandosi al sito www.getcellarkey.com, poi avvicinerà l’apparecchio al codice QR (Quick Response) bidimensionale, e da lì partirà la sua esperienza: tour video dei vigneti, interviste con i produttori, accostamenti e qualità organolettiche del prodotto, foto e non ultima la possibilità di condividere sui social network quel che si sta vedendo e ascoltando, nonché una voce che permette anche di leggere le recensioni altrui su altri siti.
SVILUPPI – Oltre ai colli delle bottiglie, il tag informativo potrà essere esportato altrove: per esempio sullo scaffale del negozio o del supermercato dove vengono posizionate le bottiglie, o ancora meglio, gli inventori di Cellar Key scommettono particolarmente sull’accostamento del codice al prezzo nella carta dei vini dei ristoranti, per motivare il cliente alla scelta e informarlo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.