BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Le contraddizioni della Lega vengono al pettine

Il segretatrio del Movimento consumatori commenta gli ultimi avvenimenti che hanno visto protagonisti i lumbard: "Alla Lega di lotta e di governo nessuno crede più".

Più informazioni su

Un  lettore di Bergamonews, segretatrio del Movimento consumatori, legge gli ultimi avvenimenti orobici e non che hanno visto protagonisti i lumbard come l’esplosione delle contraddizioni del Carroccio: "Alla Lega di lotta e di governo nessuno crede più"

Caro Direttore,
oltre un anno fa avevo scritto a Bergamonews dopo aver partecipato, da inviato di radiopop, al raduno leghista di Pontida. In quell’occasione mi aveva colpito la grande presenza della gente, il popolo, come si usa dire.
Il popolo leghista era presente in massa, ed era entusiasta dei suoi dirigenti. E’ trascorso un anno e quei dirigenti stanno dimostrando, a mio avviso, di essere incapaci di matenere le promesse fatte al proprio elettorato, e quindi incarnano la contraddizione fondamentale della Lega.
Sono al governo da anni con Berlusconi (il mafioso di Arcore per dirla come Bossi) e non sono in grado di contribuire minimamente non solo allo sviluppo del paese, ma nemmeno a migliorare minimamente le condizioni di vita delle persone, anche dei loro elettori, che sono operai, artigiani, professionisti ecc. I dirigenti leghisti sembrano impegnati a mantenere il potere, lo scranno, la cadrega, la scagna su cui sono saldamente seduti.
Mi sembra che siano per lo più occupati a trattare con Berlusconi,a spartire il poco potere che lui concede ai suoi sudditi. Ogni tanto lo ricattano, visto che sono i garanti dell’esistenza in vita di questo governo.
Non parlano mai di economia, di occupazione, di quanto gli italiani, e anche i loro padani, facciano fatica ad arrivare alla fine del mese.
Anche sui temi cari alla Lega, l’islam ad esempio, ingoiano silenziosamente rospi giganteschi, senza battere ciglio. Gheddafi dice che l’Europa deve diventare islamica e loro zitti. Ma come, Calderoli dove sei? Dove hai messo la tua maglietta antislamica?
I dirigenti leghisti ribattono che si tratta di strategia, che serve solo per ottenere il federalismo. Ma loro stessi raccontano e si raccontano bugie: il federalismo non lo porteranno a casa, almeno nella forma da loro desiderata.
Anche a livello locale la Contraddizione emerge lampante. Il presidente della Provincia di Bergamo si dimostra incapace di amministrare; non va oltre le solite sparate propagandistiche, buone al massimo a conquistare quache riga sui giornali, come lo stendardo in dialetto, gli insulti ai poveri. Ma cosa diavolo ha concretamente fatto per affrontare l’emergenza occupazionale dell’ultimo anno, con decine di aziende che chiudono e migliaia di lavoratori senza lavoro?
Pirovano è adagiato su due poltrone, in via Tasso e a Roma. In Parlamento quante iniziative politiche ha portato avanti? Quante interrogazioni, quanti interventi in aula o in commissione? Risponda, pubblicamente, non a me ma ai suoi elettori Sono questi i dirigenti leghisti che dovrebbero rappresentare e tutelare il loro elettorato?
La vicenda recente dell’assalto ultrà alla festa leghista e al ministro Maroni ci racconta, per concludere, della fine del furbesco idilio fra l’assessore Belotti e la sua base elettorale. Certo, gli ultrà l’hanno fatta grossa, assaltare il palco del ministro degli interni, un leghista, un dirigente a cui perfino Belotti deve rispondere. Anche in questo caso è esplosa la Contraddizione: la lega e Belotti non possono stare sia con gli ultrà che con il ministro degli interni.
Insomma che la Lega sia un partito di governo e di lotta è una grande bugia a cui nessuno crede più.
Enea Guarinoni

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pietro52

    Stare in lega oggi ti “consente” di non dover lavorare, di non dover laurearti tanto un lavoro te lo trovano, magari anche solo da vigile urbano ma ti assicuro che te lo trovano.

  2. Scritto da andrew

    Sono perfettamente d’accordo con quanto scritto nella lettera. io sono un ex leghista convinto, ora non mi oriento più purtroppo. pirovano ha 2 incarichi, 2 stipendi e cosa ha fatto di importante per la sua provincia? solo proclamazioni di dubbio gusto e basta.salvo alcuni bravi amministratori locali, la maggior parte dei leghisti mi hanno deluso. assetati di soldi e potere come lo erano i vecchi democristiani, ecco quello che penso. mi sento tradito e preso in giro dal mio partito.

  3. Scritto da jack

    per Ivca la signora Rosy Mauro è vicepresidente del senato,non robetta da niente,ha fondato,o comunque era il segretario,del sindacato della lega che non conta niente,come gli altri ma sicuramente prende finanziamenti statali che fanno sempre comodo,poi accompagna sempre il capo come lo chiamano i fedelissimi, che poi fanno sicuramente quello che vogliono,infatti hanno portato al senato la Signora Rosy Mauro,che conquista per il nord,sono a disposizione per altre notizie leghiste.

  4. Scritto da claudio

    la lega è un movimento che cerca con tutte le forze di tutelare i padani dai ladrocini che i partiti romani hanno perpetuato per 50 anni .
    forse per noi bergamaschi esiste tutt’ora un altro partito migliore della lega che ci difenda? fatemi un nome di un partito .
    ognuno deve votare per i propri interessi , dunque secondo me i padani devono votare sempre piu’ in massa la lega , perchè nel meridione sono piu’ furbi , loro sanno per chi votare .

  5. Scritto da marilena

    forza leghisti, intervenite in massa con i vostri commenti!

  6. Scritto da lvca

    Che dire Enea hai colto nel segno ma non si spiega allora come mai prendono tanti voti nonostante tutto!
    Sicuramente se la Lega e’ cosi radicata ed elettoralmente forte e’ anche per merito di molti iscritti, consiglieri comunali e attivisti che non finiscono mai sotto le luci della ribalta, che si danno da fare nei comuni e spesso dimostrano piu capacita e conoscenza dei loro dirigenti e eletti… ( es. Rosy Mauro onnipresente ma cosa fa questa oltre che apparire?!?!).

  7. Scritto da Valter Grossi

    Sono completamente ‘accordo e si poterbbe aggiungere che nella storia il Federalismo si sviluppa per unire, mettere insieme risorse, non per dividere!
    vedi voce del verbo federare

  8. Scritto da leghista???

    Condivido quanto scritto nella lettera: dai più alti vertici ai rappresentanti locali (qualche eccezione naturalmente) sono sempre più delusa da questo partito in cui credevo.

  9. Scritto da BallaMEN

    Consiglieri che si danno da fare? Come il Presidente del Consiglio regionale del Friuli, il leghista E. Ballaman che ha battuto tutti i record di prima e seconda repubblica nell’utilizzo di AutoBlu. COMPLIMENTI!
    Poveri attivisti leghisti e base leghista, costretti a subire per anni le p…. dei loro BALLAMEN dirigenti di partito che dando per 16 anni l’illusione del federalismo hanno firmato tutte le leggi proBerlusconi e si sono spartiti i soldi e poltrone pubbliche alla faccia degli elettori.

  10. Scritto da jack

    Il cambiamento era un sogno,un ideale che ormai è andato a farsi benedire,le persone purtroppo non le scelgono i militanti o tesserati,le scelgono i capi,di primarie non se ne parla neppure nella lega,anche se sono stati primi a farle,e in una valle di bergamo successe di tutto.Poltrone,se non sei espulso dal mediocre segretario provinciale di turno,un posticino te lo trovano(frosio roncalli)l’eco portava una notizia che formigoni l’aveva messa alle fs nord,in perfetto stile dc o cl fate voi.

  11. Scritto da jack

    Scusi,ma il signor belotti sta da 10 anni in regione lombardia,e comune di bergamo,nessuno e dico nessuno ricorda una sua iniziativa degna di nota poltica si intende,l’unico amore è l’atalanta ha fatto anche un libro.Non che i suoi colleghi a roma ci inondino di iniziative da farci girare la testa.Certo davanti al ministro si portano i tifosi,non quelli della indesit o di altre aziende in difficoltà,no si preoccupa della tessera del tifoso,siamo ormai alla frutta ma secca.

  12. Scritto da andrea

    In un paese normale un partito così sarebbe punito alla prima tornata elettorale. Invece i sondaggi lo danno in crescita. Evidentemente il problema sono gli allocchi elettori, non i furbi leghisti….