BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Io invece mi sento italiano e per fortuna lo sono”

Pubblichiamo la nota di Matteo Oriani, consigliere provinciale del Pdl, in merito alla bocciatura dell'inno di Mameli a Ponteranica.

Pubblichiamo la nota di Matteo Oriani, consigliere provinciale del Pdl, in merito alla bocciatura dell’inno di Mameli a Ponteranica.

Mi sento italiano

– perché l’Italia ha una grande storia lunga 2763 anni, dalla fondazione di Roma ad oggi. Una storia complessa iniziata con l’unificazione dell’intero territorio sotto Roma, proseguita con il grande Impero Romano, successivamente diventando il centro della cristianità, continuando attraverso l’Italia dei Comuni e delle Repubbliche marinare, il Rinascimento, per poi giungere al Risorgimento con l’unità nazionale, la prima guerra mondiale, il periodo buio del ventennio e della seconda guerra mondiale, la rinascita economica fino ai giorni nostri;

– perché gli italiani sono un grande popolo, indomito, pronto a ribellarsi agli oppressori, come dimostano Legnano, i moti risorgimentali, la spedizione dei mille, il sogno dell’irridentismo. Ed al contempo è un popolo generoso, sempre pronto ad aiutare il proprio simile, intervenendo ogni qual volta le emergenze lo richiedano, basti pensare alla grande rete costituita da tutte le associazioni di volontariato sparsa lungo tutta la nostra penisola o alla Protezione Civile nazionale, fiore all’occhiello della nostra Italia;

– perché siamo discendenti di Giotto, di Dante, di Petrarca, di Macchiavelli, di Leonardo Da Vinci, di Michelangelo, di Botticelli, di Tiziano, di Lorenzo Lotto, di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, di Torquato Tasso,del Canaletto, del Tiepolo, di Goldoni, di Foscolo, di Leopardi, di Manzoni, di Carducci, di Verga, di Quasimodo, di Montale, di Pascoli, di Ungaretti, di Sciascia, di Svevo, di Pirandello, di Levi, di Moravia, di Salgari, di Guareschi (solo per citarne alcuni);

– perché siamo discendenti dei mille garibaldini che hanno unificato la nostra nazione, dei moltissimi giovani dell’800 che si sacrificarono e combatterono per la libertà e l’unità nazionale, dei tantissimi italiani che hanno difeso i confini nazionali durante la prima guerra mondiale, dei tanti italiani che hanno combattuto sul fronte russo e in africa, morendo da eroi, dei martiri di Cefalonia, di tutti i soldati italiani dell’esercito di liberazione e dei tanti deportati nei campi di prigionia e sterminio;

– perché abbiamo una splendida nazione con montagne, mari, pianure, bellezze artistiche e naturali, le cui genti sono abituate alla fatica e al lavoro;

– perché nonostante i problemi, le divisioni, le differenze, le mentalità distanti, la differenza di ricchezza tra nord e sud, la criminalità organizzata, il debito pubblico, l’assistenzialismo, una classe politica spesso inadeguata, gli italiani sono e rimangono un grande popolo con un solo grave difetto: non amare e non essere fieri abbastanza e, fino in fondo, del proprio paese natio e delle sue immense bellezze, ricchezze e potenzialità;

– perché so di non essere il solo a sentirmi italiano e ad essere fiero di esserlo, ascoltando l’inno nazionale durante le celebrazioni del 4 novembre, del 2 giugno, all’adunata degli alpini, dei bersaglieri, dei carabinieri ed anche nei momenti tristi dei funerali di stato dei nostri soldati che, con grande spirito di sacrificio aiutando popolazioni straniere, cadono in nome della pace.

Per tutto questo e molto altro ancora IO MI SENTO ITALIANO e PER FORTUNA LO SONO

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da capretta

    https://www.bergamonews.it/politica/articolo.php?id=5629

  2. Scritto da Circolo IL TRICOLORE

    Grandissimo Matteo Oriani ! Italia : storia cultura e civiltà !
    Leghismo, beh lasciamo perdere va.

  3. Scritto da Mitteleuropei

    Fare riferimento al patrimonio genetico significa assumere un atteggiamento oggettivamente razzista. Ciò detto, riusciamo a fare un elenco preciso specifico e concreto di queste “cose in comune” con “i popoli d’oltralpe” che differenziano “noi” (noi chi? quali sono i confini della Padania genetica?) dagli altri italici? Così capiamo anche quali sono le “cose” in base alle quali i popoli si differenziano gli uni dagli altri: i geni? la letteratura? la filosofia? la storia? la gastronomia?

  4. Scritto da stobla87

    l’itaglia come la conosciamo oggi esiste da pochissimi anni e gli itagliani nonostante tutti gli sforzi non esistono ancora.
    Non esisteva l’itaglia dei comuni o delle repubbliche marinare,perche l’itaglia nacque molti anni dopo,piantamola con questa storia,non si pùò fare un risorgimento,quando non e’ mai sorto niente in precedenza.
    Sangue terrone ah ah ah! tutte le ricerche più recenti della cee affermano il contrario cara la mia terrona trapianta in gallia cisalpina.

  5. Scritto da Mariella

    @Stobla87: forse unione europea e non cee. Cmq mi indichi per cortesia esattamente le fonti che cita, dei link da consultare con queste ricerche sulle discendenze.

  6. Scritto da le recenti ricerche della cee

    Interessanti. Ce ne citi una paio che andiamo a leggere.
    Grz

  7. Scritto da Gianni

    Bravo Matte! Sei il miglior giovane della Pdl!
    Come si permettono di mandarti a correre?
    Replica.

  8. Scritto da stobla87

    Purtroppo al momento non ho sotto mano il libro di s.salvi che si intittola “l’italia non esiste”dove cita le ricerche e le fonti in questione.
    Una però me la ricordo,si chiamava “biologic history of european popolution” una ricerca della cee(così si chiamava all’epoca) di fine anni 90 che in sostanza dice che al nord soppravive incredibilmente l’etnia celtica,in toscana quella estruca e al sud quella greca,poi ci sono numerosi studi di scienzati che lo dimostrano da niceforo in poi.

  9. Scritto da stobla87

    Comunque vi consiglio il libro in questione se vi interessa!(anche se dubito)
    se volete altri titoli poi posso citarvi “Noi celti e Longobardi” di gualtiero ciola” “I celti in Italia” ecc . basta informarsi tutto qui.
    Anche gli americani quando arrivavano in nave dividevano gli “itagliani” in celti e iberici se non lo sapete!
    Informatevi poi sulla fondazione di molte città “padane”,informatevi sulla gallia cisalpina ecc ecc. basta discostarsi dalla solita storia(scritta dai vincitori)

  10. Scritto da Le recenti ricerche della cee

    Ah abbiamo capito, si legge la storia con la genetica. L’hanno gia’ fatto in tanti, i peggiori.

  11. Scritto da stobla87

    Nessuno vuole fare il nazista o vantarsi di essere superiore.
    Voglio dire solo che negare le radici celtiche del nord e’ ignoranza tutto qui,noi siamo stati colonizzati dai romani,come molti altri popoli del mondo,noi non siamo latini,siamo un popolo mittel-europeo e quindi legati a doppio filo con tutti i popoli d’oltralpe e con loro abbiamo molte più cose in comune che con moltri “nostri” connazionali.

  12. Scritto da stobla87

    Cavolo leggendo questo articolo,mi rendo conto che qualche fascista,con idee irridentiste esiste ancora a questo mondo.
    L’taglia esite da quasi 3000 anni ah ah ah ah ah!
    Questi parlano dell’itaglia che scoprì la luce con roma,per poi spegnersi fino al risorgimento,se abbiamo prodotto qualcosa,lo dobbiamo a tutti gli staterelli che c’erano sul “nostro” territorio.
    Itaglia dal 1861 una truffa legalizzata.

  13. Scritto da @4 Elisabetta

    Lo Stato per cui tu provi ribrezzo è quello che da 15 anni è governato dalla Lega. Ministro dell’interno compreso.

  14. Scritto da MaLo

    @ 4 Elisabetta, a cosa ti riferisci, agli ultrà atalantini? Quelli di sicuro non votano sinistra, ma al 99% lega

  15. Scritto da me

    @ 16 @ 14 concordo

  16. Scritto da Mariella

    @stobla87: da leghista leggi solo le prime righe? guarda che il riferimento storico è corretto, parte da Roma e cita anche l’Italia dei comuni e delle repubbliche marinare.
    A voi leghisti non piace la storia? Beh al trota no di sicuro visto quante volte lo hanno bocciato alla maturità! Comunque i popoli padani celtici non esistono più da 2400 anni! Probabilmente abbiamo tutti più sangue terrone di quanto vogliate ammettere cari padani!

  17. Scritto da Mariella

    @ me: ma sei d’accordo con il pidiellino o con il leghista? concordo con sbranina, please: è triste vedere gente che fa commenti sotto falso nome solo pr tirare acqua al proprio mulino

  18. Scritto da Se non italilano, tanto meno padano, forse al limite sloven

    Se esistano elementi per concludere di non sentirsi italiano (es. notare una differenza tra propria etica, comportamaenti e visione della societa’ e quelli della media (percepita) dei propri concittadini), io mi sentirei allora eventualmente tedesco o danese, certo non e tanto meno “padano”. La media da me percepita dei comportamenti di vari campioni di padani non e’ mai significativamente diversa da quella di altri campioni di italiani “non padani”. Sono cioe’ campioni della stessa popolazione

  19. Scritto da Elisabetta

    No..no..tranquilli….
    …Viviamo in uno stato dove 200 delinquenti si possono permettere di lanciare Molotov e Bombe Carta su donne e Bambini….
    …e dovremmo anche sentirci fieri di essere ita-liani?
    Fieri voi…io provo solo ribrezzo!

  20. Scritto da Pietro

    la mia portinaia invece cosa ne pernsa?!?

    chissenefrega di quello che pensa oriani….

    a proposito?!? chi è?

  21. Scritto da Tutti contro tutti ?

    Sorte-Oriani (1 & 2) . è nato un amore ?

  22. Scritto da Stefano di Cisano

    Oriani non è nuovo ad uscite antileghiste… è stato il primo esponente del PDL a criticare Pirovano per la bandiera provinciale in salsa verde e per altre iniziative a difesa della bandiera. E’ uno del PDL e si vede.
    Intervento un po’ retorico ma condivisibile. Avrei fatto a meno della precisazione. Ogni tanto quelli del PDL dovrebbero “suonarle” ai leghisti

  23. Scritto da desde fo

    NON CI DEVONO ESSERE PAESI CHE FANNO QUELLO CHE VOGLIONO. L’ITALIA E’ UNA E INDIVISIBILE. CHIARO, SEGHE NORD?

  24. Scritto da dilco

    La padania storicamente non esiste. Il termine è stato coniato dalla Sega

  25. Scritto da block

    @7 Oriali sa di essere italiano e non seghista.

  26. Scritto da Rossella

    Non capisco perchè non si può essere PDLlini, alleati dei leghisti, e pensare che è un onore essere Italiani. Quando sento l’inno di mameli porto la mano al cuore e canto. Lo feci con grande emozione anche quando a Buffalo, USA, facelo l’add stampa della nazionale under LNP, un’emozione più unica che rara. Nonostante il nostro patriottismo, aspetto con ansia il federalismo, almeno fiscale!

  27. Scritto da carmelo

    Meglio questo tono seppur retorico
    delle caccate leghiste.
    Meglio l’Italia in cui sono nato
    della Padania degli arraffoni leghisti
    Meglio mio nonno Cavaliere di Vittorio Veneto
    di quel Caravaggino bi-poltrona

  28. Scritto da toro verde

    caro Matteo vista la tua mole non puoi che essere Italiano.

  29. Scritto da PADANO 64

    SVENTOLA LA MIA BANDIERA,E’ BIANCA E VERDE,HAI COLORI DELLA PRIMAVERA,MA IL MIO CUORE PIANGE,LA MIA TERRA E’ PRIGIONIERA DI GENTE VILE E MENZONIERA.
    LA PADANIA E’ SOFFOCATA ,VA IN CIELO UNA PREGHIERA: UOMINI LIBERI,LA PADANIA SI STA’ RISVEGLIANDO,LA STAN DIFENDENDO,LA STAN LIBERANDO.
    ALZATEVI,ASCOLTATELI,LORO SI AMANO QUESTA TERRA,CON LORO SARA’ LIBERA E BELLA.
    LA MIA BANDIERA,SI HA I COLORI DELLA PRIMAVERA.
    ORA IL MIO CUORE HA UNA SPERANZA,LA LIBERTA’ AVANZA
    10-100-100-1000-10.000 MINETTI

  30. Scritto da Maurizio(falso)

    l’itaglia dopo 2763 anni (roba da matti questa, neanche i fanatici come Mameli erano arrivati a tanto) è lì piena di crepe da tutte le parti.Con questi chiari di luna e con gli aumenti odierni dell’autostrada solo da roma in su , democraticamente,la vedo nera,nerissima per l’itaglia

  31. Scritto da PIDIELLINO DELUSO

    IERI SERA AL CONSIGLIO, IO C’ERO,FRANCAMENTE,DEVO RICONOSCERE,CHE LA “PRIMA DONNA”ORIANI, SI E’ RESA RIDICOLA,E NON POCO,RISPETTO A CHI HA’ VOTATO IL SUO SIMBOLO (E NON LUI).L’ASSESSORE LUCA TIRONI,INOLTRE (FINALMENTE) E’ RIUSCITO A FAR CAPIRE(SE MAI C’ERA BISOGNO) DI CHE PASTA E’ FATTO.
    ORIANI,LO SHOW E’ FINITO,RICONSEGNA LA TESSERA DEL PDL,E DATTI ALL’IPPICA,E BASTA CON QUESTE CA…TE,IL POPOLO DELLA LIBERTA’,E’ TUTT’ALTRA COSA,……VISTO CHE NON SEI DI “PRIMO PELO” ! W MINETTI

  32. Scritto da Sbranina , please

    Pidiellino deluso e padano 64 se scrivi sempre maiuscolo , oltre che essere maleducato, fai capire a tutti che sei la stessa persona. Desciules.

  33. Scritto da Matteo Oriani

    Ritengo doveroso precisare che la mia presa di posizione non è contro la lega o contro Minetti. Minetti ieri sera ha espresso la sua opinione, nulla di nuovo, si sente padano e porta avanti la bandiera leghista. Non è un segreto questo ne una novità, è il suo pensiero ed è libero di esprimerlo.
    Come lui è libero di avanzare dubbi sul senso di identità nazionale, ho ritenuto giusto esprimere il perchè mi sento fieramente italiano. Sono opinioni differenti che vanno rispettate.

  34. Scritto da Alessandro Sorte

    Oriani vai a correre invece che a precisare!

    Credimi…ti è molto ma moltp piu’ utile!

  35. Scritto da rf

    Già è retorica pura il pezzo, ma il commento in puro stile democristiano ce lo poteva risparmiare…