BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Psycho Mike, il bergamasco campione di wrestling fotogallery

Il 32enne nato e cresciuto in Val Brembana fino ai 7 anni, ora vive a Vicenza dopo aver girato mezzo mondo: "Il posto migliore ?? dove sei nato".

Più informazioni su

Da 12 anni vive a Vicenza dopo aver girato mezzo mondo. È nato a Bergamo, cresciuto in Asia fra Singapore, Thailandia e a Indonesia. Ha studiato in Spagna, Australia e Inghilterra. E si allena nella lotta libera in Canada, Messico e Stati Uniti.
È Psycho Mike, all’anagrafe Mike Raho, 32 anni a dicembre, lottatore di wrestling vicentino d’adozione che a Torrebelvicino vicino a Schio ha fondato la sua "Tana delle tigri", una scuola di wrestling che ha aperto i battenti lo scorso autunno.
Spesso passa l’estate in giro per il mondo a prendere mazzate per allenarsi e aumentare il livello tecnico di salti dalle corde, calci volanti e schienamenti al tappeto, confrontandosi con professionisti della disciplina che si possono incontrare solo all’estero: «Negli ultimi anni in estate spesso sono sono stato negli Stati Uniti e in Canada per allenarmi con i campioni del catch, la disciplina simile al wrestling dove però c’è solo lotta e zero spettacolo – spiega -. Non ci sono le coreografie e i costumi di scena che si vedono normalmente nel wrestling in televisione, ma contano solo tecnica e forza fisica. In pratica il catch è il wrestling delle origini e io sono l’atleta in Europa che ha raggiunto il livello più alto, e così ogni anno in estate vado a imparare tecniche nuove. E ogni volta che parto per questi stage estivi, torno distrutto perché lotto con professionisti che girano il mondo e mica scherzano, ti spaccano le ossa».
In estate spesso Psycho Mike si esibisce anche in incontri estivi nelle località turistiche: «Cerco di far coincidere le mie vacanze con gli spettacoli – sottolinea -. Così tra un incontro e l’altro posso riposarmi in spiaggia. E poi non mi piace stare in vacanza senza fare niente». Ma non bastano le vacanze ad alto tasso di adrenalina che trascorre come lottatore di wrestling, fra allenamenti e incontri massacranti.
Mike Raho, infatti, nella vita gestisce un’agenzia turistica. E anche nel lavoro le scelte non sono nella norma: «Con la mia agenzia organizziamo in particolare vacanze avventurose, anche se chiamarle vacanze è un po’ una forzatura – spiega -. L’anno scorso abbiamo collaborato all’organizzazione di un rally in Sud America e per la prossima estate stiamo mettendo in piedi un tour avventura che chiameremo "alla ricerca dei cacciatori di teste". Si partirà dal Borneo dove c’erano una volta le tribù di cacciatori di teste, e si arriverà in Papua Guinea dove quelle tribù ci sono ancora. Naturalmente sono tour che richiedono un certo grado di preparazione, non accessibili a tutti, anche perché i costi sono alti e di norma servono sponsor. Forse il format diventerà un reality per la tv italiana, ci stiamo lavorando».
Metà del suo tempo lo passa a lottare sui ring italiani e ad apprendere tecniche di wrestling e catch in tutto il mondo. Nell’altra metà della sua vita organizza tour estremi in giro per il mondo.
Ma chi pensa che la sua estate più bella sia stata in qualche giungla a lottare con i serpenti o su una montagna a sfidare le intemperie, o magari su un ring a battersi con qualche lottatore americano o giapponese, si sbaglia di grosso.
«Se devo essere sincero – spiega – la più bella della mia vita è stata due anni fa, la prima volta in vacanza da solo con mia figlia di tre anni in montagna nelle valli vicino a Bergamo dove sono nato e ho vissuto fino a quando ho compiuto sette anni, prima di trasferirmi in Asia; eravamo a Piazzatone in Val Brembana. Io, mia figlia, le passeggiate in mezzo alla natura ed al silenzio delle valli bergamasche, dove andavo in vacanza da bambino con la mia famiglia, per dieci giorni. Quando vedi un po’ tutto il mondo, il posto migliore diventa casa tua, dove sei nato e dove hai le tue radici. E poi, finalmente, un po’ di tranquillità. Ci voleva proprio».

(da il giornaledivicenza)

GUARDA IL VIDEO DI PSYCHO MIKE SUL RING

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Filippo

    Ho avuto il piacere di conoscere Mike l’anno scorso, anche se per un periodo abbastanza brave. Per quanto mi riguarda è un’ottima persona, si vede che gradisce molto quella che fa.
    E, si sa, le cose che riescono meglio sono proprio quelle che si apprezzano di più.