BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Centralini delle questure disabilitati per le telefonate all’estero

Il sindacato di Polizia Coisp denuncia la progressiva disabilitazione dei centralini di questure e prefetture per le chiamate all'estero. In crisi gli uffici stranieri e le stradali

Più informazioni su

Il sindacato di Polizia COISP · Coordinamento per l’indipendenza sindacale delle forze di polizia – lancia l’allarme: le questure non potranno più effettuare chiamate all’estero.
«Paradossale, inverosimile, kafkiano – commenta Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – Sono questi gli aggettivi che ci vengono in mente quando pensiamo ad alcune decisioni che vengono assunte dall’amministrazione centrale quando si tratta della gestione quotidiana di alcune Prefetture e Questure».
Stando alla denuncia fatta dal Coisp per il momento il fatto si è verificato in qualche Questura, ma la disabilitazione delle telefonate all’estero in partenza dai centralini degli Uffici verrà estesa a breve a tutte le Prefetture e Questure d’Italia. «Gli uffici immigrazione – dice Franco Maccari – ovviamente sono già in crisi per il fatto di non poter più chiamare le varie ambasciate e la Polizia Stradale non riesce più a comunicare o mandare fax alle varie ditte di trasporti estere che quotidianamente vengono interessate da verbali con fermo di veicoli pesanti ecc. ecc».
 
«Noi non sappiamo quale mente eccelsa abbia partorito questa decisione – dice ancora il Segretario Generale del Coisp – e onestamente abbiamo consigliato ai colleghi di iniziare ad attrezzarsi con piccioni viaggiatori, segnali di fumo e quant’altro. Ma fuor di battuta – continua Maccari – restiamo sempre più sconcertati dalla leggerezza con cui la questione sicurezza viene affrontata a livello centrale. E resta sempre più senza risposta la nostra domanda fatta da cittadini prima e da Poliziotti dopo. Chi dovrà garantire e con quali mezzi la sicurezza dell’intera comunità? Visto che questa passa dalle decisioni assurde di un Governo che sembra giocare al gioco delle tre scimmiette sul comò, non vedo, non sento e non parlo».
 
«Il problema di questo Governo – conclude Franco Maccari – è che non solo i suoi rappresentanti non vedono, non sentono e non parlano, ma pretenderebbero che anche gli altri non vedessero, non parlassero e non sentissero. Ci spiace, ma al Coisp questo gioco non piace quindi non solo denunceremo quel che vediamo e sentiamo ma, più che parlare, continueremo ad urlare a gran voce il disagio degli Operatori delle Forze di Polizia che è anche il disagio dell’intera comunità».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.