BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il sindaco Gandolfi querela l’ex vice Pedretti

Dopo le dichiarazioni dell'esponente leghista sulla querelle sui contributi alla Festa della Birra e sul siluramento dell'assessore Trabucchi. La replica di Pedretti.

Più informazioni su

Il sindaco di Curno Angelo Gandolfi annuncia di aver querelato, il 23 agosto, Roberto Pedretti, l’esponente leghista ex vicesindaco ed assessore a cui tolse le deleghe nell’ottobre dell’anno scorso.
Spiega il primo cittadino: "Faccio presente che con riferimento al contributo alla ‘Festa della Birra’
di Curno, erogato dall’ex assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili secondo modalità almeno politicamente discutibili e a mia insaputa – ero in Corea e nessuno mi aveva informato in merito – ragioni per cui l’Assessore è stata destituita, Roberto Pedretti affermava in un virgolettato apparso sull’Eco di Bergamo del 20 agosto: ‘E’ chiaro che non crediamo né alla buona fede dell’ex assessore Sara Trabucchi né alla Giunta che ha approvato due delibere sulla festa della birra con tutte le complicazioni che si sono create…’. Poiché ho ritenuto le dichiarazioni – rese dal consigliere regionale lombardo, nonché consigliere comunale di Curno per la Lega Nord, sig. geom. Roberto Pedretti – lesive del mio onore e della mia dignità personale, parendomi di rilevare in esse che si metta gravemente in dubbio la sincerità e trasparenza del mio comportamento pubblico, ho sporto querela presso la Legione dei Carabinieri di Lombardia, stazione di Via della Moscova, a Milano, dove mi trovavo allora per lavoro. Ovviamente, mi atterrò alle risultanze delle valutazioni del magistrato riguardo alla fondatezza delle mie annuali ed ennesime rimostranze".
Il sindaco Gandolfi conclude dichiarando che vuole divulgare la propria decisione e la propria risposta "per evitare che il lavoro dell’Amministrazione continui ad essere turbato da sempre nuove iniziative del sig. geom. Roberto Pedretti, che ci obbligano a trovare sempre nuove risposte. Tali iniziative, infatti, reiterate e dosate in funzione di destabilizzazione di questa Amministrazione, obiettivamente appesantiscono il clima politico a Curno, logorano le nostre (modeste) forze e ritardano l’iter amministrativo".

Dal canto suo Roberto Pedretti liquida la vicenda con una battuta: "Il sindaco per denunciarmi è andato dai carabinieri di Milano. E dire che di fronte al municipio di Curno c’è la caserma. Speriamo che non chieda l’indennità di missione". 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Per Curno

    1° il sindaco toglie le deleghe a Pedretti per il caso moschea
    2° Corti (FI) non vota il bilancio perchè ritiene la giunta incapace di programmare
    3° Maini (PDL) rassegna le dimissioni da assessore al bilancio
    4° Carrara (AN) si dimette da assessore allo sport e più tardi rientrerà
    5° Trabucchi (PDL) viene dimissionata
    Curno è senza il CV1, senza biblioteca, senza scuole decenti, senza auditorium. Il verde è un immondezzaio; le strade dissestate. Con Gandolfi & C.Curno è arretrata.

  2. Scritto da Giuli

    Riassumendo le affermazioni contenute nei pest precedenti, mi sembra di poter trarre una conclusione unica: Gandolfi non è adatto a fare il Sindaco di Curno! Poi però mi sorge un dubbio, i problemi provengono sempre dai membri od ex membri della Giunta, le certezze e dunque le esternazioni virgolettate provengono dai Consiglieri.
    Quindi la mia conclusione precedente risulta affrettata, non sarà che sia l’intera classe politica di Curno ad essere inadeguata anche alla luce di tutti i problemi …

  3. Scritto da Giuli

    … di tutti i problemi che derivano da un ventennio di megalomania ed scarsa capacità che certamente non ne hanno favorito lo sviluppo? eppure Gandolfi allora non c’era! Quanto detto è suffragato anche da #39 che però evita di porsi la domanda fondamentale: senza Gandolfi Curno sarebbe una fiorente cittadina o invece sarebbe stata portata nel baratro dalle scriteriate iniziative che lui stesso elenca e la sinistra assente che nella sua gestione ha aggravato i bilanci l’ha rilanciata?

  4. Scritto da Per Curno

    ….Nottetempo, saremo a settembre e presto riapriranno le scuole. E, quando penso allo stato in cui si ritrovano le scuole in costruzione e quelle frequentate dai nostri bambini, sistemati in aule di cartongesso, come fossero dei reduci di uno tsunami, mi si stringe il cuore. Organizziamo una manifestazione di protesta?

  5. Scritto da elia il modello

    al 32= caro Aristide, ciò che si interpetra, a me sembra la resa, la campana suona da morto, eppure io lo dissi che settembre si avvicinava, e che iniziavano a cadere le foglie, be che il Gandolfiera parta, con lei dentro si intende ,ed anche i suoi 2 fedelissimi; destinazione, il +++++++ lontano possibile da CURNO, a che si prenda tutto le sue colpe, senza scaricarle ad altrui, visto che ha sempre detto che il Sindaco era lui. buon VIAGGIO GANDOLFIREA.

  6. Scritto da Lallo91bis

    Fossi nel sindaco leggendo quel che si scrive di lui, scapperei a gambe levate in Corea!. Propongo Aristide come commissario del PDL curnese.

  7. Scritto da Aristide

    Credo che in #34 s’interpreti male. Posso fornire la mia versione? Ci sono cinque buone ragioni per affermare che Pedretti versa in cattive acque. Altre se ne presenteranno. Alla prossima riunione di Consiglio, per il bene della Lega, sarebbe opportuno che si facesse vivo con in mano il foglio delle dimissioni da consigliere, con tanto di firma e data. Il Pdl, dopo la destituzione della Trabucchi, dovrà “rifondarsi” a Curno, tenendo conto della realtà politica effettuale, e di nient’altro.

  8. Scritto da Un sempliciotto

    # 36 ieri erano 4 buone ragioni, oggi sono 5 domani forse 6.
    Le dispiace essere più chiaro? Non è questione di latino o paroloni. A cosa si riferisce? Sa, per lei saremo dei poveri ignoranti, ma ci piace capire le cose. Le spiace, per una volta, essere chiaro? E poi, se sa tutto e vede nella sfera di cristallo, quando sarà sto consiglio, è tutta l’estate che slitta.
    Poi sul Pedretti. per come è andata alle regionali (per lei non doveva candidarsi e ora è in regione) come astrologo vale pochino

  9. Scritto da Aristide

    Il Pdl tacque quando la sinistra attaccò Gandolfi sull’affaire Botta, innescato da altri e disinnescato dallo stesso Gandolfi: il sindaco si difese pubblicando a sue spese Schiaccianoccioline, 1. Il Pdl tacque al tempo del tentato blitz alla moschea: il sindaco chiarì i fatti pubblicando a sue spese Schiaccianoccioline, 2. Il Pdl tace adesso: quale meraviglia? Corti ha le sue responsabilità, essendo stato contiguo a Pedretti. Urge commissariamento della sede locale del Pdl.

  10. Scritto da uno che sa

    Aristide (Claudio Piga) scrive, “Il Pdl tacque quando la sinistra attaccò Gandolfi sull’affaire Botta” ma se fù il Sindaco in primis a spronare l’imprenditore per portare un progettista di fama internazionale a curno, e si recò personalmente a Lugano presso lo studio Botta per seguire da vicino il Progetto…..tra qualche giorno manderemo le foto al giornale che provano quello che ho scritto, a presto

  11. Scritto da curnicolo

    Per il post di aristide…ma che c’entr Corti, mi pare sia stella ic capo del PDL a Curno. Almeno cosi’ era. Lei quindi propone di commissariare Stella?

  12. Scritto da Aristide

    Per #23: Stella ha le sue responsabilità. Corti pure: nella seduta di Consiglio del 29 dicembre 2009, al termine della lettura — da parte del sindaco — della deposizione di Lamagna, quella che inchiodava Pedretti alle sue responsabilità di oltraggiatore dell’art. 18 dei Diritti universali dell’Uomo, echeggiava la voce di Corti: “Basta qui, finiamola!”. Dovrebbe risulare dall’ascolto delle registrazioni della seduta del Consiglio. Dunque Corti non può ambire al ruolo di “parte sana” del Pdl.

  13. Scritto da germano

    # 23, confermo, Stella è il Coordinatore, marito della Salvi ex assessore provinciale che dicono si voglia candidare sinadaco a Curno e genero del Salvi assessore, l’ho letto un paio di mesi fa mi pare proprio su BG news. Tutti di stretta osservanza Pagnoncelliana, quella decapitata lo scorso anno per disposizioni nazionali. Ch’io sappia il Corti non è mai stato Coordinatore del circolo ma solo capogruppo. chiià cosa vuol dire il #22.

  14. Scritto da Aristide

    A # 25: rispondevo a Curnicolo che in #20 affermava che esiste «una parte sana dell’amministrazione comunale, un pezzo del PDL che fa capo a Fausto Corti». Nel commissariamento, assolutamente necessario nell’interesse del Pdl, beninteso, si dovrebbe tenere conto degli errori commessi da Stella, ma anche di quelli commessi, in Consiglio, da Corti. Il commissario dovrebbe essere all’altezza delle aspettative della Curno urbana e tenere conto della caratura morale e intellettuale del sindaco.

  15. Scritto da raid

    seguendo il discorso di Aristide:
    il PDL ha le sue responsabilità sia in Corti, capogruppo e saffiottiano, sia in Stella coordinatore e pagnoncelliano, non parliamo della Lega, (Pedretti e la Leidi), e delle opposizioni, resta solo il sindaco, a fare egregiamente il suo lavoro…
    Com’era quel vecchio spot: prima la testa, poi la coda, resta solo il cuore del distillato.
    E se facesse qualche domanda in giro per Curno? così, per vedere come la pensa la gente del paese.

  16. Scritto da Aristide

    No, rimane il gruppo consiliare di maggioranza che nello sbando dei partiti ha tutto l’interesse a smarcarsi da personaggi che pretendono di essere i cardinali Alberoni, Richelieu e Mazzarino. Ma non sono mai andati in seminario, cioè non hanno studiato. Il gruppo consiliare di maggioranza si riallinea alle posizioni della lista “Gandolfi per Curno”, i partiti si rimodulano sulla realtà di una Curno affrancata dalle ipoteche della famiglia imperiale e di Pedretti, scheggia impazzita della Lega.

  17. Scritto da pizza per cena?

    Seguo # 29 per capire qunta sia la maggioranza in consiglio.
    I consiglieri comunali sono 17 in tutto.
    Togli le minoranze (5) e siamo a 12
    Togli il duo leghista e siamo a 10
    Togli il Corti (responsabile pure lui, anche se non so di che) e siamo a 9
    E la Trabucchi? se si scoccia e vota no fine della maggioranza.
    In ogni caso basta un raffreddore o qualcuno in ferie e tutto si ferma. Infatti da un paio di mesi niente consigli comunali. E chi lavora?
    Nessuno. A chi conviene? A nessuno. Conclusioni?

  18. Scritto da elia il monello

    Il numero 27 è … imbarazzante. mah.
    Aristide chiede che venga commissariato il circolo PDL di Curno e che si scelga un commissario degno moralmente ed intellettualmente, del sindaco. Prima di tutto a che partito crede di rivolgersi? Secondo come si dice a Curno chi che gà nisù antadur i se anta de per lur. voli basso che se si deve allinealre al livello del sindaco come commissario sarebbe già troppo Aldo Biscardi.

  19. Scritto da Aristide

    Io sono un tafanatore, mico faccio i calcoli prima di parlare. Amicus Plato, magis amica veritas. Que sera, sera. Chi ha detto che bisogna a tutti costi rimanere in sella, anche con disonore, anche paralizzati dai ricatti, dai rancori, dalle paturnie, dalle vendette di questo o di quella? Se questa amministrazione deve cadere, almeno cade con onore. Voglio dire, con l’onore del sindaco, e il disonore dei rancorosi, dei vindici ecc.

  20. Scritto da UNO DI CURNO.

    povero Gandolfi, ormai non è alla frutta, come dicasi, ma è alla fine, si sta arrampicando sugli specchi!! no, peggio, lui fa scrivere sempre dal suo pagatore ben pagato dai cittadini di Curno, Aristide, in aiax Claudio Piga, ma bravo Sindaco sinceramente mi permetta: con tutti i Sindaci che ci sono sul territorio bergamasco, lei caro Gandolfi, è una Vergogna verso tutti i Sindaci. si consulti con qualche Sindaco magari,qualche buon consiglio, lo darebbe!!!!

  21. Scritto da Roberto Pedretti

    Per Sig. Pino (post 13) il sig. Gandolfi non è della Lega Nord. Non lo è mai stato.

  22. Scritto da Chi paga?

    Paga lui o paga il comune la causa?

  23. Scritto da curnicolo

    Mi dicono esistere una parte sana dell’amministrazione comunale, un pezzo del PDL che fa capo a Fausto Corti. Che dice di questa deriva denunciataria del Sindaco? Dal punto di vista personale il sindaco è chiaro quello che fa, si toglie sassolini dalle scarpe denunciando e seminando ostacoli ai suoi avversari, tanto a lui che gli frega? Politicamente che succede? al PDL di Curno e provinciale va sempre bene tutto quello che fa il Sindaco?

  24. Scritto da marco

    la lega si dimostra solo assatanata di potere e soldi dei cittadini non gli e ne frega un….
    dopo aver fatto fallire san giovanni bianco dopo 15 anni di amministrazioni leghiste le prossime a fallire saranno provincia e l italia
    grazie lega
    aggiungo non parliamo di parentele e clientelalismo siete peggio di mastella

  25. Scritto da paolo

    Caro Signor Sindaco faccia pure tutte le denunce che vuole però non giustifichi il fatto che a curno non si fa nulla per colpa di Pedretti il fatto è che lei usa Pedretti come capo espiatorio per il suo far nulla giustifica ogni sua azione colpevolizando Pedretti

  26. Scritto da uno che vota PdL

    Ma il PdL a cui ho dato il voto cosa sta facendo ?

  27. Scritto da scritto da TEX

    ma povero Sindaco, invece di denunciare chiarisca il tutto hai suoi CITTADINI, che ne anno il pieno diritto visto che è stato eletto x amministare la cittadinanza CURNE, le denunce se le faccia e se le paghi di tasca propia, le sue beghe se le gestisca in propio.

  28. Scritto da uno di noi

    Mi dispiace, caro Sindaco, non si fa politica e non si amministra un paese a colpi di denunce, specie se immotivate. Si cerca di mettere il bavaglio al diritto di esprimere il proprio pensiero e si vuole innanzi tutto colpire un esponente di maggioranza che non sopporta più l’incapacità di una persona la quale, anziché portare avanti il suo programma elettorale, non fa altro che seminare zizzania all’interno del gruppo che lo sostiene. Qui mi fermo sperando a mia volta di non essere querelato.

  29. Scritto da Fabio

    Caro sindaco, la dovremmo denunciare noi cittadini di Curno per tutto quello che sta..o meglio NON sta facendo!!!
    Pensavo che la vecchia amministrazione fosse un disastro, ma da quando “governate” VOI……….no comment.
    Grazie mille
    Vada avanti così

  30. Scritto da mickaijl ilarionovic

    Primo.. L’ignoranza non è ammessa dalla legge italiana. Se nello statuto c’è scritto che il segretario dell’associazione si chiama Marika Trabucchi di chi deve essere parente? della Morelli? I documenti si leggono..Secondo, in giunta c’era il vice sindaco (che ci sta a fare sennò, numero?) e, tranne G. Locatelli, gli altri assessori più il segretario comunale. terzo nella giunta che ha deciso la proroga il sindaco c’era e ha votato sì. Ma guarda un pochino penso male anch’io

  31. Scritto da la redazione

    I lettori che vogliono commentare sono invitati a moderare i toni. E, se possibile, anche a non perdersi in unitili ping pong personali che al resto dei lettori risultano stucchevoli. Grazie

  32. Scritto da tranquillo e pacato

    si ragiona si ragiona. sempre in modo pacato e gentile. Grazie Redazione.
    La proroga dice il #10 serviva a rientrare dal contributo. Bene, si rientra o no? Ho letto da qualche parte che qualcuno della Brave Generation sarebbe stato disposto a rifondere il contributo in caso di festa in attivo. Visto che si è trattato di un pasticciaccio brutto non sarebbe meglio rifondere in ogni caso?

  33. Scritto da Cittadino Curnese

    ….non penso sia Pedretti a rallentare il lavoro di questa amministrazione comunale, credo che questa amministrazione sia incapace di Amministrare, che abbia troppi problemi al suo interno, troppi tecnici che se ne fregano dei cittadini e della cosa pubblica..!!! Tutti a casa….al piu’ presto….!!!! Speriamo che questi non facciano il Pgt altrimenti noi e i nostri figli saremo rovinati..!!!! Loro un po’ meno…!!!

  34. Scritto da Pino

    Sono entrambi leghisti e cosa vi potevate aspettare..? Lega Ladrona pensa solo alla poltrona.

  35. Scritto da corniolo

    n° 12… dici che in tutto questo casino i nostri eccellenti amministratori sotto sotto stiano lavorando sodo al piano di Governo del Terrototio? insomma, per dirla con una vecchia frase di sbardella (vecchia DC romana): Er programma? E’ de magnà fino alla prossima glaciazione..
    Non so, mi sembrano troppo incasinati, vedremo..

  36. Scritto da TEX

    Senza disturbare la “sensibilità” del sindaco Gandolfi, mi sembra che il Consigliere Pedretti abbia solo fatto il dovere di CONSIGLIERE COMUNALE, se però il sindaco ritiene offensiva qualsiasi sua dichiarazione faccia le dovute denunce sperando che i Magistrati le “boccino “in partenza.

  37. Scritto da spettatore impietosito

    Ma per cosa ha denunciato? Da quanto leggo perchè il Pedretti mette in dubbio la sua suona fede. E che è, un reato dubitare di qualcuno? Non lo sapevo!!
    Mi pare però che il sindaco deplorasse gravemente il ricorrere a denucie, mi hanno riferito che parlava di odioso stridore di pennini denunciatori. Siamo alle solite, tutto bene sino a che le cose non riguardano Lui (maiuscolo, sennò ci scappa la denunzia). E chi paga le spese legali? Noi poveri curnensi?