BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Basta scorribande armate dei cacciatori in terre private”

Un lettore si chiede come sia possibile che esista ancora la caccia, con palesi violazioni del diritto di proprietà.

Più informazioni su

Egregio Direttore,
come altre milioni di persone dimoranti nel nostro bello e stravagante paese, mi chiedo come sia possibile che nell’anno 2010 D.C. lo stato Italiano permetta che si eserciti ancora la caccia, nei modi e nei termini usati attualmente.
Da migliaia di anni l’uomo è cacciatore, ma solo da alcuni decenni ha trasformato una necessità vitale per la sopravvivenza stessa della nostra bizzarra razza in un tragico gioco al massacro indiscriminato di parecchie specie animali, alcune delle quali pericolosamente vicine all’estinzione.
Il problema maggiore procurato dagli abili cecchini nostrani è che si intrufolano impuniti nelle proprietà altrui, danneggiando ed addirittura intimorendo i pacifici proprietari stessi.
Per esempio, sabato 21 Agosto in simpatica e gioviale compagnia abbiamo raggiunto verso sera l’ameno villaggio montano di Fonteno per trascorrere la serata e la nottata ospiti nella dimora montana di amici comuni, situata in un’angolo di paradiso totalmente circondata dai monti e posta all’interno di una fitta boscaglia.
Dopo la rustica cena ci coricammo tutti augurandoci una serena notte ed un dolce risveglio.
La notte trascorse veramente serena ma il risveglio fu piuttosto brusco ed inverosimile, per il fatto che verso le 6.45 fummo tutti svegliati dalle urla gutturali e selvagge in Bergamasco antico, i latrati dei cani ed incredibilmente dal suono cupo del corno.
Affacciandomi alla finestrella della magione vidi a pochi metri dalle mura tre personaggi splendidamente addobbati in circensi abiti maculati che stavano tentando di dialogare, come San Francesco d’Assisi, con quattro segugi che, giustamente annoiati, non ne volevano assolutamente sapere di obbedire ai noiosi, strampalati ed urlanti padroni.
Dopo breve l’amico padrone di casa uscì, SULLA SUA PROPRIETA’, per affrontare stoicamente i tre novelli Paci Paciana,
ma dopo poco dovette battere ignominiosamente in ritirata per il fatto che i tre mariuoli non solo non si erano scusati per l’intrusione maldestra, ma proseguivano imperterriti ad urlare incitando i cani, senza guinzaglio, al suono del corno contro il povero padrone di casa, contornando il tutto con risate animalesche.
Rientrando goffamente nella ridotta casalinga il pover’uomo prese a narrare, imbarazzato per la meschina figuraccia, che i tre figuri stavano insegnando ai cani a riconoscere "il LORO territorio" in vista della prossima apertura della caccia e che ormai da tempo la convivenza civile coi prepotenti cacciatori era praticamente impossibile e malgrado la vasta proprietà, circa quattro ettari, fosse quasi tutta recintata e cosparsa da appositi cartelli, le intrusioni si facevano sempre più ardite e minacciose e che tristemente da anni durante tutto il lungo periodo venatorio nessuno dei proprietari si avventurava nella propria casa, inoltre il discutere in un posto isolato con degli sconosciuti LEGALMENTE armati, con cani ringhianti al seguito, non è mossa ne saggia ne consigliabile.
Questo piccolo e recente episodio rende l’idea di cosa devono sopportare e subire passivamente le migliaia di famiglie residenti in zone limitrofe ad aree di caccia, senza contare i danni provocati dai cani che rompono, mordono, orinano e defecano ovunque, senza tener conto dei gravissimi danni ambientali causati dallo spargere ANNUALMENTE nell’ambiente TONNELLATE di piombo, che inevitabilmente raggiunge le già precarie e scarse falde acquifere.
Inoltre non si capisce con che inalienabile diritto gli impavidi cacciatori entrino, non graditi, gagliardamente sulle proprietà altrui, seminando morte e rovina al loro trionfale passaggio, anzi tutte le pittoresche e sagaci logge venatorie insistono sfacciatamente nel predicare che la caccia ed i cacciatori amano, tutelano e rispettano l’ambiente !!
Nessuno vieta agli eroici cacciatori il loro giusto, infantile e sano divertimento, ma lo facciano in Africa affrontando solo armati di una lancia un leone affamato, almeno il divertimento è reciproco.
Ma il coraggio i nostri feroci miliziani lo dimostrano solamente uccidendo fringuelli e piccioni con degli archibugi in grado di abbattere un’elefante in corsa ed anche queste facili uccisioni vengono fatte a distanza di sicurezza dai feroci rapaci.
Nell’imminenza dell’apertura di una nuova nefasta stagione venatoria, suggerirei umilmente a Bergamonews di proporre ai suoi attenti lettori un sondaggio sulla caccia, coinvolgendo se possibile altre testate giornalistiche nazionali, in modo da rendere partecipi le nobili associazioni ambientaliste che il momento è propizio per chiedere un nuovo e definitivo referendum popolare in merito, ma stavolta proposto agli Italiani in modo chiaro e semplice e non pasticciato, ingannevole ed accorpato ad altri quesiti creati ad arte per confondere gli elettori.
Distinti saluti
Bertana da Barbariga
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da uomo stanco di bertana

    per @36
    Lavoro più di te sicuramente: dimenticavo; a casa mia ho consumato lo zerbino, se sei senza lavoro……………………..

  2. Scritto da Stanco di BERTANA

    PER BETTY E @ 40
    L’invito fatto al DOTTO Bertana vale anche per voi ….fringuelli cinguettanti.

  3. Scritto da per @ 42 uomo stanco

    Al solito, prepotenti coi deboli e zerbini coi potenti.

  4. Scritto da daniela

    Ciò che qui viene descritto è soltanto uno dei tanti esempi che “l’etica venatoria” impone a chi vive in campagna. Questi episodi sono molto più frequenti di quanto si possa pensare… e non si limitano solo a questo. Sono sempre di più le persone che denunciano situazioni intollerabili di reale pericolo per l’incolumità non solo a causa di un uso imprudente delle armi a distanze ravvicinate, ma anche episodi di aggressività e bullismo che non sempre sfociano in toni civili…

  5. Scritto da Bertana da Barbariga.

    Per motivi strettamente PERSONALI non posso intervenire, posso solo dire che non tollerando le più rutilanti e strampalate prediche non frequento le chiese di rito cattolico, cioè……………
    Addio.

  6. Scritto da CRISTIANO

    ABOLIRE LA CACCIA E I CACCIATORI YESSSSSSSSSSS

  7. Scritto da betty

    Brava bertana da barbariga manda tutti i codardi cacciatori nel posto dove meritano……………ognuno è libero di pensare dove.

  8. Scritto da per @ 36 uomo stanco

    Andassi a lavorare non saresti cosi stanco e villano.
    Il canto stupendo dei tuoi richiami servono solo per ammazzare altri innocui uccellini.
    Vai a vivere nel tuo capanno con i tuoi amanti cacciatori mi dispiace solo per i cani, povere bestie vivere con voi non deve essere proprio una bella vita.

  9. Scritto da Stanco di Bertana

    Al dotto bertana un invito ad una giornata al mio capanno di caccia dove ti mostrero’ la collezione di farfalle del deserto,poi di faro’ ascoltare il canto stupendo dei miei richiami ed infine potremmo trovarci con i proprietari dei cani con i loro corni e a questo punto farti suonare il corno nel………………ognuno è libero di pensare dove.

  10. Scritto da Pullu

    Per ultimo Le chiedo di citarmi, dati alla mano, quali sarebbero i presunti inquinamenti delle falde acquifere conseguenti allo sversamento di tonnellate di piombo che Lei indica nella lettera.
    In qualità di cacciatore corretto non sono disposto a tollerare simili gratuite affermazioni che ledono l’immagine della categoria a cui appartengo .
    Per il resto le auguro tanta fortuna rinnovandole l’invito a lasciar perdere la materia caccia : o si documenta altrimenti fa solo figuracce..

  11. Scritto da Pullu

    Qualche precisazione per il Bertana da Barbariga …
    Della sua lettera apprezzo molto solo lo stile letterario, veramente singolare. Per il resto le consiglio di cambiare filone: invece di ergersi a paladino anticaccia le consiglio di darsi alla narrativa medioevale. Potrebbe fare dei soldi … (Harry potter docet) Avrebbe un discreto successo.
    Per il resto, ovvero il tentativo di analizzare il pianeta caccia .. lasci perdere che non è sua materia ….
    segue

  12. Scritto da Pullu

    Innazitutto mi preme ricordarle che in Italia non si spara a specie sull’orlo dell’estizione come Lei dichiara.
    Tanto per fare un esempio : la rondine non è mai stata cacciabile, nemmeno ai tempi del Duce, ciononostante è in calo demografico pauroso.
    Questo è dovuto alla scomparsa dell’ambiente a lei favorevole, e tale tendenza è figlia della società contemporanea ove, tra le altre cose, è molto in voga il dare addosso alla caccia ed ai cacciatori.

  13. Scritto da Pullu

    Se il proprietario del “maniero” non vuole cacciatori attorno alla sua proprietà non puo far altro che chiedere di chiudere la caccia nell’area. La cosa è fattibile e la possibilità nasce durante il percorso formativo per l’estensione del piano faunistico provinciale.
    Invece di vagheggiare su presunti abusi si informi e si dia da fare che nell’Italia che consente ai cacciatori di cacciare sui terreni altrui esiste anche la possibilità di limitare questo diritto
    Meno demagogia + pragmatismo

  14. Scritto da un paesano

    Se volevi esercitare le tue capacità letterarie allo stile del povero Giovanni Verga, potevi farlo con altri spunti o migliori argomentazioni. Se vuoi fare battaglie contro la caccia, rivolgiti alle associazioni preposte senza venire a Fonteno e mettere di mezzo gli abitanti che sono persone veramente stupende che si danno da fare per ogni cosa e per tutti chi ha bisogno. Caro Petrarca penso tu abbia sbagliato paese per fare chiose. Sicuramente staresti bene nella commedia dell’arte.

  15. Scritto da sovrapposto 12

    Al socio CAI
    Invece di raccontare scemate, Tu cammini su sentieri puliti e sistemati dalla maggior parte dei cacciatori. Voi a fare questa operazione non ci siete mai come non ci sono mai i falsi ambientalisti. Quando pulite un sentiero voi o gli pseudo ambientalisti avete al vostro seguito giornali e tv per farvi vedere, noi con le nostre mani, la nostra umiltà, e la nostra solidarietà che ci contraddistingue e senza proclami. NON C’E PARAGONE!!!!!!!!!!!!!

  16. Scritto da per la redazione

    Da maggio ad oggi sto/a bertana da barbariga imperversa sul vostro portale con lettere tanto ridicole quanto raccontando fatti totalmente inventati e poi mette becco praticamente su ogni vostra notizia.
    Possibile che sia saltato/a fuori tutto dun tratto.
    Se è una vostra nuova invenzione complimente per la fantasia.

    Firmato
    professionista serio

  17. Scritto da la redazione

    Bertana da Barbariga è un lettore, che conosciamo in carne ed ossa, che ha scoperto solo recentemente Bergamonews. Ci invia le sue riflessioni come fanno altri lettori. Come è nel costume del giornale, a tutti garantiamo spazio. Sui contenuti, salvo che siano diffamatori o penalmente rilevanti, non mettiamo becco. Lasciamo che siano i soggetti eventualmente tirati in ballo, o gli altri lettori, a replicare, polemizzare, discutere. Questo è il modo più trasparente, e pensiamo anche serio, di riconoscere a chi ci legge un ruolo da protagonista al pari dei giornalisti.

  18. Scritto da per la redazione

    Se lo dici tu….. vecchia volpe.

  19. Scritto da Stefano Milesi

    Questo lettore, descrive i cacciatori come dei mostri assetati di sangue. Dorebbe invece partecipare a una giornata di caccia, rendersi conto nello svolgimento tutti i problemi che un cacciatore incontra, la passione dello stesso nella battuta di caccia il cane che fiuta la preda.

  20. Scritto da W L'ITALIA

    Non sarebbe piu’ semplice andare a sparare al piattello?

  21. Scritto da Bertana da Barbariga-per @ 18 "professionista serio"

    Egregio, i miei scritti sono stati all’occorrenza accompagnati da rilievi fotografici, quindi veritieri, ed i forum dei lettori ne hanno ancor di più reso prova di veridicità. Il successo di bgnews si deve anche alla possibilità dei suoi attenti lettori di poter interagire tra loro, cosa evidentemente proibita nel Suo portale informativo in cui vige l’antica regola monastica dell’obbedienza.
    E continuerò, Suo malgrado, a dire la mia ovunque ritengo gradevole.
    Distinti saluti, anzi ORATE FRATES.

  22. Scritto da Bertana da Barbariga-per lo stanco @13

    Leggo con tristezza che ti sei perso tre puntate, eri a caccia di farfalle nel deserto del Gobi ??

  23. Scritto da Bertana da Barbariga- @1 pablito

    Caro visconte, praticamente non ne hai azzeccata neanche una.
    Ritenta sarai più fortunato.

  24. Scritto da Bertana da Barbariga-per 21 milesi

    Poverino il mio cacciatore, scegliere il calibro giusto, decidere quale proprietà invadere ed assistere angosciato il proprio segugio che gira tristemente a vuoto alla ricerca della furba ed astuta preda, a si la vita del cacciatore è proprio brutta……………………. ma con passione e vitalità si superano tutti gli ostacoli della vita, BRAVO,

  25. Scritto da Bertana da Barbariga-per il dotto paesano

    M’ILLUMINO D’IMMENSO.
    Sicuramentre saprai chi la scritto, aiutino, comincia per M.
    Non Maradona, va a caccia che è meglio .

  26. Scritto da ZIOBEPPE81

    Il vero problema è che n Italia il cacciaotre è visto come sinonimo di bracconiere e la lettera lo dimostra…

  27. Scritto da M.M.

    NON C’E’ DUE SENZA TRE, SERVE URGENTE UN ALTRO ARTICOLO ANTICACCIA!
    ‘n dì a tacà sö töcc da laà gio cà l’è mèi

  28. Scritto da padre arturo

    i commenti scritti in serie stancano. trasformare questo spazio in un uno contro tutti fa scappare gli altri lettori. La moderazione non è un limite, ma una virtù. Che si parli di caccia o d’altro. Chiaro, no?

  29. Scritto da Saverio

    Purtroppo il valore della proprietà privata in Italia è sconosciuto! Se c’è una legge che consente ai cacciatori d’entrare in casa tua a prelevare selvaggina (patrimonio indisponibile dello stato) per cui pagano fior di tasse, è altrettanto vero che vengono istituiti Parchi nei terreni privati senza il consenso del proprietario, imponendo vincoli d’ogni tipo e senza alcun rimborso, visembra giusto e democratico? Non auguro a nessuno di svolgere attività agricole o forestali in un area protetta!!

  30. Scritto da socio CAI

    Anche camminare per sentieri è pericoloso, adesso magari mi multano perchè grido altrimenti i cacciatori mi impallinano ! !

  31. Scritto da DINO G.

    perchè chi guida ubriaco è arrestato e chi gira con un fucile non è sottoposto allo stesso controllo?

  32. Scritto da Doppietta 12

    Per Dino
    Ma che paragone fai; noi abbiamo il porto d’armi e se non commettiamo infrazioni non vedo perchè ci debbano arrestare.

  33. Scritto da Saverio

    x Dino e chi la pensa come lui, un cacciatore paga lo Stato, le Regioni, le Provincie e anche gli ATC per poter andare a Caccia, deve avere la fedina penale e i carichi pendenti immacolati, deve fare una visita medica ogni 6 anni, se questi non sono controlli e garanzie, ditemi quale altra categoria è sottoposta a simili controlli.Per favore piantatela con le falsità e facile demagogia, informatevi prima di sparare sentenze, siamo stufi e vogliamo essere tutelati anche noi, non siamo di serie B!

  34. Scritto da Stanco di Bertana

    A Bertana di Barbariga
    mai sentito parlare di persone azzannate da razze di cani da caccia,altre razze lo fanno e sono protette. I nostri cani defecano nei prati e nei boschi,i vostri sulle strade e sui marciapiedi e non avete nenneno l’accortezza di pulirle.Dopo le feste di chiuduno,il semaforo di Borgo, i cani di Fonteno un consiglio non continuare ad inquinare la nostra Valle. Piantala di raccontare castronerie.

  35. Scritto da Erardo

    Sono pienamente solidale con il contenuto dell’articolo!

  36. Scritto da DINO G.

    PER SAVERIO.
    Visita medica ogni SEI ANNI……
    Era meglio che non lo dicevi, ogni tua controrisposta è inutile.

    SEI ANNI da non credere.

  37. Scritto da Pablito

    Cara Bertana di Barbariga… ! Ma stattene a casa tua, stattene nella tua città “bella” città vip città della moda… Continua comprare cose cool e fashion… Ma smettila di venir nei nostri splendidi paesi di montagna a rubarci aria buona e a lasciar solo sporcizia e immondizia.. Perchè voi non portate niente altro che questo. Poveri cittadini.. la prox volta ricordati di portare il trono, perchè le sedie di legno magari pungono o sfilacciano i suoi vestiti… Ridicoli

  38. Scritto da M.B.

    Cosa vuole in una Italia dove le frasi ” C’ E’ LO DURO ” sono la quotidianità per i ministri è chiaro che i semplici cittadini devono dimostrare la loro virilità uccidendo degli esseri viventi, molto probabilmente non riescono a farlo conle loro patner, in quanto a Pablito : MA VAI A C….., QUANDO CI DIMOSTRERAI CHE SEI IN GRADO DI UCCIDERE UN CINGHIALE CON UN PUGNALE POTRAI DIRE DI ESSERE UN UOMO, SINO AD ALLORA TACI. AHH IO SONO UN MONTANARO ED CHI INQUINA DI PIU’ SONO I CACCIATORI, INFORMATI

  39. Scritto da ugo

    Nel frattempo il lettore mangia anche la carne…
    giusto? e se vien in montagna.. magari anche polenta e osei? Ridicoli cittadini… Sei ridicola sign. “Contessa” Barbariga. Guardi nel suo orticello prima di rompere le uova nel paniere altrui! Si faccia un esame di coscienza su cosa ha scritto!

  40. Scritto da M.B.

    Per UGO : guarda che se non ci fosse la pianura con il MELGOT non mangieresti la polenta ma il piombo che hai nel tuo orticello, RIDICOLI OMACCIONI RITORNATE NEL PALEOZOICO.

  41. Scritto da montanara

    Ma come siete esagerati!
    Credo che la ragione stia nel mezzo: non credo sia giusto imporre di andare a caccia solo in Africa…ma anche i cacciatori potrebbero essere più rispettosi della propretà privata…
    Insomma, volendo si può convivere, ma ci vuole intelligenza e rispetto per la proprietà privata e per le passioni altrui…

  42. Scritto da collinaro

    Non e’ il massimo che in un terreno demaniale ci sia gente che va in giro a sparare ( chiediamolo al prete-cinghiale ucciso ieri…) . Ma e’ certo ASSURDO che a CASA MIA possano circolare individui armati ( non tutti, ma probabilmente: di eta’ avanzata e quindi poco lucidi, tasso alcoolico a piacere, meno istruiti dei loro cani e quindi con zero sensibilita’ ecologica ). Non c’e’ “via di mezzo”, la proprieta’ e’ privata e tu non ci vieni, se hai il fucile ed i cani ci vieni ancora di meno.

  43. Scritto da G. Comi

    Il sen. Valerio Carrara ha recentemente proposto il reato di disturbo all’attività venatoria.. e se finalmente ci si decidesse a proporre il reato di disturbo da cacciatori? La protervia di certa gente è ben dimostrata da tipi come Pablito (a propostito avete notato che tutti coloro che ce l’hanno con gli ambientalisti o con chi comunque vuole far valere i suoi diritti contro i loro presunti si firmano con nomi ridicoli e assurdi?) e dai loro farneticanti messaggi. Noblesse oblige..