BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Lega toglie soldi e servizi

A proposito dell'aumento degli abbonamenti del trasporto pubblico bergamasco il consigliere provinciale del Partito democartico Alberto Vergalli interviene a criticare le scelte della Lega e del Pdl.

A proposito dell’aumento degli abbonamenti del trasporto pubblico bergamasco il consigliere provinciale del Partito democartico Alberto Vergalli interviene a criticare le scelte della Lega e del Pdl.

Con la ripresa dell’attività lavorativa giungono al pettine dei cittadini bergamaschi i primi duri nodi della iniqua manovra finanziaria del governo Pdl – Lega Nord: per il trasporto pubblico sono infatti in arrivo pesanti tagli ai servizi e aumenti delle tariffe. Con una insolitamente celere decisione la giunta Pirovano ha deciso un aumento delle tariffe pari a + 2,39% e una riduzione delle linee “poco utilizzate”.

Se ne era parlato abbondantemente nei mesi estivi: il PD aveva denunciato come i durissimi tagli decisi dal Governo Berlusconi a luglio avrebbero pesato direttamente sui bilanci dei contribuenti. Ciò che sorprende è lo scarica barile dei nostri politici leghisti/pidiellini, che mentre fanno planare verso di noi maggiori costi e pesanti disservizi guardano altrove per le responsabilità, come se non fossero sempre loro a guidare la Regione e il Governo nazionale.

Qualcuno tra i leghisti magari dirà che poco importa, ridotto il trasporto pubblico useremo tutti un po’ di più la macchina. Il punto è che anche le opere infrastrutturali sono ferme al palo per colpa dei tagli selvaggi della manovra finanziaria, basti pensare alla variante di Zogno. A questo punto ci viene un sospetto: siamo forse in presenza di una sottile politica della giunta Pirovano per incentivare la mobilità ciclo-pedonale su e giù per le nostre Valli?

Alberto Vergalli
Consigliere Provinciale PD

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da LEGHISTA DURO E PURO

    SMETTETELA DI DARE LA COLPA ALLA LEGA!
    LA VOSTRA E’ TUTTA INVIDIA!
    IN REALTA’ LA COLPA E’ DEL GOVERNO DI ROMA

  2. Scritto da ladroni

    La colpa è di tutti i politici che non usano di certo l’autobus ma bensì le autoblu!!

  3. Scritto da Vesuvio

    Caro totonno (3) – Il tuo commento non ti classifica tra le aquile, quali sono i programmi mantenuti ? Il livello di tassazione record ? La quasi triplicazione degli immigrati ? Le ronde ? la riduzione delle risorse alle forze dell’ordine ? Alla scuola pubblica ? I condoni ? Le leggi ad personam ? Il federalismo ? Il nepotismo e le cadreghe ?Ecc. Ecc. Ecc
    Scegli tu.

  4. Scritto da roberto

    per quanto riguarda le poltrone mi sembra che il nostro amico pirovano non abbia di che lamentarsi e così il suo amichetto nunzio consiglio, ma più in generale tutta la esile classe politica leghista è ormai poltronaia… e non facciamoci prendere in giro dai modi scomposti e cialtroni di bossi… ormai sono tutti come renzo detto la trota

  5. Scritto da antonio

    io sono uomo del sud, laureato a napoli e voto Lega e smettetela di dire sempre quando vi fa comodo di accusare la lega che non è solo bergamo efissatevelo in testa che è l’unico partito che mantiene i programmi con gli elettori…. quando c’era la sinistra ho avuto aumento delle tasse universitarie di quasi il doppio e nessuno ha detto niente!!!!!! altro che aumenti dell’autobus!
    ANTONIO detto totonn

  6. Scritto da rizzetta

    I mezzi di trasporto pubblici bergamaschi sono già stra-pagati. La mattina alle ore 7,30, prendendo il bus per recarsi al lavoro, sembra di essere più su un carro bestiame che su un tram di una cittadina del benestante Nord. Spesso non si riesce neppure a salire e si deve attendere la corsa successiva. E vogliono pure aumentare la spesa. Che vergona questa giunta comunale! Non l’ho mai votata e mi convinco sempre più che chi lo fa è solo perchè non si informa bene su questi personaggi!!

  7. Scritto da karajan

    x @2. A volte mi chiedo se scrivo in arabo, ma probabilmente è così. Misiani, i suoi interventi, li vada a fare nelle piazze della bergamasca, come fanno quelli della lega, allora sì che il cittadino sarà coinvolto. Scendete dalle POLTRONE e andate in mezzo alla gente, razza di poltroni!!!!!

  8. Scritto da carlo

    Vergalli ha ragione. Il Governo taglia i fondi agli enti locali i quali si rivalgono aumentando prezzi e tariffe a carico dei cittadini. E’ falso affermare che il Governo “non mette le mani nelle tasche degli italiani”. Non si può negare l’evidenza dei fatti. Per quanto riiguarda le poltrone è meglio tacere, ormai non ne basta più neanche una a testa. Basta guardarsi intorno.

  9. Scritto da alrogo-alrogo

    Purtroppo il nord è pieno zeppo di uomini e donne del sud che, chissà per quale strana alchimia, votano la lega! Chissà che cosa credono! A tè poer totonn

  10. Scritto da karajan

    Caro Vergalli, non è la lega a togliere soldi e servizi ai bergamaschi, poichè i bergamaschi la votano da ormai 20 anni ed allora significa che va bene così. Smettetela di piangervi adosso e fate invece proposte concrete chiamando i bergamasci al coinvolgimento. Anche voi dell’opposizione, da sempre, una volta avuta la vostra sedia ve ne guardate bene dal perderla. Questa volta farò come l’ultima: non andrò a votare!!!

  11. Scritto da Filippo Schwamenthal

    Caro karajan, non tutti i bergamaschi votano lega, per fortuna. Nessuno piange. Protestiamo solamente per un provvedimento scandaloso. Le nostre proposte alternative le facciamo, se non è troppo faticoso puoi leggere per esempio l’intervento di Misiani sulla manovra finanziaria (antoniomisiani.myblog.it) dove si parla di riforma fiscale, liberalizzazioni, enti locali, scuola, ricerca e innovazione….