BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Casse in salute, ma Verdellino rischia il dissesto

Il sindaco Giovanni Bacis invia una lettera al presidente della Repubblica e del Consiglio. "Sanzioni troppo rigide, si rivedano i parametri del patto".

Rischiare il dissesto finanziario pur avendo in cassa oltre un milione e mezzo di euro, che potrebbero essere spesi subito per i cittadini: è questa la denuncia del sindaco di Verdellino Giovanni Bacis in merito al patto di stabilità. Il primo cittadino ha scritto una lunga e dettagliata lettera alla presidenza della Repubblica, alla presidenza del Consiglio, al ministro dell’Economia, ai parlamentari bergamaschi e all’Anci, per spiegare, conti alla mano, come il Comune di Verdellino rischia di venire strangolato dal patto di stabilità. I conti sono a posto, ma il calcolo del patto per il 2010, sulla base del risultato del 2007, rischia di saltare perchè nel 2007 si ebbe un’entrata straordinaria da parte delle Ferrovie dello Stato per i sottopassi stradali alla linea per Bergamo. E nel 2011 Verdellino rischia sanzioni pesanti: "Tutti i Comuni che sforano il patto rischiano sanzioni pesanti – commenta Bacis – perchè le sanzioni sono state inasprite di molto con l’ultima finanziaria. Si è addirittura deciso che, per ogni euro sforato un euro va decurtato dai trasferimenti statali per il Comune. Vale a dire che Verdellino rischia di perdere nel 2011 qualcosa come 700 mila euro di entrate. E’ una situazione assurda".

Apri e scarica in formato pdf la lettera del sindaco

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giani

    Ma non si è capito come mai il comune è finito in quelle condizioni. Egregio Luccisano, non è che qualche Segretario Comunale/Direttore Generale era dormiente?.

  2. Scritto da Luca

    Il punto è che come Verdellino, comune virtuoso, decine e decine di comuni della bergamasca, per non parlare del resto d’Italia, sono nella medesima situazione…c’è una totale disinteresse da parte del governo per queste realtà, come se i comuni fossero un peso o meglio tutti considerabili inefficienti o scialacquatori.
    LEGA E PDL PORTANO IL PAESE ALLA DERIVA E POCHI VERAMENTE SE NE RENDONO CONTO…

  3. Scritto da cittadina di Verdellino

    Complimenti al Sindaco Bacis. Ritengo di condividere in pieno quanto affermato nella sua lettera e mi associo alla sua preoccupazione per la situazione finanziaria del comune. Penso che tutti i cittadini di Verdellino debbano ugualmente sostenere l’invito rivolto dal Sindaco alle alte cariche dello Stato. I criteri di definizione del patto di stabilità non tiene conto delle singole realtà ma fa di ogni erba un fascio penalizzando così anche chi ha rispettato le regole,amministratori e cittadini.

  4. Scritto da Michele Luccisano

    Apprezzo l’intelligenza e la serità con le quali Giovani Bacis ha posto un problema che, come lui stesso scrive, pur coinvolgendo tante amministrazioni di comuni e province, non ha trovato soluzione. A prescindere da questo, io confido che l’iniziativa del Sindaco di Verdellino non sia ignorata da altri amministratori della provincia. E che, anzi, sia utilizzata per tenere desta l’attenzione dell’opinione pubblica destinata a pagare le conseguenze delle ricadute negative sui servizi.

  5. Scritto da Beppe

    Grazie LEGA, che fai gli interessi del Nord. I comuni virtuosi vengono penalizzati, i comuni come catania invece rifinanziati (ben 140 milioni di Euro sono stati stanziati nel 2008 per salvare Catania dal dissesto finanziario)!!!!!!!!!!!!!!!!!