BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Piano aeroporti: Orio ?? “strategico” Prevista una forte crescita

Un'analisi puntuale disegna il futuro di 48 scali italiani: 14, tra cui quello di Bergamo, sono ritenuti idonei a svolgere il ruolo di basi per i voli intercontinentali.

Sono 48 gli aeroporti italiani presi in considerazione e analizzati dallo Studio per lo sviluppo futuro della rete aeroportuale nazionale. Uno Studio voluto dall’Enac ed effettuato da Oneworks, Kgm e Nomisma, quindi, come si può capire si tratta di un’analisi e un progetto di grande respiro e impatto. L’esito dello studio disegna lo sviluppo nei prossimi dieci anni di questi scali: alcuni si  amplieranno, altri rimarranno nei loro "ranghi", altri ancora potrebbero essere ceduti dallo Stato, che intende risparmiare, agli enti locali e saranno allora Regioni, Province e Comuni a decidere il loro futuro.   
Ebbene, alcuni aeroporti, 14 per la precisione, sono considerati "strategici" e serviranno, grazie al potenziamento delle infrastrutture, volumi di traffico sempre crescenti. Sono anche gli unici ritenuti idonei a svolgere il ruolo di basi per i voli intercontinentali. Tra questi 14 c’è anche l’aeroporto di Bergamo-Orio al Serio che, nel nord Italia, viene considerato strategico e da sviluppare insieme a Malpensa, Linate, Venezia e Bologna. Al contrario quello di Montichiari-Brescia rientra nella fascia degli scali che possono essere ceduti agli enti locali, mentre il Catullo di Verona in quella dei non-strategici, nel senso che per questioni logistiche sarà limitato alla sola gestione del traffico nella propria area.
Per Orio e altri 13 dunque si prospetta un futuro di sviluppo, fino ad arrivare a un raddoppio dei passeggeri in transito. Sempre che lo Studio voluto dall’Enac venga confermato così com’è. Infatti il dossier dev’essere analizzato dal Governo e dalle forze politiche per tutti gli impatti che prevede e anche perché di fatto darebbe il via a un vero e proprio federalismo nei 20 aeroporti più piccoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ciolt

    @28 SOLO A bERGAMO???
    E a Napoli?
    Ma la scemenza è sempre presente

  2. Scritto da atalo

    Prevista una forte crescita ..

    di patologie critiche ……..

    nella città e provincia aumento di 30% di tumori all’ anno
    qualche incidenza l’ ha di sicuro anche l’ aumentato inquinamento dovuto allo scalo ..
    aeroporto troppo vicino a centri cittadini ..

  3. Scritto da BGYFEST

    @25
    Ti sbagli. Non sta scritto da nessuna parte che DEVE essere solo Malpensa, un aeroporto che vive solo scroccando per legge voli agli altri scali, poiché, data la sua decentratezza, morirebbe. Uno scalo da dichiarare da chiudere e non strategico.
    Invece, quando Ryanair avrà trovato il modo, da Orio avremo gli intercontientali, dapprima per l’America. Vedrai se non avrò avuto ragione…

  4. Scritto da Orio terminal B "Colognola"

    @24
    ma vaaa!!!
    Vedi, quello del tuo video non è decollato verso Colognola, come puoi ben vedere
    Io lo sapevo prima di te scommetto. C’è stata anche la El Al, per Israele, sempre verso il Serio, nel 1993
    ecc. ecc.

  5. Scritto da El Merendeiro

    Non è previsto che Orio ospiti gli A380, sia perchè in Italia per i prossimi 2/3 anni non ne vedremo di linea (solo a scopo dimostrativo), sia perchè l’unico aeroporto intercontinentale del nord ovest è e sarà Malpensa.
    Anche i B747 cargo adesso atterrano quasi tutti a Malpensa o a Brescia…e poi la pista va bene così: è attrezzata per tutti i tipi di aeromobile, tranne appunto A380.
    La pista dovrebbe essere allungata di 900 mt (+ 600 per il sentiero di discesa), impossibile!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  6. Scritto da X Angelo

    Da PRIMA O POI ad angelo, come ti capisco, purtroppo mi sento di dirti che fra non molto il problema peggiorerà con il collegamento fra orio e malpensa, tramite la pedemontana, srada costruita principalmente per il trasporto merci fra i 2 aereoporti, molteplici saranno i soggetti che la utilizzeranno ma, dal costo al KM, nutro dubbi, 0.06cent km agrate brescia, o.12 cent km pedemontana(tariffa dichiarata da pedemontana stabilita nel 2005), spero che @3 e 7 la utilizzino e poi vedremo chi guferà.

  7. Scritto da IL SONNO E L'ARIA

    “La superstrada ci ha tolto
    il sonno e l’aria respirabile” A @3 e 7 + company. Se lo sviluppo che volete voi porta a queste situazioni, preferisco tornare all’epoca della pietra.provare per credere, poi commentare

  8. Scritto da gigi

    x 4, in effetti riesco a rallegrarmi delle mie battute x 6 guardi che non abito sui colli, abito di fianco alla circonvallazione e non posso tenere aperte le finestre in estate per il rumore, e alle 5 di mattina vuol sapere quanti mezzi pesanti passano ??? , in compenso non rompo e NON invoco ARPA, ANAS, CIA , FBI, KGB, WWF

  9. Scritto da amadori

    … aeroporto intercontinentale? mah!! ma chi scrive ste scemenze?! ma se, ad oggi, abbiamo la pista corta che non permette l’atterraggio di alcuni tipi di aereo… allora mi chiedo: forse è vera l’indiscrezione secondo cui stanno progettando di allungare la pista coprendo un tratto del fiume Serio (dove oggi c’è il sentiero luminoso per intederci)??

  10. Scritto da BELLO

    PER AMODIORI:
    L’AREA CHE LEI HA INDICATO RICADE,SE NON SBAGLIO,NEL COMUNE DI GRASSOBBIO(PARCO DEL SERIO).
    SECONDO LEI IL COMUNE DI GRASSOBBIO CEDRA’ QUELL’AREA PER AUMENTARE LA PISTA VISTO GIA’ I RUMORI CHE SI SENTONO IN PAESE….?
    IO NE DUBIT FORTEMENTE….!|!|!

  11. Scritto da Giogio

    aereoporto troppo vicino alla città ; soprattutto per questo l’ inquinamento a Bergamo e dintorni è cresciuto moltissimo e guardacaso negli ultimi anni anche varie patologie assai critiche

  12. Scritto da Da prima o poi a @11

    A@11 Gigi, non penso si possa fare un paragone fra abitare in fianco a una circonvallazione, sotto a rotte aeree in fase di decollo o ad avere a 10mt dal cuscino un’autostrada con previsioni di 50.000 veicoli al giorno, chi contesta o critica, potrebbe avere una problematica molto più seria della sua, anch’io risiedo nelle immediate vicinanze di una statale ormai congestionata, ma di quella non mi lamento.

  13. Scritto da Purtroppo

    per @ 13. mi spiace deludere il suo pensiero ma quando sono in gioco grandi opere i parchi protetti, aree a rischio, centri urbani, eree storiche, ecc. non potendo o volendo modificare l’0pera sono seriamente a rischio. Mi dispiace smemtirla, ma è un dato di fatto odierno, vedi pedemontana vicentina e lombarda .

  14. Scritto da amadori

    @bello
    l’area sopra il sedime del fiume è demaniale mentre dall’altra parte della sponda è ancora comune di Seriate (campagna – zona Cassinone..) il Parco del Serio (politicizzato anch’esso tanto per cambiare) cmq sarebbe davvero l’ultimo dei problemi per le autorizzazioni.. certo ipotizzando si realizzasse davvero, i cittadini del Cassinone leggeranno davvero la marca degli pneumatici degli aerei..

  15. Scritto da Jacopo

    @amadori
    La pista di Orio è già lunga a sufficienza!
    Già oggi atterranno i vari B747, A340, ecc… aerei di utilizzo prettamente intercontinentale!
    Prima di dire cose errate è utile documentarsi.

  16. Scritto da A 380

    A @jacopo, non conosco strutturalmente orio, ma di recente a malpensa sono atterrati 2 A380, la previsione della 3a pista sarebbe dovuta proprio a loro, 1 per la consistenza portante della pista(differenza sostanziale di peso) 2 per l’ingombro alare (8omt contro i 60mt), non tanto per la pista, quanto per la zona manovra e parcheggio che era stata realizzata per aerei meno ingombranti, potrebbe essere una possibile problematica anche per orio naturalmente

  17. Scritto da baluba

    @18
    Informati allora, asino comitatese
    Non ci sono né jumbo né A340… Magari ce ne fossero

  18. Scritto da sviluppo?

    paghiamo prezzi altissimi per il profitto di pochi. E’ di un evidenza disarmante per chi abita a Bergamo che l’aeroporto, addossato alla città, ha già da tempo superato il limite di sostenibilità ambientale. Come sempre non c’è misura all’avidità che prevarica sui bisogni ed il rispetto dei cittadini. Sappiamo bene chi beneficia della vorticosa attività aeroportuale e chi chi perde. Chi difende con tanto furore lo scalo è proprio sicuro di essere nel giusto?

  19. Scritto da S t r a t e g i c o

    Perchè non attivare la seconda pista sul sentierone?
    se ci simette daccordo con la Foppa Pedretti Enrica
    per le bancarelle dei prodotti tipici
    si potrebbe anche fare.
    Che ne dite?

  20. Scritto da Jacopo

    @baluba
    Per tua info:
    http://www.youtube.com/watch?v=1aYrLWYAjuc

  21. Scritto da El Merendeiro

    Bene!

    Ora serve coordinamento con i comuni limitrofi affinchè si eviti una ulteriore cementificazione inutile vicino all’aeroporto….e soprattutto vanno tutelati i cittadini, sempre nell’ottica che l’aeroporto dev’essere un fatto positivo e non un disagio.

  22. Scritto da corti-novis

    La crescita va bene…ma anche la salute deve essere in crescita.

    Montichiari se deve crescere dobbiamo sborsare noi i soldi, questo è il succo dell’indagine(devono pensarci gli entilocali)

    Orio come la gallina che fa le uova d’oro bisogna sfruttarla ha scapito della salute,.Vince il mercato e perde l’uomo.

  23. Scritto da gigi

    x 2 se siete pesanti, gufate sempre, anche se gli aerei non inquinassero e non facessero rumore, direste che coprino il sole, fanno troppa ombra,quando atterrano, consumano troppe gomme, e per fare le gomme si usa il petrolio, e allora si inquina……………

  24. Scritto da Marino B.

    Per il sig. gigi………….No comment.!.!.!..
    E pensa d’essere spiritoso.?.!

  25. Scritto da giobatta

    strategia dovrebbe presupporre pianificazione, visione razionale,ecc… A me sembra invece che Orio ci sia cresciuto dentro a noi senza che ne accorgessimo, in seguito ad una furba”strategia” di UNA compagnia aerea. Ma non e´ surreale che il terzo aeroporto dÍtalia sia ancora alla ricerca di nuove rotte di decollo: bisognava fare la prova per sapere che il decollo ad est “ranzava ” i tetti del Cassinone?. Ed il curvone da ottovolante del decollo ad ovest? Per piacere non parliamo di strategia!

  26. Scritto da PRIMA O POI.....

    Caro Sig Gigi, non faccia ironia, se una bella mattina le capitasse ciò che è successo a me, cambierebbe modo di esprimersi, mi sono ritrovato con una bella autostrada in giardino, mi si chiedono sacrifici per la collettività, non ci stò, io mi alzo alla mattina e i sacrifici li faccio per la mia famiglia, la collettività non mi ha dato niente, se vuole compensare Lei sarei felicissimo così proverebbe sulla sua pelle e sul portafoglio sopratutto, forse capirebbe, cordiali saluti e auguri.

  27. Scritto da W ORIO E SVILUPPO

    GIGI lei è un grande a differenza di quei … sapevano l’esistenza dell’aereoporto ha costruito o comperato appartamenti solo ed esclusivamente per lucrare, mai pensando che tutto questo potesse ritorcersi contro ora a distanza di anni ovviamente ci ritroviamo ad un fastidioso incremento?
    insomma nessuno rinuncia a niente ma tutti pretendono cosa vogliono tornare ad avere le strade di 50anni fa con le auto che ci sono oggi assurdo
    si lamentavano ad andare a Linate oggi si lamentano di orio

  28. Scritto da angelo

    Ho comprato casa a Stezzano nel ’93. La scelsi anche per la relativa tranquillità della zona. Gli aerei partivano in pochi e si vedevano lontani. Adesso mi passano sopra la testa, iniziano la mattina presto e finiscono la sera tardi. E’ una specie di disgrazia che ti capita tra capo e collo, non potevi saperlo prima. E poi ti tocca anche sopportare l’arroganza di soggetti come il n. 3 e il n. 7 e di non essere nemmeno tutelato dalla giunta leghista, impegnata ad aumentare le tasse