BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Consigli svolta con il 47, Doni torna al magico 27

Scaramanzia, ricordi o dediche: queste le principali motivazioni legate alla scelta dei numeri per prossima stagione dei giocatori atalantini.

Più informazioni su

Scaramanzia, vecchi ricordi o dediche particolari: queste le principali motivazioni legate alla scelta dei numeri per prossima stagione dei giocatori atalantini. L’oscar della particolarità va senza dubbio al 47 di Andrea Consigli, piuttosto insolito per un portiere. Nulla di strano per l’estremo difensore di origine milanese, che fin da piccolo è sempre stato legato ai numeri 4, per la sua posizione nel registro scolastico, e al 7 per la sua prima maglia da giocatore di calcio (evidentemente fuori dai pali). Daniele Capelli ha invece voluto tornare al suo vecchio numero 4, che tanta fortuna gli ha portato negli anni scorsi e che nelle ultime tre stagioni era stato per così dire utilizzato (mai termine fu meno azzeccato) dal desaparecido Costinha. Un po’ come Cristiano Doni, che dopo una stagione sfortunata anche a livello personale ha voluto dare una sterzata inserendo la retro, ed è tornato al 27 dei sui primi e magici anni a Bergamo. Edgar Barreto si è ripreso il suo caro numero 8 che porta anche con la maglia della sua nazionale, rimasto libero dopo la partenza di Garics, ed è pronto a guidare il centrocampo nerazzurro. Più affettuoso il motivo che ha portato Matteo Ardemagni alla scelta del numero 63 visto che è l’anno di nascita di suo papà Fabio, al quale il nuovo attaccante atalantino è legato al punto da tatuarsi anche il suo nome sul braccio e dedicargli numerose sue reti la scorsa stagione al Cittadella. Federico Peluso conferma il 13 del suo idolo Alessandro Nesta, e Ciccio Ruopolo il 28 dei bei tempi all’AlbinoLeffe, sperando di ripetere anche lo stesso numero di gol. Il mitico numero 10, invece, non è ancora stato scelto da nessuno. Sarà stato forse tenuto da parte per un nuovo grande colpo di mercato del presidente Percassi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.